Apnee notturne: consigli e rimedi naturali

· 15 aprile 2015
Se non curate a dovere, le apnee notturne possono comportare conseguenze come sonnolenza diurna, riflessi lenti e aumento del rischio d’incidenti

Le apnee notturne sono considerate un disturbo “grave” perché ostacolano il passaggio d’ossigeno alle diverse parti del corpo mentre stiamo riposando. Le cause sono diverse e alcuni dei sintomi tipici sono pause nella respirazione, russamento, asfissia e sonnolenza.

In questo articolo parliamo dell’apnea notturna e di come combatterla in modo naturale.

Le apnee notturne: conoscere il problema

Si tratta di un disturbo con ripercussioni sul normale funzionamento della respirazione durante il sonno. Possono causare respirazione superficiale oppure brevi pause nel flusso normale dell’ossigeno, in genere dai 15 ai 20 secondi.

L’apnea notturna impedisce di dormire tranquillamente. È quindi possibile soffrire di sonno leggero, incubi o mancanza di riposo, il che causa bassa energia, minore produttività, cattivo umore, irritabilità e riduzione dello stato di coscienza mentale.

Se non curate a dovere, le apnee notturne possono comportare conseguenze come sonnolenza diurna, riflessi lenti e aumento del rischio d’incidenti. Inoltre, problemi di salute come l’obesità, l’ipertensione, il diabete o le malattie cardiache.

I sintomi possono essere difficili da individuare poiché si manifestano di notte e quando dormiamo. Di solito è un parente o il partner a notare cambiamenti nel sonno di chi gli dorme accanto.

donna nel letto con disturbi del sonno

Alcuni dei segnali con cui si manifestano le apnee notturne sono:

  • Pause nella respirazione.
  • Russamento molto forte.
  • Asfissia o affanno.
  • Sonnolenza
  • Sonno inquieto.
  • Sensazione di mancanza d’aria quando ci si sveglia di notte.
  • Stimolo ricorrente ad andare al bagno all’alba.
  • Risveglio con la bocca o la gola secca.
  • Mal di testa
  • Incapacità di concentrarsi al lavoro.
  • Sbalzi d’umore.
  • Irritabilità.
  • Depressione.
  • Dormire in posizioni strane.
  • Eccessiva sudorazione durante la notte.
  • Incubi.
  • Respirazione dalla bocca.
  • Basso rendimento generale.

Alcuni fattori di rischio che possono facilitare la comparsa dell’apnea sono: il fumo, l’abuso di alcol, l’obesità, l’ingrossamento delle tonsille o della lingua, l’ostruzione del condotto nasale e la predisposizione genetica.

Inoltre, gli uomini soffrono di apnee notturna più frequentemente rispetto alle donne.

Volete saperne di più? Ecco 7 curiosità sui sogni che di sicuro vi sorprenderanno. Non perdetevi questo articolo: 7 curiosità sui sogni.

Abitudini, rimedi e consigli per curare l’apnea notturna

Per quanto riguarda la posizione da assumere durante il sonno, sono consigliate due:

Su un fianco

Dormire su un fianco (non importa se destro o sinistro) facilita l’ingresso di ossigeno nei polmoni. Succede invece il contrario se dormiamo a pancia in giù o supini.

Ovviamente mentre dormiamo non possiamo renderci conto della posizione che assumiamo, quindi, un accorgimento utile è usare un cuscino grande o dormire appoggiati al muro.

Un altro trucchetto è quello di cucire o attaccare un oggetto fastidioso sui capi che usiamo per dormire, sia sulla schiena sia sul petto così, quando ci giriamo, risulterà scomodo e torneremo nella posizione corretta.

Donna dorme sul fianco
Con la testa sollevata

Usate più di un cuscino per mantenere la testa sollevata rispetto alla posizione abituale. In questo modo migliorerete la respirazione notturna.

Oltre alla testa, dovete anche tenere sollevato il petto. Se state per acquistare un letto nuovo, per esempio, potete prenderlo reclinabile, oppure potete posizionare un oggetto sotto le gambe anteriori del letto per inclinarlo. A detta di molti, questo è un metodo ben più efficace rispetto all’uso dei cuscini.

Per eliminare l’apnea notturna, è inoltre consigliabile:

Perdere peso

Il sovrappeso o l’obesità peggiorano i sintomi. Iniziate adottando una dieta più salutare, a fare esercizio fisico almeno due volte a settimana, a mangiare più frutta e verdura, ad abbandonare i cibi fritti, gli zuccheri e i grassi e a bere due litri d’acqua al giorno. Una leggera perdita di peso migliorerà in maniera significativa i sintomi perché vi permetterà di aprire le vie respiratorie.

Smettere di fumare

Le sigarette sono un altro degli aggravanti dell’apnea notturna. Fumare facilita l’accumulo di liquidi nella gola e ciò può causare infiammazioni delle vie respiratorie superiori. Smettere di fumare, inoltre, è fonte di moltissimi altri benefici per la vostra salute.

Leggete anche: 8 falsi miti sul fumo

Evitare il consumo di alcol

Le bevande alcoliche, così come i calmanti, hanno la capacità di rilassare i muscoli della gola, alterandone le funzioni. È inoltre consigliabile non fare un uso eccessivo di caffeina durante il giorno e soprattutto durante la sera, perché interferisce con il ritmo naturale del sonno.

Evitare cene troppo abbondanti

Andare a dormire dopo un pasto troppo abbondante può alterare il riposo, oltre ad avere ripercussioni sull’afflusso di ossigeno ai polmoni.

Rimedi naturali contro le apnee notturne

Ragazza dorme serenamente
Valeriana

Questa pianta si usa da secoli per conciliare il sonno e come rilassante. Migliora la qualità del sonno ed è ideale per chi soffre d’insonnia o incubi legati all’apnea.

Oli essenziali

I più consigliati per conciliare il sonno sono l’olio essenziale di camomilla, di lavanda e di enagra. Quest’ultimo dona sollievo in caso di infiammazione delle vie respiratorie.

Potete applicarli sulle tempie con un massaggio o aggiungere qualche goccia al diffusore. Se volete attenuare la congestione delle vie nasali, l’opzione migliore è l’olio essenziale di eucalipto. Aggiungetene qualche goccia in un recipiente di acqua bollente e inalatene i vapori.

Guarda anche