È meglio dormire con i calzini?

Dormendo con i calzini, è più facile stabilizzare la temperatura corporea. In questo modo, eviteremo di sentire freddo nel bel mezzo della notte e al risveglio, il che favorisce un riposo migliore

Si dice che la metà della popolazione dorma indossando i calzini. Ci sono persone che, in qualsiasi periodo dell’anno, devono avere i piedi “protetti”, mentre altre non li usano nemmeno in inverno, perché non riescono a riposare se qualcosa li fa sentire scomodi.

Allora… è meglio dormire con i calzini o senza? Lo spieghiamo in questo articolo.

Dormite con o senza i calzini?

donna a letto con i calzini


Possiamo dire che ci sono tanti modi di dormire quante persone nel mondo. Alcuni decidono di indossare un pigiama, mentre altri scelgono di usare più coperte.

Altri ancora, invece, preferiscono alzare i termosifoni per non dormire troppo coperti e, quando arriva l’estate, c’è chi opta per un ventilatore o l’aria condizionata e chi, invece, non si copre nemmeno con un lenzuolo.

Lo stesso accade con l’uso dei calzini. In pratica, è una questione di gusti.

Non vogliamo certo cambiare le vostre abitudini né dirvi che ciò che fate sia giusto o sbagliato, bensì darvi tutte le informazioni necessarie per rispondere alla domanda: fa bene o no dormire con i calzini?

Gli esperti elencano l’eccessiva sudorazione dei piedi durante la notte tra i motivi “negativi”.

Anche se è vero che i calzini ci tengono caldi, hanno alcune conseguenze non proprio sane, tra le quali:

  • Infezioni (funghi, piede d’atleta, desquamazione).
  • Problemi di circolazione (soprattutto se i calzini stringono molto sulle caviglie).
  • I piedi non riposano né si rinfrescano.
  • Cattivi odori perché sono “rinchiusi”.

La buona notizia è che, per evitare tutti questi problemi, si consiglia di cambiare sempre i calzini prima di andare a dormire. In altre parole, mai usare gli stessi indossati durante la giornata.

Non solo perché sono sporchi, ma anche perché accumulano sudore e batteri e, inoltre, macchiano le lenzuola. In più, è necessario usare calzini che non stringano e che non blocchino la circolazione sanguigna.

Scegliete sempre calzini di cotone o, meglio ancora, quei calzini speciali che si usano, per esempio, sugli aerei o durante lunghi viaggi.

D’altra parte, se desiderate dormire profondamente, senza svegliarvi all’improvviso, la cosa migliore è proprio indossare i calzini. Sapevate che chi dorme con i calzini prova una sensazione più piacevole rispetto a chi ricorre a diverse coperte?

In questo modo, infatti, si possono prevenire gli sbalzi di temperatura corporea che ci fanno svegliare all’improvviso o che ci impediscono di conciliare il sonno. È perfetto per non doversi alzare per andare in bagno all’alba e per non dare fastidio a chi ci dorme accanto!

Leggete anche l’articolo: 5 piante da mettere in camera da letto per conciliare il sonno

I tanto trascurati calzini

Dormire con i calzini

Nessuno può negare che i calzini siano il capo più trascurato dell’armadio.

Vengono nascosti dalle scarpe o dai pantaloni, non vogliamo che si notino e ci sentiamo persino in imbarazzo se li indossiamo nei momenti di intimità con il nostro partner o quando ci facciamo visitare dal dottore.

Per non parlare di quando, timidamente, si affacciano dalle scarpe o dai pantaloni e mostrano al mondo che sono spaiati! Nonostante ciò, sono sempre di più gli stili in voga che mettono in risalto i calzini e che li offrono sul mercato con diverse fantasie, materiali e usi.

Uno studio condotto dalla Società Spagnola di Neurologia spiega che uno dei migliori modi di riposare bene è indossare un paio di calzini.

Sembrerebbe che questa semplice abitudine garantisca molte ore di sonno ristoratore e sia in grado di prevenire l’insonnia cronica. Possiamo persino dire che i calzini sono oggetti magici che ci aiutano a dimenticare i problemi quotidiani!

Ci sono anche altri motivi per cui non dormiamo bene: cambiamenti fisiologici causati dall’età, i viaggi, l’esposizione a temperature estreme, non trovarsi a casa propria o seguire una dieta squilibrata.

Anche se esistono molti “rimedi della nonna” per riuscire a riposare meglio (bere un infuso, farsi un bagno caldo, fare una cena leggera o contare le pecore), possiamo dire che indossare i calzini è la cura per tutti i mali.

Ovviamente, per riuscirci, è necessario anche adottare altre abitudini, come non fare attività fisica la sera, evitare di bere caffè o le bibite gassate a cena e non guardare la TV a letto.

Non dimenticatevi di leggere anche: I 3 migliori infusi da bere la sera

È tutta una questione di temperature

piedi con calzini

Gli acerrimi nemici dell’uso dei calzini per dormire potrebbero cambiare idea se prendono in considerazione gli studi e le ricerche che sono stati realizzati su questo argomento.

Non c’è bisogno di dire che un buon riposo serve a migliorare la memoria, a ricaricare le batterie e persino a rigenerare la pelle.

Nonostante ciò, per godere di tutti questi benefici, è necessario mantenere una temperatura corporea equilibrata durante tutta la notte.

All’alba, la temperatura ambientale si riduce rispetto al resto della giornata e lo stesso accade con il nostro corpo. È per questo che, così spesso, quando ci mettiamo a letto, abbiamo bisogno di una sola coperta, ma poi ci svegliamo nel cuore della notte per coprirci anche con qualcos’altro.

I capi d’abbigliamento che scegliamo per dormire sono fondamentali. L’uso dei calzini o delle babbucce che ci riscaldano i piedi è sano e necessario.

Proprio come succede durante il giorno, quando sentiamo freddo in tutto il corpo se i nostri piedi sono infreddoliti, di notte abbiamo bisogno di tenere al caldo gli arti inferiori per dormire bene.

Quando i piedi sono caldi, le vene si dilatano e il calore si distribuisce meglio in tutto il corpo. Il cervello “capisce” che il corpo sta bene ed è quindi più propenso al riposo.

Se, invece, i piedi sono freddi, lo sarà anche l’organismo e la mente deve quindi lavorare di più per regolare la temperatura corporea. Questo ci impedisce di rilassarci, ci mette in “stato d’allerta” e addormentarsi diventa più difficile.