Non pensare a un elefante rosa: come evitare le idee invasive

Per evitare le idee invasive, la cosa peggiore che possiamo fare è cercare di non pensarci. Di seguito spieghiamo perché e qual è il modo migliore per evitare questi pensieri.
Non pensare a un elefante rosa: come evitare le idee invasive

Ultimo aggiornamento: 19 settembre, 2022

Se ti chiediamo di pensare a qualcosa, a tutto tranne che a un elefante rosa, sicuramente ti sarà difficile non immaginarne uno. Ma perché? A cosa è dovuto questo fenomeno?

La verità è che più ci sforziamo di toglierci un pensiero dalla testa, più è probabile che lo pensiamo. In psicologia, questo fenomeno è noto come teoria del processo ironico. Suggerisce che cercare di sopprimere un pensiero ha effetti paradossali come strategia di autocontrollo.

Per rimuovere qualcosa dalla nostra mente, dobbiamo prima pensare a quel qualcosa, portarlo alla nostra coscienza. Così, l’immagine o l’idea che vogliamo sopprimere apparirà inevitabilmente.

In questo articolo approfondiamo questo fenomeno e ti mostriamo una strategia efficace per evitare quei pensieri che prendono il sopravvento e che non sappiamo come reprimere.

Non pensare a un elefante rosa!

Nel 1987, il Journal of Personality and Social Psychology ha pubblicato uno studio condotto dallo psicologo sociale Daniel Wegner, in cui è stata affrontata per la prima volta la teoria del processo ironico. In questa indagine, i partecipanti hanno partecipato a due esperimenti in cui hanno dovuto verbalizzare il loro flusso di coscienza per 5 minuti.

Nel primo esperimento è stato chiesto loro di non pensare a un orso bianco. Mentre nel secondo è stato chiesto loro di pensare a detto animale.

I risultati hanno confermato che i partecipanti erano più preoccupati di pensare a un orso bianco nel primo esperimento, nonostante fosse stato chiesto di non pensarne uno. I ricercatori hanno concluso che la soppressione di un pensiero ha effetti paradossali come strategia di autocontrollo. Questo può portare a ossessione e preoccupazione, nonostante i tuoi migliori sforzi per ignorare l’idea.

Che ci venga detto “non pensare a un elefante rosa” o qualsiasi altra immagine, questo processo psicologico aumenta le possibilità di pensare a ciò che non vogliamo. È la teoria del processo ironico.

È inutile che i nostri cari ci incoraggino nei momenti difficili dicendoci “smettila di pensarci”. Il suo consiglio di sopprimere i pensieri, paradossalmente, non poteva che servire solo a rafforzare le idee invadenti.

Le conseguenze del paradosso dell’elefante rosa

Il paradosso illustrato da “non pensare a un elefante rosa” può non solo intensificare i pensieri invasivi, ma anche influenzare il modo in cui ci sentiamo e agiamo. In questo caso, dare troppa importanza a un pensiero può portarci ad atteggiamenti dannosi.

Pensieri negativi.
I pensieri negativi possono arrivare come una marea e indugiare nella mente, interrompendo il nostro flusso di decisioni.

Le emozioni negative persistenti

I pensieri intrusivi sono spesso associati a depressione, ansia, stress post-traumatico e disturbo ossessivo-compulsivo. Tuttavia, chiunque può svilupparli in modo simile a un’ossessione clinica.

In questi casi, è abbastanza comune che le persone si sentano ansiose e preoccupate per le idee invadenti che le affliggono. Non solo per il fatto di non poterli controllare, ma per il loro contenuto.

Mancanza di concentrazione

Da parte sua, uno studio ha rilevato che le persone che tendono a sviluppare pensieri negativi e che si preoccupano per loro, mostrano una maggiore distrazione quando cercano di concentrarsi su un compito specifico. A lungo andare, la mancanza di concentrazione finisce per nuocere alla creatività, allo sviluppo professionale e all’instaurazione di relazioni professionali e personali.

