Neomamme: guida basilare di sopravvivenza

Diventare mamma è un evento che genera molta incertezza nelle donne, soprattutto nelle neomamme. In questo articolo, vi presentiamo una guida utile per aiutarvi a muovere i vostri primi passi da mamma.

Ciao future neomamme. Non vedevate l’ora di diventare mamme e il vostro desiderio si è esaudito. Che gioia! Siete incinte e avrete il vostro primo figlio. È normale che in questa fase abbiate delle paure e molte incertezze. Tuttavia, essere madre sarà sempre una benedizione.

Sì, vi sono molte cose che dovete imparare ma, poco a poco, vedrete che non è poi così difficile come sembra e che vi godrete ogni esperienza durante e dopo la gravidanza.

Sarete neomamme?

Con il passare delle settimane, il vostro bebè cresce e, insieme a lui, anche i vostri nervi da neomamma. Ma vi diamo una buona notizia: l’istinto materno è qualcosa di naturale. Dunque rilassatevi un poco e godetevi il momento. Nove mesi volano!

Tutti i giorni vi sorgono nuovi dubbi e vi ponete delle nuove domande. E, nonostante i bambini non arrivino insieme a un manuale d’istruzioni, vi aiuteremo affinché vi sentiate più preparate.

Madre con bebè

Perché la pelle del bebè è trasparente?

Quando vedrete vostro figlio per la prima volta, noterete che ha la pelle (soprattutto delle mani e dei piedi) di un colore rosso violaceo e che, inoltre, nasce con una sostanza biancastra. Questo è dovuto allo sforzo che ha fatto per attraversare il canale del parto, tuttavia va scomparendo col passare dei giorni.

Questa sostanza biancastra si chiama vernice caseosa ed è lo strato di grasso che ha protetto il suo corpo per tutta la durata della gravidanza. Si assorbe da sola 2 o 3 giorni dopo la nascita. Se la sua pelle ha un aspetto trasparente o è molto sgualcita e rugosa, ricordatevi che ha nuotato nel liquido amniotico per 9 mesi e che il suo sistema circolatorio si sta ancora sviluppando.

È normale che strizzi gli occhi?

Sì, è normale che i bebè strizzino gli occhi nei primi 4 mesi di vita. Questo è dovuto a due ragioni: l’immaturità dei muscoli oculari e il fatto che vedono molto male quando nascono. Gli impulsi nervosi sono inefficaci quando si tratta di muovere il corpo. È per questo che i neonati si muovono in modo goffo, i loro muscoli non permettono loro di farlo bene.

Per questa ragione, i neonati non sono coordinati, non gattonano e si muovono molto. La stessa cosa accade con i muscoli oculari. Essendo acerbi, fanno si che gli occhi si muovano bruscamente e perseguano con lo sguardo qualcosa che ha richiamato la loro attenzione, arrivando talvolta persino a incrociare gli occhi.

I bambini quando nascono hanno una messa a fuoco molto povera, riconoscono in modo nitido solo ciò che è situato a circa 20 o 30 cm di distanza. La loro vista non riesce a fare di più e, quando cercano di vedere cose più lontane, finiscono per strizzare gli occhi.

Madre e neonato sorridenti

Scoprite: La gravidanza: legame magico con un essere che già amiamo

Quante volte al giorno dobbiamo cambiare il pannolino?

Durante le prime settimane di vita, il bambino bagna il pannolino ogni 3 o 4 ore. Questo ritmo varia molto da un bebè all’altro. Inoltre, dipende anche dall’alimentazione che gli state dando. La cosa normale è che dobbiate cambiargli il pannolino 8 o 10 volte al giorno.

Ogni volta che lo fate, dovete lavare le sue piccole natiche con dell’acqua tiepida e asciugarlo bene con un asciugamano di cotone. Assicuratevi che la sua urina sia di un colore chiaro, inodore e in poca quantità. Al contrario, questo può essere un indicatore che il vostro bebè non sta prendendo latte a sufficienza nel periodo di allattamento o che il miscuglio di latte in polvere con dell’acqua è molto concentrato.

Nelle prime 24 ore, il neonato espelle il meconio (feci scure e quasi nere). Dopodiché, il piccolo dovrebbe macchiare il pannolino 4 volte al giorno come minimo.

Come curare il cordone ombelicale?

In quanto neomamme, è importante che sappiate che il cordone ombelicale si stacca in modo naturale dopo un periodo che va fra i 5 e i 15 giorni. Non cercate di strapparlo, neanche se è quasi del tutto staccato. Il cordone ombelicale deve essere sempre pulito per prevenire possibili infezioni.

Evitate di coprirlo con il pannolino. In questo modo, non ci sarà il rischio che si sporchi di urina o feci del bambino. Più si mantiene asciutto, più velocemente si staccherà. Non fate il bagnetto al bambino i primi giorni dopo la sua nascita. Lavatelo con piccole spugnette o con degli asciugamani umidi. Inoltre, potete pulirlo con un antisettico.

Madre che fa bagnetto a neonato

A seguire, vi diremo passo a passo il modo corretto per pulire il cordone ombelicale:

  • Lavatevi molto bene le mani.
  • Impregnate una garza sterile nella soluzione antisettica.
  • Pulite delicatamente la parte circostante il cordone.
  • Alzate la pinza che chiude il cordone per accedere a tutte le parti e non lasciare alcuna piega sporca.
  • Ripetete il processo 2 volte al giorno.

Scoprite: Diventare mamma a 35 anni: 6 vantaggi

Sappiamo quanto è importante questo per voi. Per questo motivo, non vi lasceremo sole nel processo. Il vostro istinto materno vi aiuterà a fare le cose per bene. Per vostro figlio sarete sempre le migliori del mondo. Credete in voi!

Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche