Otturazione dentale: tutto quello che c'è da sapere

Per trattare le carie, è comune che il dentista esegua un'otturazione dentale. Scopri le diverse tipologie, come si fa e in quali casi sono indicate.
Otturazione dentale: tutto quello che c'è da sapere
Vanesa Evangelina Buffa

Scritto e verificato da l'odontoiatra Vanesa Evangelina Buffa.

Ultimo aggiornamento: 02 ottobre, 2022

L’otturazione dentale è uno dei trattamenti più comuni in caso di carie. È una procedura che serve per ripristinare la perdita di tessuto duro dei denti quando sono stati distrutti da carie o altre condizioni.

La presenza di fori e cavità sulle strutture dentali provoca problemi estetici e funzionali all’interno della bocca. Inoltre, questi angoli e fessure difficili da pulire favoriscono l’accumulo di batteri che causano la distruzione dei denti.

Per fermare la perdita dei tessuti dentali, eliminare la malattia e restituire ai pezzi dentali la loro anatomia, la loro funzione e il loro aspetto, è necessario eseguire un’otturazione dentale. Ti diciamo in dettaglio in cosa consiste questa procedura, quando viene eseguita e quali materiali vengono utilizzati.

Che cos’è un’otturazione dentale?

L’otturazione dentale è il trattamento che si applica ai denti quando sono affetti da carie o altre malattie che generano la perdita dei tessuti duri.

Quando ciò accade, si produce una sorta di divario. Attraverso l’otturazione, detta cavità viene riempita con un materiale specifico che ricompone il pezzo danneggiato. Tuttavia, prima di ciò, l’elemento dentale deve essere accuratamente pulito e le aree malate rimosse.

L’obiettivo dell’otturazione dentale è ripristinare l’anatomia del dente. Così, è possibile che recuperi la sua forma, il suo aspetto e le funzioni perdute. Come diremo più avanti, esistono diversi tipi di materiali di riempimento che vengono utilizzati in diverse situazioni. Il dentista sceglierà il più appropriato per ogni caso.

La procedura per realizzare un’otturazione dentale è abbastanza semplice e veloce. In generale, ci vogliono non più di 20 o 30 minuti.

Che cos'è un'otturazione o un'otturazione dentale?
Le otturazioni dentali vengono utilizzate per correggere le cavità che si formano a causa di cavità o altre condizioni dentali.

Quando è necessario eseguire un’otturazione dentale?

La causa più comune che porta le persone a richiedere un’otturazione dentale è la carie. Questa patologia è una delle più frequenti e in tutte le fasce d’età.

Si verifica perché i batteri nella bocca metabolizzano i carboidrati nella dieta e producono acidi. Questo genera la demineralizzazione e la distruzione dei tessuti duri dei denti.

La carie nei denti permanenti è il disturbo più comune. Si stima che ne soffrano 2 miliardi di persone. Inoltre, circa 520 milioni di bambini soffrono di carie nei denti da latte.

Organizzazione mondiale della Sanità

Se la carie non viene trattata in modo tempestivo, il processo distruttivo avanza e si approfondisce, il che può interessare la polpa. In questi casi non basterà più una semplice otturazione dentale, ma sarà necessario eseguire un canale radicolare.

Ora, ci sono altre situazioni che potrebbero richiedere anche un’otturazione dentale. Ad esempio, quanto segue:

  • Fratture dentali.
  • Vecchie otturazioni in cattive condizioni. Se ci sono delle perdite o cavità sotto, bisognerà procedere con la sostituzione.
  • Fessure, abrasioni o usura dei denti, senza la presenza di cavità, che necessitano di essere riparate.
  • Cambiamenti estetici di forma, colore o posizione nei denti anteriori o posteriori. Un riempimento può correggere questi difetti e migliorare l’aspetto.

