Probiotici: cosa sono e come proteggono la salute?

· 19 luglio 2018
Molti non sanno cosa sono i probiotici. Questa “coltura” di batteri sani è tra i migliori integratori per potenziare gli effetti di una dieta sana.

Ci hanno parlato spesso dell’importanza di proteggere e nutrire la flora batterica dell’intestino per prenderci cura della salute. A questo proposito, sapete cosa sono e a cosa servono i probiotici?

Questa coltura di batteri vivi è uno dei migliori alleati per frenare lo sviluppo di colonie di agenti patogeni che possono compromettere la salute intestinale e immunitaria.

I probiotici sono importanti per la sintesi di alcuni nutrienti essenziali e per mantenere un’ottima salute dell’apparato digerente. Creano una barriera protettiva contro le infezioni e calmano alcuni processi infiammatori.

Se è vero che si trovano naturalmente all’interno dell’organismo, è possibile assumerli attraverso alcuni alimenti fermentati o latticini, oppure sotto forma di integratori alimentari. Conoscete i loro benefici? Li descriviamo in dettaglio.

Cosa sono i probiotici?

Il termine “probiotico” ha conquistato grande popolarità negli ultimi anni per via del boom che ha generato in qualità di integratore alimentare. La parola che lo definisce significa “a favore della vita”, e questo per via degli effetti positivi che offre alla salute.

Probiotici

I probiotici sono batteri buoni e lieviti che sopravvivono al passaggio nell’apparato gastrointestinale per colonizzare il colon e l’intestino tenue. Anche se molti associano i batteri alla comparsa di malattie, la loro funzione è del tutto opposta.

Grazie alla loro capacità di contenere la crescita di microorganismi infettivi, questa coltura di batteri è fondamentale per evitare lo sviluppo di diverse patologie. Quelli che apportano maggiori benefici all’uomo sono i lattobacilli e i bifidobatteri.

Consigliamo di leggere anche: Il cavolo viola per migliorare la flora intestinale

A cosa servono i probiotici

L’apparato gastrointestinale è composto da circa 400 specie di batteri che formano la cosiddetta flora o microbiota intestinale. Tra le sue principali funzioni c’è quella di proteggere l’organismo contro la proliferazione di patogeni, responsabili dello sviluppo di molte malattie.

Si incarica anche di controllare la differenziazione delle cellule epiteliali e interferiscono nei processi metabolici e la produzione di vitamine. Per questo motivo, è fondamentale avere una flora intestinale equilibrata e ricca di batteri sani.

I probiotici, essendo la principale fonte di colture vive, sono la migliore alternativa per ristabilire la flora quando è alterata da infezioni, diarrea o consumo eccessivo di antibiotici. Quindi, a cosa servono i probiotici?

  • Modulano la risposta del sistema immunitario a livello intestinale e diminuiscono la sensibilità alle allergie alimentari.
  • Aiutano a ottenere energia grazie all’alta capacità di far fermentare i carboidrati difficili da digerire, in questo modo promuovono l’assorbimento dei monosaccaridi.
  • Aumentano la capacità di assorbire l’acqua e i minerali al livello del colon.
  • Ottimizzano il funzionamento del metabolismo e prevengono l’obesità e il diabete.
  • Prevengono e combattono varie malattie dell’apparato digerente (diarrea, sindrome del colon irritabile o morbo di Crohn).
  • Stimolano la mobilità intestinale e prevengono la stitichezza.
  • Sono utili nel trattamento delle infezioni vaginali e del sistema urinario.
  • Favoriscono la riduzione dei livelli di colesterolo cattivo e dei trigliceridi.
  • Proteggono la salute orale contro i virus e i batteri che producono infezioni.
  • Fomentano il benessere generale e, grazie a questo, migliorano lo stato d’animo.
Cos'è la flora intestinale?

Quali sono le fonti di probiotici?

Ora che sappiamo a cosa servono i probiotici, è importante sapere quali fonti alimentari ne permettono l’assunzione. In primo luogo, rivediamo quali sono le origini naturali e poi vediamo in dettaglio quelli noti come “probiotici bioterapeutici”.

Probiotici naturali

È possibile ottenere questi probiotici attraverso gli alimenti che, in generale, sono stati sottoposti a un processo di fermentazione. Questo significa che un gruppo di batteri ha trasformato la loro composizione originale per farli diventare più digeribili e con una maggiore concentrazione di nutrienti.

Consigliamo di leggere anche: Come ripristinare la flora intestinale in modo naturale

I più popolari sono:

  • Kefir
  • Yogurt naturale
  • Kombucha
  • Pane con lievito madre
  • Cetriolini sottaceto
  • Natto
  • Tempeh
  • crauti
  • Kimchi
  • Miso

Probiotici bioterapeutici

Non tutte le persone ottengono sufficienti probiotici attraverso la dieta. Data la loro importanza per la salute, la possibilità di includerli come integratori è un’idea eccellente. Come si può fare?

Probiotici in capsule

Esistono integratori alimentari disponibili in capsule, polvere e simili. Contengono grandi concentrazioni di microorganismi, appartenenti a diversi ceppi batterici.

Alcune composizioni sono arricchite con prebiotici, alimenti che favoriscono lo sviluppo dei batteri buoni. Per questo motivo, in molti casi questi prodotti sono più efficaci rispetto ai probiotici provenienti dall’alimentazione tradizionale.

In sintesi…

I probiotici sono un importante integratore per le persone che sviluppano disturbi digestivi per via di un’alterazione del pH intestinale. La loro assunzione attraverso gli alimenti e gli integratori è il modo migliore per rinforzare e proteggere i batteri buoni che evitano l’insorgere di malattie. Ora che sapete a cosa servono i probiotici potrete assumerli in modo facile e sano.

 

Guarda anche