Difficoltà a prendere decisioni

Quando i pensieri intrusivi sottraggono la nostra attenzione, il processo decisionale è spesso di parte. In questo caso, invece di esprimere giudizi razionali e ponderati, ci lasciamo trasportare da presupposti sbagliati, che non hanno nulla a che fare con la realtà.

4 passaggi per evitare le idee invasive

Il paradosso del “non pensare a un elefante rosa” ci mostra che il modo peggiore per evitare le idee invasive è cercare di smettere di pensarci. In questo caso, l’opzione migliore sarà essere consapevoli di loro e delle emozioni che provocano. Vediamo come farlo.

1. Prendere le distanze dai pensieri

Abbiamo la falsa convinzione che tutto ciò che pensiamo ci appartenga e ci definisca, ma nulla è più lontano dalla realtà. La verità è che non siamo nostri i vostri pensieri e questi non dovrebbero governarci. Un pensiero invadente è solo uno in più, dei tanti che abbiamo un giorno.

Ora, come prendiamo le distanze da loro? Un modo molto efficace è diventare consapevoli che stiamo avendo un pensiero negativo. Ad esempio, se siamo invasi dall’idea che non piacciamo a nessuno, diciamo a noi stessi: ” Sto facendo un pensiero in questo momento che dice che non piaccio a nessuno “.

Mindfulness e meditazione sono ottimi strumenti per prendere le distanze dai nostri pensieri e lasciarli fluire, senza giudicarli, creando un diverso tipo di controllo. Pertanto, ti invitiamo a includere queste pratiche nella tua routine quotidiana.

Mindfulness per controllare i pensieri invadenti.
Alcune pratiche meditative ci avvicinano all’osservazione della mente per separarci da ciò che il pensiero vuole farci credere.

2. Essere consapevoli del momento presente

Il secondo passo è rendersi conto e accettare che stiamo avendo un pensiero invadente. Continuando con l’esempio precedente, significherebbe dirci: “ Sono consapevole che in questo preciso momento sto avendo un pensiero che si basa sul fatto che non piaccio a nessuno ”.

3. Riconoscere le emozioni suscitate dal pensiero

Successivamente, dobbiamo prendere coscienza delle emozioni e dei sentimenti che questo pensiero invadente innesca in noi. Ad esempio, ” quando ho il pensiero che non piaccio a nessuno, mi sento triste, frustrata, senza energie, mi viene da piangere…”. In questo modo portiamo alla coscienza tutti quegli stati emotivi che l’idea invadente provoca.

4. Sfidare il pensiero invasivo

Il più delle volte, i pensieri invasivi sono irrazionali e non corrispondono alla realtà. Pertanto, dobbiamo chiederci quanto sia vera quell’idea.

Continuando con l’esempio precedente, l’ideale sarebbe dire a noi stessi: ” Non piaccio davvero a nessuno o ci sono alcune persone a cui non piaccio, ma ce ne sono molte altre che mi piacciono?”.

Possiamo scegliere

Per concludere, vogliamo sottolineare che molte volte non saremo in grado di decidere cosa pensiamo. Tuttavia, abbiamo la libertà di scegliere quanto valore, attenzione, credibilità e impegno ci dedichiamo.

Potrebbe interessarti ...
Pensieri negativi: 4 atteggiamenti da evitare
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Pensieri negativi: 4 atteggiamenti da evitare

I pensieri negativi sono frutto di emozioni che dobbiamo imparare a controllare. Prendiamoci cura di noi stessi e iniziamo ad amarci.



  • Fox E, Dutton K, Yates A, Georgiou G, Mouchlianitis E. Attentional Control and Suppressing Negative Thought Intrusions in Pathological Worry. Clin Psychol Sci [Internet]. 2015  [consultado el 16 de agosto de 2022]; 3(4):593-606. Disponible en: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4618297/
  • Wegner D, Schneider D, Carter S, White T. Paradoxical effects of thought suppression. Journal of Personality and Social Psychology [Internet]. 1987 [consultado el 16 de agosto de 2022]; 53(1): 5–13. Disponible en. https://doi.org/10.1037/0022-3514.53.1.5