Tipi di otturazioni dentali

Quando si esegue un’otturazione dentale, ci sono diversi fattori che il dentista deve considerare per eseguire un tipo o un altro. Le considerazioni sono le seguenti:

  • L’elemento dentale interessato.
  • L’entità e le dimensioni della riparazione.
  • La posizione della cavità.
  • I materiali da utilizzare.
  • Preferenze del paziente.
  • Il prezzo.

Sulla base di questi aspetti, il professionista sceglie il tipo di procedura più conveniente per ogni caso. Per recuperare la struttura dentale è possibile utilizzare diverse tecniche e materiali.

A seconda delle dimensioni del restauro, dell’otturazione o dell’otturazione dentale, possono essere diretti o indiretti.

  • Otturazione diretta: viene eseguita in lesioni semplici in cui l’usura dentale è ridotta e la maggior parte dell’anatomia del pezzo è preservata. Per effettuarla è sufficiente una sola visita in studio in cui il dentista esegue l’intero trattamento.
  • Otturazione indiretta: è la procedura d’elezione per il trattamento di lesioni più estese, in cui vi è una grande perdita di tessuto dentale. In questo caso è necessario più di un consulto, poiché si prendono le impronte e parte del restauro viene eseguito nel laboratorio odontotecnico.

I riempimenti possono essere differenziati in diversi tipi, a seconda del materiale utilizzato per riempire la cavità. Successivamente, ti diciamo i prodotti più utilizzati.

Otturazioni in resina composita o “compositi”

Le resine composite sono uno dei materiali più utilizzati per le otturazioni. Questo prodotto raggiunge un aspetto molto simile a un dente e ha resistenza, durata e adesione adeguate.

I compositi vengono utilizzati soprattutto quando si deve realizzare un riempimento nel settore anteriore, sui frontali più visibili. In ogni caso è possibile utilizzare questo materiale anche sui molari, poiché è in grado di resistere molto bene alla forza masticatoria.

Le otturazioni in resina si legano chimicamente alla struttura del dente, fornendo loro un buon supporto. Inoltre, quando si tratta di digrignare i denti, non è necessario rimuovere il tessuto extra per il posizionamento.

Questo materiale è molto facile da maneggiare e il dentista di solito non impiega più di 20 minuti per completare la procedura. Viene posto in piccoli strati che induriscono con una luce speciale fino a completare il ripieno.

Le resine possono essere utilizzate sia direttamente, come vi abbiamo detto, sia per realizzare accordi indiretti. Inoltre, non vengono utilizzati solo per otturazioni di cavità, ma sono anche utili per riparare denti usurati, scheggiati o fratturati.

Uno svantaggio delle otturazioni in resina è che sono meno durevoli delle otturazioni in amalgama. Inoltre non hanno la stessa resistenza di questo materiale e possono macchiarsi e pigmentarsi nel tempo. Al giorno d’oggi, sono usati molto frequentemente e i risultati sono molto soddisfacenti.

Otturazioni in cemento

I cementi dentali sono ampiamente utilizzati in odontoiatria. Molte volte questi composti vengono utilizzati per riempire cavità e fungere da otturazioni temporanee o permanenti.

  • Cemento da riempimento provvisorio: vengono utilizzati per riempire provvisoriamente cavità. Cioè, rimangono nel dente per alcuni giorni o mesi. Sono caratterizzati da un rapido indurimento e da una facile rimozione in caso di sostituzione con quello definitivo.
  • Cementi definitivi: sono simili alle otturazioni provvisorie, ma molto più durevoli. I vetroionomeri sono usati per riempire alcune cavità, specialmente nei molari primari nei bambini.

Otturazioni dirette in amalgama d’argento

Un’otturazione dentale in amalgama si caratterizza per essere un’otturazione durevole, resistente ed economica. Questo materiale resiste molto bene alle forze di masticazione, motivo per cui viene utilizzato nella parte posteriore della bocca.

A causa della sua colorazione scura, non è un materiale che viene utilizzato in aree visibili, come i denti anteriori. Inoltre, nel tempo, il materiale può macchiare le superfici dei denti.

