Non rimanere in pigiama durante la quarantena

7 Maggio 2020
La pandemia da COVID-19 ha costretto buona parte della popolazione a rimanere a casa. In questo articolo vi spieghiamo perché la cura dell'aspetto esteriore contribuisce a una migliore gestione della situazione.

Perché è meglio non rimanere in pigiama durante la quarantena? Nelle prossime righe cercheremo di dare una risposta a questa domanda.

La quarantena ci ha costretti a cambiare abitudini quasi dal giorno alla notte. Non eravamo psicologicamente preparati per vivere un’esperienza simile e adeguarci a questa nuova realtà.

In tal senso, è molto più facile associare la permanenza in casa all’assenza di doveri. Tutto ciò rafforzato dal fatto che le nostre abitudini quotidiane sono temporaneamente sospese.

Tuttavia, in situazioni come quella attuale, è fondamentale continuare ad adottare le abitudini che è possibile mantenere: in quanto ci trasmettono calma e sicurezza. Si tratta di uno dei motivi per cui è meglio non rimanere in pigiama durante la quarantena.

Perché è meglio non rimanere in pigiama durante la quarantena?

Stare in pigiama in casa non è di per sé negativo. Se per un giorno ce ne restiamo a casa a oziare in pigiama, non andremo incontro a conseguenze di alcun tipo. Il giorno dopo torneremo alla normalità senza alcuna ripercussione.

Coppia sul divano

Tuttavia, la quarantena è una situazione ben più specifica. Stare in pigiama per settimane intere invia al cervello un messaggio negativo. È come se ogni giorno gli comunicassimo che è ora di dormire o di non fare nulla.

Ogni giorno dobbiamo sforzarci di seguire delle abitudini che ci consentano di diversificare i momenti della giornata. A tal proposito, dedicheremo il giusto tempo al lavoro o allo studio, ai pasti o all’attività fisica, al riposo e anche al nostro aspetto.

Dedicare del tempo al proprio aspetto potrebbe sembrare del tutto superfluo al momento, ma ci aiuterà a sentirci meglio con noi stessi, il che di per sé è già importante.

Leggete anche: Tecniche di rilassamento per i momenti di crisi

Quali abitudini seguire, in questo periodo, per avere un aspetto curato?

Le abitudini da seguire durante la quarantena dipendono in gran parte da come conduciamo le nostre giornate. A ogni modo, esistono delle regole di base che tutti dovremmo seguire:

  • Farsi la doccia ogni giorno. L’igiene quotidiana attiva il metabolismo e mantiene pulita la pelle. Inoltre, ci rende più attivi al mattino e ci rilassa se la facciamo di sera, prima di dormire.
  • Cambiare i vestiti. È fondamentale utilizzare l’abbigliamento più appropriato a ogni attività, anche durante la permanenza in casa. In questo modo, trasmetteremo al nostro cervello un messaggio chiaro: “è il momento di lavorare, di fare sport o di riposare”.
  • Cura della persona. Ciascuno nel modo che preferisce: da una nuova acconciatura, alla manicure, dall’idratazione della pelle al trucco. Un aspetto fisico migliore si rifletterà indubbiamente sull’umore.
  • Lavarsi i denti dopo ogni pasto. Oltre a essere un’abitudine fondamentale per la salute generale, l’igiene dentale ha un effetto positivo sull’umore e ci trasmetterà la sensazione di prenderci cura di noi.
Famiglia in salotto

Può interessarvi anche: Famiglia in quarantena: regole per la convivenza

Raccomandazioni per la fase finale della quarantena

Siamo in questa situazione da quasi due mesi ormai e, sebbene le misure si apprestino a diventare meno stringenti, nei prossimi giorni trascorreremo ancora gran parte del nostro tempo al chiuso.

Per tale ragione, è meglio mantenere delle abitudini il più possibile simili a quelle che seguiremmo in situazioni normali, e che indubbiamente contemplano la cura di sé. Il nostro corpo ce ne sarà grato, e la mente ne trarrà grande beneficio.

Prendersi cura di sé e del proprio aspetto esteriore potrebbe anche sembrare superfluo al momento. Tuttavia, è un modo semplice ed efficace per volersi bene e sentirsi a proprio agio con se stessi. E, in una situazione limite come quella della quarantena, è uno dei migliori segnali che possiamo mandare a noi stessi.

  • Diener, E. & Suh, E. M. (2002). Culture and subjective wellbeing. Cambridge, MA: MIT Press.
  • Gómez Lillo, S. (2006). Equilibrio y organización de la rutina diaria. Revista Chilena de Terapia Ocupacional, (6), Pág. 47 – 54. doi:10.5354/0719-5346.2010.111
  • Schwartzmann, L. (2003). Calidad de vida relacionada con la salud: aspectos conceptuales. Ciencia y enfermería, (2), 09-21. doi: 10.4067/S0717-95532003000200002