Quante partite all'anno giocano i calciatori e quali rischi corrono?

Campionato, coppe, partite della nazionale... i programmi dei calciatori sono sempre più serrati. Questo può avere gravi conseguenze sulla loro salute fisica e mentale.
Quante partite all'anno giocano i calciatori e quali rischi corrono?
Leonardo Biolatto

Revisionato e approvato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 02 novembre, 2022

L’industria dello sport, e in particolare del calcio, è estremamente esigente nei confronti dei giocatori. I calciatori giocano molte partite all’anno. Sempre di più. Ciò ha conseguenze importanti per la loro salute fisica e mentale.

Gli orari sono molto rigidi. Nel 2022, con la Coppa del Mondo che si sarebbe giocata per la prima volta in una data insolita, le partite locali e regionali sono state riunite tutte nell’estate europea. Esaminiamo come un tale programma influisce sulla salute dei protagonisti.

Troppe partite portano a infortuni

I calciatori di oggi sono dei super atleti. Ogni dettaglio della loro preparazione fisica, dieta e riposo è curato al massimo. Tuttavia, si tratta pur sempre di persone umane e il loro corpo ha un limite.

Con così tanti giochi, è comune che appaiano vari tipi di lesioni. Soprattutto, abbondano quelli che hanno origine da sforzi eccessivi, stress o ripetizione dei movimenti.

Pertanto, le lesioni muscolari sono all’ordine del giorno. Contratture e lacrime sono le più frequenti. Mentre nelle contratture il muscolo è teso involontariamente e genera dolore, nello strappo le fibre si rompono, il che richiede un tempo di recupero più lungo.

Allo stesso modo, altre strutture anatomiche, come ossa e articolazioni, risentono del numero di partite giocate dai calciatori. Lo sforzo costante può superare la capacità di rigenerazione dei tessuti ossei, tanto che si verifica una frattura da stress che richiede una perdita media di 8 settimane.

Eduardo Camavinga.
Troppe partite sovraccaricano le strutture ossee e muscolari dei calciatori.

Quante partite giocano i giocatori di calcio ogni anno?

Le stagioni calcistiche professionistiche iniziano a luglio o agosto e terminano a maggio dell’anno successivo. Nel mezzo, e anche a giugno, i calciatori che giocano per le nazionali devono percorrere lunghe distanze per rappresentare i loro paesi.

In effetti, i tornei internazionali FIFA sono un esempio di come le competizioni vengono aggiunte al calendario, quasi senza tener conto del resto dei giocatori. Per citare un caso: Lionel Messi ha giocato 3 Copa América tra il 2015 e il 2019 e un Mondiale con l’Argentina, oltre a giocare quasi tutte le partite con il suo club.

In un anno normale, un calciatore professionista può giocare circa 70 partite. Cioè, 1 ogni 5 giorni.

Questa è una ripartizione delle partite per competizione:

  • Lega nazionale: la maggior parte dei campionati ha 20 squadre e si gioca in due turni, per un totale di 38 partite a stagione.
  • Coppe Nazionali: le squadre che raggiungono la finale di solito giocano almeno 5 o 6 partite. Alcuni campionati, come la Premier League inglese, hanno due coppe nazionali. Anche la Francia ne aveva due, ma ne ha rimossa una nel 2020.
  • Competizioni internazionali: le squadre che raggiungono gli ottavi di finale di UEFA Champions League giocano 8 partite. Possono essere di più se provengono da fasi precedenti. Se accedono alla finale totalizzano 13 impegni.
  • Partite di selezione: ci sono 5 date FIFA all’anno e in ciascuna si giocano due partite. Eccezionalmente, è possibile aggiungere altre feste.
  • Altre coppe: vincendo un torneo, una squadra accede ad altre finali per giocare contro un altro campione nelle cosiddette “Supercoppe”. Di solito sono tra 1 e 6 giochi, a seconda dei casi.
  • Amichevoli: tutte le squadre giocano partite di pre-stagione e sono in tournée all’estero per scopi finanziari e di sponsorizzazione. Sebbene siano meno intensi, questi minuti si sommano anche per i calciatori.
Lionel Messi.
Messi ha un alto tasso di presenza nel suo club e in nazionale, motivo per cui ha accumulato un numero notevole di infortuni.

Leggi anche: Quali sono gli infortuni più comuni nel calcio femminile?

L’eccesso di allenamento influisce anche sulla salute mentale

Sebbene il calcio sia un’attività che genera passione in chi lo pratica, non si può ignorare che è fonte di stress e fatica per la responsabilità che deriva dal raggiungimento delle prestazioni attese. In questo senso, è molto simile a qualsiasi altro lavoro.

L’esaurimento prolungato può avere conseguenze negative non solo per il corpo, ma anche per la mente. Alcuni di loro sono i seguenti:

  • Mancanza di motivazione per la routine quotidiana.
  • Negatività o rifiuto nei confronti dell’attività.
  • Sbalzi d’umore o irritabilità.
  • Difficoltà di concentrazione.
  • Aumenta il rischio di soffrire d’ansia.

Il numero di partite all’anno è troppo

Per tutto quanto sopra, i protagonisti chiedono di ridurre il numero degli incontri e pianificare un calendario più sano. Uno di questi è stato Jurgen Klopp, allenatore del Liverpool in Inghilterra, che si è lamentato dell’accumulo di partite nei momenti salienti della stagione.

La verità è che la macchina è così esigente e crudele, che sovrasta tutto e tutti. Anche i giocatori, che sono i protagonisti e i più preziosi nel mondo del calcio.

Potrebbe interessarti ...
La barriera robotica del Real Madrid
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
La barriera robotica del Real Madrid

La barriera robotica per allenare i calci di punizione è una novità per il Real Madrid. Come funziona? È efficace?




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.