Come prendere decisioni migliori?

23 Marzo 2019
Per prendere decisioni migliori è necessario rivedere il proprio modo di pensare e organizzare le priorità in maniera realistica

Ogni giorno dobbiamo continuamente prendere decisioni, dai dettagli più triviali alle questioni più importanti. Il fatto è che nella vita tutto è frutto di una decisione, perciò l’ideale è prendere le decisioni migliori.

Non tutti, però, vedono le cose con chiarezza e riescono a prendere decisioni, perciò hanno bisogno di aiuto.

Consigli per prendere decisioni migliori

Che siate imprenditori oppure impiegati o dipendenti, che siate single oppure sposati con figli, che viviate con i vostri genitori o con il partner, tutti voi prendete continuamente delle decisioni.

Molte persone hanno grandi difficoltà a decidere, forse perché sono abituate che lo facciano altri per loro o perché non hanno il coraggio. Ad ogni modo, prestate attenzione a questi preziosi consigli che possono aiutarvi a prendere decisioni migliori.

Vi consigliamo di leggere anche: Non prendere decisioni è peggio che commettere errori

1. Non abbiate paura delle conseguenze

Ragazza impaurita non sa prendere decisioni

Quando si tratta di scegliere la nuova auto da comprare, la casa in cui vivere o se sposarsi o meno, bisogna tenere conto dei pro e dei contro di ogni decisione.

Ogni decisione comporta una vittoria o una sconfitta, per questo quasi sempre optiamo per l’alternativa che crediamo ci renda più felici.

Tuttavia, non sempre la scelta fatta si rivela positiva. L’avversione alla perdita e la paura di sbagliare possono avere una grande influenza al momento di prendere decisioni. Considerate che ogni scelta ha sempre una conseguenza, nel bene o nel male.

2. Identificate il proposito prima di prendere decisioni

Quando vi trovate in una situazione che richiede di prendere una decisione importante, dovete sempre avere in mente il vostro obiettivo e il modo in cui la scelta che farete vi porterà in quella direzione.

La meta deve essere sempre presente nel processo di decisione.

3. Assumetevi le vostre responsabilità

Uno dei motivi che ci impedisce di prendere le decisioni migliori è che ci sentiamo in trappola per via della scelta fatta o che stiamo per fare.

Assumersi la responsabilità delle proprie azioni significa capire come agire se qualcosa va storto o rallegrarsi se tutto va bene.

Accettare l’impegno che un’azione comporta è fondamentale. Se vi siete resi conto di non aver preso la decisione giusta, sappiate che non serve a nulla sentirsi in colpa. Bisogna agire e risolvere la situazione. Poi, si impara dagli errori.

4. Abbiate fiducia nel vostro intuito

Ragazza in equilibrio su un cavo

Siamo convinti che per prendere le decisioni migliori dobbiamo analizzarne ogni aspetto per giorni o settimane. Tuttavia, non sempre abbiamo il tempo a disposizione per farlo, anzi, spesso dobbiamo agire il prima possibile. Questo non vuol dire che non sbaglieremo, ma che dobbiamo imparare a lasciarci guidare dal nostro intuito.

5. Esaminate le opzioni disponibili per prendere decisioni migliori

Non è una contraddizione rispetto al precedente consiglio, quello di seguire l’intuito. Quando affrontate un problema o una situazione, è normale analizzarlo dal vostro punto di vista o prospettiva. Perché non provate a considerarlo da una posizione diversa, come se foste un’altra persona?

Forse questo consiglio vi aiuterà a tenere conto di altre opzioni e il processo di decisione vi sarà più semplice. Il pensiero critico spesso può ostruire il meccanismo della scelta.

6. Tenete conto delle vostre emozioni

Per prendere decisioni migliori, sappiate che bisogna lasciare spazio anche ai sentimenti. È vero che le emozioni spesso rischiano di influenzare negativamente una scelta, ma possono anche aiutarvi quando non sapete che percorso intraprendere.

Quando siamo arrabbiati, ansiosi o stressati, siamo più propensi a prendere decisioni sbagliate perché queste emozioni confondono la nostra capacità di giudizio. In effetti, la rabbia può renderci impulsivi e propensi al rischio.

Volete saperne di più? Leggete anche: 5 semplici strategie per gestire le emozioni

7. Chiedete aiuto se necessario

Psicologo ascolta una paziente che non sa prendere decisioni

C’è una differenza sostanziale tra dipendere dagli altri nella speranza che scelgano al posto nostro e chiedere aiuto quando ci troviamo in difficoltà di fronte a una scelta.

Nel primo caso, ci liberiamo dell’obbligo e non pensiamo a una soluzione al nostro problema. Nel secondo caso, invece, lavoriamo in gruppo e apriamo la mente a nuove opzioni.

Spesso l’opinione di un’altra persona è ciò che ci serve per chiarirci le idee e fare la scelta giusta.

8. Limitate le opzioni di scelta per prendere decisioni migliori

Se avete a disposizione 20 tonalità di un colore per dipingere la camera dei bambini, vi ci vorrà una settimana per capire quale è quella giusta.

Se limitate il numero di alternative, sarà più facile escluderne alcune fino ad arrivare alla scelta.

Più sono le opzioni di scelta disponibili, più il cervello deve lavorare e più tempo impiegherete a decidere. Ed è probabile che non prendiate la decisione migliore, perciò riducete al minimo le alternative prima di scegliere.

  • Galdos, G. (2019). Toma de decisionesToma de decisiones. Editorial UPC. https://doi.org/10.19083/978-612-318-030-0
  • Franklin Fincowsky, E. B. (2011). Toma de decisiones empresariales (reseña). Contabilidad y Negocios (6) 11, / ISSN 1992-18966(II), 113–120. Retrieved from http://web.a.ebscohost.com.recursosbiblioteca.eia.edu.co/ehost/pdfviewer/pdfviewer?vid=6&sid=b34888e1-148e-4447-921d-7e7fef3640bf@sessionmgr4002&hid=4101
  • Simón Lorda, P., Rodríguez Salvador, J. J., Martínez Marotoc, A., López Pisa, R. M., & Júdez Gutiérreze, J. (2013). La capacidad de los pacientes para tomar decisiones. Medicina Clínica117(11), 419–426. https://doi.org/10.1016/s0025-7753(01)72134-
  • Garzón, N. (2001). Toma de decisiones éticas. Cátedra Manuel Ancízar : Ética y Bioética, 171–190.