5 motivi per tenere in casa un barattolo della felicità

Nel barattolo della felicità potete lasciare ogni giorno un biglietto con un messaggio positivo per i vostri cari: li aiuterà a capire quanto siano importanti per voi
5 motivi per tenere in casa un barattolo della felicità

Ultimo aggiornamento: 04 ottobre, 2017

Si dice che la felicità sia fragile come il cristallo.

Il cristallo però, se ben lucidato, brilla e risplende. Se poi lo proteggiamo con la vernice dell’affetto e della dedizione, può diventare duro come il diamante.

Ora, per prendersi cura di un materiale tanto prezioso ovvero del benessere, nostro e dei nostri cari, occorrono gesti di buona volontà, di premura e di quel “saper fare” che non è affidato al caso e alla spontaneità, ma è ben pianificato.

Un buon modo per ottenerlo è il “barattolo della felicità”. Si tratta di una tecnica motivazionale che in genere offre buoni risultati con gruppi ristretti, come una classe scolastica, un ufficio e, soprattutto, la famiglia.

Il funzionamento è semplice: bisogna riempirlo tutti i giorni con pensieri positivi rivolti agli altri componenti del gruppo.

Devono essere pensieri e frasi autentiche, sentite, cariche di motivazione, di affetto e di incoraggiamento.

Vi spieghiamo come sfruttarlo al meglio e quali benefici si possono ottenere.

1. Lavoriamo con l’Intelligenza Emotiva

barattolo della felicità

Nella quotidianità non sempre riusciamo a trovare l’occasione per dire ai nostri genitori, figli o partner quanto affetto proviamo per loro.

Per qualcuno di noi è un po’ faticoso, oppure trova difficile esprimere a parole questa emozione.

Con un barattolo della felicità comunicare questi pensieri è molto più facile; inoltre, lavoreremo tutti i giorni sull’intelligenza emotiva che ci aiuta a gestire meglio la sfera delle emozioni.

Ecco qualche esempio di frasi che si possono lasciare all’interno del barattolo:

  • “Sono orgoglioso di te per come hai affrontato quel problema che avevi”.
  • “Adoro quando sorridi, sei una persona molto speciale”
  • “Grazie per la tua gentilezza di ieri, sei una parte importante della mia vita”.
  • “Oggi a lavoro ti ho pensato tanto, non vedevo l’ora di tornare a casa”.
  • “Scusa se ti ho fatto arrabbiare ieri, a volte parlo senza pensare e poi mi pento. Voglio solo che tu sappia che sei la cosa più bella della mia vita”.

2. Il barattolo della felicità, un aiuto educativo per i nostri figli

bambina con fiore

Il barattolo della felicità è una strategia utile nell’educazione dei bambini.

  • Ogni giorno ricevono un nostro rinforzo positivo che li aiuta a crescere e maturare.

“Sono orgoglioso per come ti impegni a scuola”, “Mi piace come ti prendi la responsabilità delle tue cose”. “Non ti preoccupare per quello sbaglio, papà e mamma hanno fiducia in te. Siamo sicuri che la prossima volta farai meglio”…

  • Anche loro devono lasciare dei bigliettini per noi. In questo modo sono obbligati a riflettere, a esprimere le loro emozioni, a fare uno sforzo di analisi.

Il fatto che il barattolo della felicità enfatizzi l’aspetto positivo delle cose è molto adeguato, conferisce motivazione e sicurezza nel momento in cui i ragazzi più ne hanno bisogno.

3. Riscopriamo i piccoli dettagli della vita quotidiana

I piccoli dettagli sono i mattoncini della felicità, sono gesti intenzionali carichi di affetto autentico, di quello sguardo che si prende cura e che sa di cosa abbiamo bisogno, cosa ci piace.

Il barattolo della felicità è la casa dei piccoli dettagli quotidiani, dove riceveremo un “grazie per essere come sei” o “mi piace stare con te”…

Sono frasi semplici, brevi ed elementari, che rallegrano e illuminano la nostra giornata, che ci danno coraggio.

barattolo con cuore

4. Coltiviamo la gratitudine

In famiglia spesso si danno le cose per scontate. Pensiamo, ad esempio, che tutto ciò che fa il nostro partner per noi sia normale, dovuto.

  • Diciamo a noi stessi che ricevere un favore da nostra madre, nostro nonno o fratello sia consueto in una famiglia.
  • Quando si banalizzano i gesti d’affetto, inevitabilmente si perde la magia. La persona che li compie può perfino sentirsi delusa, poco considerata.
  • Ecco perché non è mai di troppo dire “grazie”, scriverle “ti amo”, “che farei senza di te”…

Sono piccole frasi che hanno un grande significato.

5. Focalizziamoci sugli aspetti positivi

barattolo con bigliettini

La nostra vita abbonda di critiche, di stanchezza, di stress che ci obbliga a fare tutto in fretta senza concentrarci su quello che abbiamo di fronte, su ciò che serve al cuore e di cui, a volte, ci dimentichiamo.

  • Lo scopo di questi messaggi scritti è di focalizzare la nostra attenzione sul positivo della vita.
  • Così facendo ci resettiamo, smettiamo di dare eccessiva importanza a quello che ci infastidisce o preoccupa per percepire l’affetto dei nostri cari, per ricordarci di quello che amiamo prima di tutto e che ci rende felici.

Vi consigliamo di provare questa esperienza. Fatevi aiutare dai più piccoli: scegliete un bel barattolo di vetro, decoratelo come più vi piace e cominciate subito a riempirlo di messaggi positivi.

Potrebbe interessarti ...
Alcuni consigli per trasformare i pensieri negativi in positivi
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Alcuni consigli per trasformare i pensieri negativi in positivi

Quando i pensieri negativi inondano la mente, è bene cambiare il proprio atteggiamento e imparare a relativizzare così da non deprimersi



  • Lantieri, L., & Goleman, D. P. (2008). Building emotional intelligence: Techniques to cultivate inner strength in children. Sounds True.
  • Park, N., & Peterson, C. (2006). Character strengths and happiness among young children: Content analysis of parental descriptions. Journal of Happiness Studies, 7(3), 323-341.
  • Dunn, E. (2016). The Jar of Happiness. The School Librarian, 64(3), 153.
  • Witvliet, C. V., Richie, F. J., Root Luna, L. M., & Van Tongeren, D. R. (2019). Gratitude predicts hope and happiness: A two-study assessment of traits and states. The Journal of Positive Psychology, 14(3), 271-282.
  • Berkowitz, MW (2001) La ciencia de la educación del carácter. Institution Press Stanford,
  • Argyle, M. (2001) La psicología de la felicidad. Routledge: East Sussex