Come accennato, per il posizionamento delle amalgame è necessario effettuare una maggiore usura dei pezzi. Per questo motivo, e per i vantaggi estetici, è attualmente in fase di sostituzione con le resine.

L’amalgama è una lega di argento e mercurio. L’uso di quest’ultimo componente ha portato a un calo del suo utilizzo in odontoiatria.

In ogni caso, dovresti sapere che per la sua preparazione vengono utilizzate dosi molto basse di mercurio. Pertanto, questo materiale dentale non è pericoloso per il paziente o per il dentista che lo maneggia.

Otturazioni indirette d’oro

L’oro è un antico materiale da otturazione dentale che è ancora in uso in alcuni casi. La sua durata e resistenza è molto alta, ma lo è anche il suo costo.

L’oro nei denti non si corrode e può resistere alle forze della masticazione. Inoltre, alcuni pazienti considerano i restauri in oro estetici o di prestigio.

Per realizzare questo tipo di otturazione dentale è necessario effettuare diverse visite in studio. Dopo aver digrignato i denti, sarà necessario prendere uno stampo e inviare l’otturazione a un laboratorio odontotecnico per la fabbricazione.

Un problema comune che causano è che se la persona ha riparazioni di amalgama in bocca, si verifica uno shock galvanico. È un fenomeno fisico in cui i due diversi metalli e la saliva interagiscono, generando una corrente elettrica che provoca dolore.

Otturazioni indirette in porcellana

Gli intarsi in porcellana sono un’opzione eccellente per riempire i pezzi. Questo tipo di otturazione viene eseguita in un laboratorio odontotecnico, misurando i denti di ogni paziente. Il pezzo ottenuto viene poi cementato sul dente scolpito.

Il loro vantaggio è che sono molto estetici, resistenti alle macchie e hanno una grande durata. Tuttavia, hanno contro il loro alto costo.

Caratteristiche dei materiali per otturazioni dentali

Abbiamo discusso i principali materiali utilizzati per riempire i denti. Affinché questi prodotti possano ripristinare i danni ai denti, devono soddisfare determinate caratteristiche:

  • Resistenza all’abrasione: il materiale da otturazione deve essere in grado di sopportare il costante attrito e l’impatto dei denti tra loro e con il cibo, soprattutto nella zona dei molari. In caso contrario, il sigillo si consuma.
  • Resistenza ai fluidi orali: il riempimento delle otturazioni deve essere in grado di resistere all’umidità, agli enzimi e agli altri componenti della saliva.
  • Bassa conducibilità termica: i denti sono costantemente esposti a cibi caldi e freddi. I materiali delle otturazioni devono essere in grado di resistere agli sbalzi termici per non provocare sensibilità.
  • Una corretta sigillatura delle cavità: evita che rimangano spazi attraverso i quali possono filtrare residui e batteri.
  • Facile da maneggiare: il dentista deve essere in grado di maneggiare facilmente il materiale da otturazione. In questo modo è possibile riempire l’intera cavità e realizzare ricostruzioni estetiche simili ai denti naturali.

Se il materiale per l’otturazione soddisfa i requisiti che abbiamo menzionato, può essere considerato un buon prodotto per realizzare l’otturazione dentale.

Caratteristiche dei materiali per otturazioni dentali
Le otturazioni dentali sono utilizzate per il trattamento della carie. Possono essere realizzati con vari materiali.

Come viene realizzata un’otturazione dentale?

Quando si esegue un’otturazione dentale, la procedura varia a seconda che si tratti di un’otturazione diretta o di un restauro indiretto.

Riempimento diretto

Le otturazioni dirette sono le più veloci e facili da fare. Il dentista completa l’intera procedura nello studio dentistico e in una visita.

