Piangere durante la gravidanza: influisce sul feto?

· 13 agosto 2018
Tutto quello che fa la donna quando è incinta, persino piangere, può influenzare il feto. Quali conseguenze ha piangere durante la gravidanza?

Durante la gestazione la donna è più sensibile a fattori esterni, motivo per cui il pianto diventa una reazione abituale. Piangere durante la gravidanza influisce in qualche modo sulla salute del feto?

Per quanto incredibile, piangere durante la gravidanza può essere positivo per la salute del feto poiché genera benessere ed elimina tossine e stress. Dopo un bel pianto, si vede più chiaramente la soluzione dei problemi e l’umore migliora.

Perché le donne piangono spesso durante la gravidanza?

Di seguito vi mostreremo alcune delle cause più comuni per le quali le donne piangono spesso durante la gravidanza.

Stanchezza

A causa della nausea, dei cambiamenti ormonali e della crescita costante della pancia, le donne incinte hanno più difficoltà a dormire, e questo le porta a essere stanche tutto il tempo. La disperazione di non avere energia durante la giornata può indurre la donna a piangere.

Donna incinta con nausea

Cambiamenti ormonali

Affinché la gravidanza prosegua nel migliore dei modi, si verificano diversi squilibri ormonali. Questi cambiamenti sono più evidenti durante la sesta e decisa settimana e alla fine della gravidanza. Va notato che questo processo può influenzare la chimica del cervello causando sbalzi d’umore.

Insicurezze e paure

Pensare di continuo alle difficoltà che possono presentarsi porta le donne a piangere durante la gravidanza. Le preoccupazioni principali sono aborto o malattie del feto.

D’altra parte, l’aumento di peso e mani e piedi gonfi spesso rendono la madre triste e insicura, che arriva anche a pensare di non piacere più al partner. Questi cambiamenti indicano che il feto si sta sviluppando correttamente, ma la madre è comunque preoccupata per il suo aspetto fisico.

Leggete anche: Scoprite uno dei migliori rimedi contro i piedi gonfi

Problemi con il partner

Avere un figlio è un cambiamento drastico, non è facile e può portare a dei conflitti. Possono sorgere anche preoccupazioni e dubbi durante i preparativi in casa per l’arrivo del bambino.

Se a tutte le decisioni che devono essere prese aggiungiamo gli sbalzi di umore, è facile capire che la futura madre viene travolta da un turbinio di emozioni contrastanti e l’unico modo per trovare sollievo è piangere.

Piangere durante la gravidanza come influisce sul feto?

Piangere durante la gravidanza per le ragioni sopra menzionate va bene ed è normale, tuttavia, piangere per stress o depressione, essere sempre depresse e di cattivo umore potrebbe nuocere allo sviluppo del feto.

Donna incinta

Sviluppo cerebrale del feto

La depressione durante la gravidanza colpisce il sistema neuroendocrino del bambino e aumenta le possibilità che il bambino sviluppi malattie mentali. Tenete sotto controllo l’umore, le emozioni e la risposta allo stress.

Leggete anche: Tecniche giapponesi per eliminare lo stress

Parto prematuro o aborto

Piangere per l’ansia riduce il flusso sanguigno che trasporta i nutrienti necessari per il feto. Ciò causa problemi respiratori, sottopeso e nel peggiore dei casi parto precoce o aborto spontaneo.

Personalità del bambino

Quando la madre piange per lo stress, i suoi livelli di cortisolo aumentano notevolmente e il la placenta ne risente. Questo può essere dannoso per il feto poiché una delle funzioni della placenta è quella di proteggerlo dal cortisolo.

Ciò aumenta il rischio che il bambino sviluppi problemi comportamentali come iperattività, sindrome da deficit di attenzione o schizofrenia.

Sviluppo lento

Se la madre presenta stati prolungati di tristezza accompagnati da pianto, il bambino può svilupparsi a un ritmo più lento del solito. Questo perché il feto riesce a percepire gli stati d’animo della madre.

Come evitare di piangere durante la gravidanza?

Per prevenire che la tristezza e lo stress prendano il controllo della vostra vita, vi consigliamo di fare esercizio fisico, riposare e seguire una dieta sana. Attività come lo yoga e la meditazione prenatale vi aiuteranno a schiarire la mente e a liberarvi dallo stress.

Donna incinta piangendo

Evitate di avere una vita frenetica, infatti farsi carico di molte responsabilità, avere troppo lavoro e impegni aumenterà lo stress. Individuate le fonti di stress ed eliminatele o modificate il maggior numero possibile.

Parlare delle vostre emozioni con il vostro partner, la vostra famiglia e i vostri amici vi darà sollievo. D’altra parte, saranno più comprensivi e vi aiuteranno. Potete anche frequentare le lezioni prenatali, così saprete cosa aspettarvi e conoscerete altre madri che stanno sperimentando le stesse sensazioni.

Conclusioni

I vostri figli vi riempiranno di amore e felicità. Ricordate siete strettamente connessi sin dal primo minuto, quindi prendervi cura di voi stesse avrà grandi benefici per voi e i vostri piccoli. Non permettete a niente e a nessuno di compromettere la vostra felicità.

Se pensate di aver provato tutto e non riuscite comunque a controllare le lacrime, dovreste rivolgervi a uno psicoterapeuta. Vi darà informazioni e strumenti utili per gestire le vostre emozioni ed evitare di piangere durante la gravidanza.

Guarda anche