Pulire a fondo la casa: oggetti e spazi

30 Giugno 2020
Non pulire nel giusto modo alcuni oggetti e spazi in casa potrebbe favorire la proliferazione dei batteri. È fondamentale contare su un buon programma di pulizia, ordinato e graduale.

Mantenere l’ambiente domestico ben igienizzato non significa necessariamente far brillare e splendere tutto. Eppure, se non puliamo a sufficienza alcuni angoli importanti della casa, probabilmente i batteri prolifereranno. Leggete la seguente lista e scoprite come pulire a fondo la casa. 

Senza voler alimentare l’ossessione per le pulizie, bisogna dire che in casa vive un buon numero di batteri di diversa natura. Si parla, di fatto, di alcuni milioni di piccoli parassiti che convive ogni giorno con noi umani. Dove si trovano? Negli oggetti e negli spazi che stiamo per descrivervi.

Pulire a fondo la casa: 10 angoli domestici

Pulire i fornelli
Dobbiamo prestare attenzione alle pulizie domestiche, agli angoli e agli oggetti di cui ci dimentichiamo.
  • Strofinacci: non investite troppo in uno strofinaccio con la speranza che duri diverse settimane. Questo oggetto in cui l’umidità è sempre presente, è l’ambiente ideale per la proliferazione dei germi. Per questo motivo, la cosa migliore è gettare via quello vecchio poco tempo dopo e acquistarne uno nuovo.
  • Tende della doccia: la frequenza ideale con cui andrebbero pulite è ogni 15 giorni. Visto che può essere un compito piuttosto arduo, l’ideale è metterle in lavatrice, lavandole con acqua calda, insieme agli asciugamano. Per eliminare i funghi, un mix di bicarbonato e aceto è l’ideale.

Pulire a fondo la casa

  • Water: anche se potrebbe sorprendervi, il computer e altri elettrodomestici possono essere più contaminati del WC. Questo non significa che non debba essere pulito almeno una volta a settimana. Un consiglio: abbassate la tavoletta quando tirate l’acqua, in modo che la sporcizia resti all’interno.
  • Asciugamani: ogni quanto tempo lavate gli asciugamani? Come succede con gli indumenti o le lenzuola, anche in questo caso sulla superficie restano cellule morte, il che significa terreno fertile per germi e batteri. L’ideale è dunque non usarli per più di tre giorni.
  • Altri oggetti in bagno: è bene ricordare che in bagno è importante mantenere puliti tutti gli elementi. A partire dalle piastrelle, che dovreste asciugare ogni volta che fate la doccia, per proseguire sciacquando il portasapone, i vetri e gli specchi e, in generale, tutte le superfici.

Potrebbe interessarvi: Pulire casa con l’aceto bianco: consigli e usi

Altri oggetti e angoli da pulire a fondo

Angoli di casa da pulire
Alcuni angoli e oggetti della casa richiedono una frequente pulizia. 
  • Lenzuola: anche se fate la doccia o il bagno tutti i giorni, si sconsiglia di usare le stesse lenzuola per più di una settimana. Dovete pensare che la pelle rilascia cellule morte ogni sera. Per quanto possiate far prendere ogni giorno aria alle lenzuola, lavarle con acqua calda e detersivo in lavatrice garantisce un’adeguata pulizia.
  • Pavimento: la pulizia dei pavimenti è relativa. Ci sono stanze meno frequentate, possono esserci animali che perdono peli, giorni di pioggia e di umidità che sporcano di più, ecc. Negli spazi comuni bisogna eseguire una pulizia completa a distanza di non più di una settimana.

Potrebbe interessarvi: Come far risplendere le superfici in legno

  • Pomelli delle porte e chiavi: meglio non soffermarsi a pensare alla quantità di batteri che possono depositarsi su questi oggetti della casa. Se non li pulite a sufficienza, su di essi cresceranno diverse colonie di batteri. Un potente disinfettante in questo caso è l’alcol denaturato.
  • Interruttori: arrivare a casa e accendere la luce sono due azioni in sequenza. Con questa semplice azione lasciamo un’enorme quantità di sporcizia sull’interruttore. Potete applicare sugli interruttori lo stesso alcol denaturato che userete per le chiavi e per i pomelli delle porte. Un altro potente detergente è l’aceto.
  • Computer, mouse, telecomando, telefono cellulare: a questo punto avrete capito che sulle superfici sulle quali appoggiamo le dita possiamo lasciare batteri, germi o funghi o -e questo sarebbe peggio- potremmo venire contagiati da questi ultimi. Ecco perché consigliamo di applicare l’alcol almeno una volta a settimana.

Conclusioni

Ricordate che anche i mobili, le fodere e i tappeti hanno bisogno di essere puliti spesso con l’aspirapolvere. Anche se sarebbe eccessivo pulirli tutti i giorni, è altrettanto vero che non pulirli nel giusto modo equivale ad aprire le porte ai germi.

  • ideasana.fundacioneroski. 2005. Limpieza sana en el hogar. Extraído de: http://ideasana.fundacioneroski.es/web/es/12/escuela_4/escuela4_limpieza.pdf
  • mheducation.es. Mantenimiento y limpieza del domicilio. Extraído de: https://www.mheducation.es/bcv/guide/capitulo/8448171470.pdf