  • Il primo passo è applicare l’anestesia locale per intorpidire l’area in modo che il paziente non senta dolore. Quindi, le cavità vengono rimosse e il dente viene pulito, utilizzando pietre e frese con la turbina.
  • Una volta che l’elemento è pulito, la cavità viene sigillata con il materiale di riempimento scelto. In alcuni casi è necessario posizionare dei sistemi adesivi che uniscono il prodotto alla superficie dentale.
  • Le otturazioni in resina devono essere indurite con una luce speciale. Le otturazioni in amalgama, invece, vengono premute contro la superficie del dente con appositi strumenti.
  • Una volta terminata l’otturazione, è necessario testare il morso del paziente e consumare il materiale in eccesso. Infine, il dentista lucida il ripieno per renderlo liscio e lucido.

Processo per eseguire un riempimento indiretto

Le otturazioni indirette richiedono almeno due visite presso lo studio dentistico. L’otturazione viene eseguita in un laboratorio protesico.

  • Alla prima visita, il dentista anestetizza la bocca, rimuove le cavità e pulisce il dente proprio come un’otturazione diretta. Quindi prende un’impronta dei denti per registrare la forma del dente da trattare e gli elementi circostanti.
  • Questa impronta viene inviata ad un laboratorio protesico che eseguirà il riempimento con il materiale scelto. Prima che il paziente se ne vada, viene applicata un’otturazione temporanea per proteggere il dente fino a quando la disposizione finale non è pronta.
  • Alla seconda visita si rimuove il riempimento provvisorio e si posiziona il riempimento inviato dal laboratorio.

Evitare le otturazioni dentali

L’esecuzione di un’otturazione o otturazione dentale è una procedura semplice e confortevole. In ogni caso, l’opzione migliore è sempre quella di evitare le malattie che portano a questo tipo di trattamento.

Per fare ciò, è necessario mantenere alcune semplici abitudini che ridurranno il rischio di rottura dei denti. Lavarsi i denti almeno due volte al giorno con un dentifricio contenente fluoro e il filo interdentale aiuterà a controllare la placca.

È importante anche prendersi cura della propria dieta e visitare il dentista ogni 6 mesi per controllare ed eseguire le pulizie. Con queste cure puoi evitare le otturazioni dentali e mantenere in buone condizioni quelle che hai già in bocca.

Potrebbe interessarti ...
Estrazione dentale: è necessaria prima dell’ortodonzia?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Estrazione dentale: è necessaria prima dell’ortodonzia?

Durante l'ortodonzia potrebbe essere necessaria l'estrazione dentale. Ti diciamo quando e perché viene eseguita.



  • Valdiviezo Falcones, R. A. (2022). Restauraciones estéticas en sector anterior con sistemas resinosos (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).
  • Perdigão, J., Araujo, E., Ramos, R. Q., Gomes, G., & Pizzolotto, L. (2021). Adhesive dentistry: Current concepts and clinical considerations. Journal of Esthetic and Restorative Dentistry33(1), 51-68.
  • MERINO, G. J. L. (2019). Fundamentos para elegir una resina dental. Odontología Activa Revista Científica4(Esp), 57-64.
  • Mourelle, P. M., Hernándezº, P. S., Vallejo, M. Z., & Meneses, D. R. (2016). Materiales y técnicas para incrustaciones dentales. Revista internacional de prótesis estomatológica18(1), 15-23.
  • Raúl, C. R., Lina, M. R., & Andrés, G. B. (2020, October). INCRUSTACIONES METÁLICAS, UNA ALTERNATIVA PARA DIENTES CON GRAN PÉRDIDA CORONARIA. A PROPÓSITO DE 3 PACIENTES. In Estomatologia2020.
  • Villamar Coello, E. J. (2018). Incrustaciones a base de resina compuesta como solución práctica a la escasa estética de una restauración de amalgama (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).
  • García Garcés, J. E. (2020). Amalgama dental uso y seguridad (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología).
  • Lozano Diaz, C. I. (2021). Estudio de la microfiltración coronal utilizando tres materiales de obturación temporal. Revisión sistemática.
  • Torres Yupanqui, J. C. (2022). Incrustación Inlay en paciente adulto con tratamiento de conductos.