Frattura da stress: l'infortunio che terrà lontano dai campi Rafael Nadal

Il grande tennista dovrà fermarsi un po' per riprendersi dalla sua frattura da stress. Di cosa si tratta?
Frattura da stress: l'infortunio che terrà lontano dai campi Rafael Nadal

Ultimo aggiornamento: 31 marzo, 2022

Rafael Nadal ha annunciato, attraverso twitter, di avere una frattura da stress. Dopo aver perso la finale di Indian Wells e aver lamentato di non respirare bene durante il match, tutta l’attenzione si è concentrata sull’atleta per scoprire quale problema lo stesse affliggendo.

Le sue parole su Twitter sono state decise e non hanno lasciato spazio a speculazioni:

“Ho scoperto di avere una frattura da stress in una delle costole e starò fermo per 4-6 settimane. Non è una buona notizia e non me lo aspettavo. Sono triste e depresso perché questo mi capita dopo l’inizio di una stagione in cui mi sono divertito tanto”.

(Rafael Nadal su Twitter)

Dopo questa conferma, vediamo in che cosa consiste l’infortunio, che tra gli atleti è più frequente di quanto sembri. E sebbene includa la parola stress, è bene anticipare che non ha nulla a che fare con un disturbo di salute mentale.

Frattura da stress di Rafael Nadal: di cosa si tratta?

È una frattura, cioè un’interruzione nella linea di continuità di un osso. Ma si tratta di un rottura che non raggiunge la parte mediana delle ossa, ma si concentra sulla parte esterna, senza penetrare troppo. In questo caso particolare, non è causata da un singolo trauma, ma appare a causa della ripetizione di movimenti che finiscono per provocare una lesione.

Da qui il nome frattura da stress. Questo spiega il meccanismo, che è legato al sovraccarico. Significa che l’osso ha ripetutamente ricevuto così tanta pressione, con insistenza, che ha ceduto nella sua parte più esterna.

Allo stesso tempo, il sovraccarico costante ha impedito ai normali processi di guarigione di riparare il difetto. Ecco perché sono così comuni nei corridori, nei tennisti, nei calciatori e negli alpinisti; tutti ripetono gli stessi movimenti ogni volta che svolgono la loro attività sportiva.

Pallina da tennis.
Tra gli infortuni comuni del tennis, oltre ai problemi articolari del gomito e della spalla, vanno citate le fratture.

Frattura da stress: chi è più esposto?

Nonostante gli atleti siano un gruppo fortemente colpito dalle fratture da stress, come dimostra Rafael Nadal, bisogna cercare anche la loro presenza in campo militare. Esercizi di preparazione dei soldati e lunghe marce sono una causa comune di frattura da stress sul piede.

Le statistiche indicano che fino a un quinto di tutti gli infortuni nello sport può essere attribuito a una frattura da stress. Tra i corridori la prevalenza raggiunge il 16%. E nelle donne viene diagnosticata più che negli uomini.

Sebbene la frattura delle costole, come quella di Rafa Nadal, non sia rara, i piedi subiscono il maggior sovraccarico, quindi due posizioni comuni sono le seguenti:

  • Secondo metatarso: è la frattura da stress per eccellenza dei corridori. Essendo l’osso più lungo del piede, è esposto alle sollecitazioni del battistrada.
  • Quinto metatarso: è anche chiamata frattura di Jones. È strettamente legata all’uso di calzature inadeguate che porta a un sovraccarico del peso corporeo sulla parte esterna del piede, costringendo l’ossicino a sopportare una pressione maggiore del dovuto.

Come si riconosce una frattura da stress?

La frattura da stress di Rafael Nadal, ad esempio, si è fatta riconoscere dall’insorgenza dei sintomi. Al tennista, che lamentava respiro affannoso e fastidio lancinante al petto, sono stati eseguiti esami complementari per ricercarne l’origine.

In realtà, i sintomi dipendono dalla posizione della frattura. I corridori con lesioni metatarsali riportano, di solito, dolore alla deambulazione e gonfiore del piede.

La mancanza di respiro di Nadal, nel suo caso particolare, si spiega con l’irritazione dei nervi toracici che devono intervenire nella respirazione. Poiché c’era una frattura, con gonfiore e accumulo di liquido intorno ad essa, è quasi certo che le terminazioni nervose del torace stessero registrando dolore.

La presenza di dolore nella parete toracica è la causa del fiato corto. Il corpo, come metodo di difesa, interrompe bruscamente i movimenti inspiratori e questo limita l’ingresso dell’aria. Mentre Nadal stava giocando la finale di Indian Wells, non è riuscito a ottenere tutto l’ossigeno di cui aveva bisogno per mantenere il ritmo del gioco.

frattura costale
Le fratture costali interrompono i normali movimenti respiratori, impedendo la corretta inspirazione.

Cosa attende Rafael Nadal?

La frattura dovuta allo stress costale costringe Rafael Nadal a un riposo di 4-6 settimane. È il tempo necessario per una corretta guarigione dei tessuti.

Durante questo periodo non sarà in grado di competere e si allenerà a un’intensità molto bassa poiché l’obiettivo è che ci sia una riparazione adeguata della sua costola danneggiata. Potrebbe essere necessario indossare un bendaggio o un dispositivo di compressione toracica per favorire la guarigione.

L’uso di antinfiammatori è a discrezione del medico curante. In genere sono indicati all’inizio, quando il dolore rende difficoltosa la respirazione. Alcuni medici prescrivono integratori di vitamine e calcio per supportare il metabolismo osseo, sebbene questa non sia una pratica universale.

Come sempre, la fase finale prevede la riabilitazione. Le sedute di fisioterapia aiutano a rafforzare i muscoli circostanti per sostenere la frattura.

Rafael Nadal non subirà un intervento chirurgico. Almeno questo si può intuire, poiché le indicazioni per la chirurgia in questi casi sono riservate a fratture scomposte, pazienti con cattive condizioni ossee (osteoporosi, per esempio) o quando la guarigione lascia un callo non funzionale.

Nadal dovrà avere pazienza e aspettare almeno 1 mese.

This might interest you...
Frattura da stress, cos’è e come riconoscerla
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Frattura da stress, cos’è e come riconoscerla

La frattura da stress si verifica principalmente nel piede. Non è facile da diagnosticare e se non trattata, causa dolore intenso e cronico.



  • del Arco, Jessica Grande. “Fracturas de estrés en atletas.” Revista Internacional de Ciencias Podológicas 12.2 (2018): 63.
  • Martínez, Guillermo Anguita, et al. “Fracturas de estrés de los metatarsianos.” Revista Internacional de Ciencias Podológicas 5.2 (2011): 47-54.
  • Torrengo, Federico, Vicente Paús, and Jorge Cédola. “Fracturas por estrés en deportistas.” Rev la Asoc argentina Traumatol del Deport (2010): 18-23.
  • Canales, Jorge Alberto, and Josue Isaí Lagos Sánchez. “Fractura de la base del quinto metatarsiano: Informe de un caso y revisión de la literatura.” Rev. méd. hondur (2002): 31-33.