Rimedi naturali per la lombalgia

8 aprile 2014
La lombalgia solitamente può durare dai 3 ai 7 giorni. L'esercizio fisico fa bene ed è solitamente associato a una minore frequenza di problemi in questa zona.

La lombalgia o lombaggine è un dolore delle vertebre lombari, la zona inferiore della schiena, che può dipendere da diversi fattori e che può interessare la muscolatura, i legamenti, i nervi e i dischi intervertebrali

Gli attacchi di lombalgia, caratterizzati da dolore, rigidità e/o riduzione del movimento, possono durare alcuni giorni oppure trasformarsi in un disturbo cronico che danneggia in maniera considerevole la qualità della vita della persona che ne soffre. Per questo motivo, spieghiamo le possibili cause e i rimedi naturali per la lombalgia, sia per prevenirla sia per alleviarne il dolore.

Quali sono le possibili cause?

lombalgia

Le cause della lombalgia possono essere diverse, le ricordiamo a seguire:

  • Tensioni e compensazioni muscolari
  • Deviazioni della colonna verticale (lordosi, scoliosi)
  • Malattie ai reni
  • Ernia del disco intervertebrale
  • Artrite e artrosi
  • Stress e sovraccarico emotivo
  • Stitichezza e problemi intestinali (che si ripercuotono nella parte posteriore)

Se la lombalgia non migliora dopo tre giorni, è fondamentale rivolgersi ad un medico, poiché potrebbe essere legata a malattie più gravi. Il medico confermerà se si tratta di lombalgia grazie alle radiografie o alle risonanze.

Alimentazione antinfiammatoria

Durante l’attacco di lombalgia è fondamentale nutrirvi in maniera equilibrata ed evitare quegli alimenti che peggiorano le infiammazioni, come i latticini, lo zucchero bianco, la carne rossa e le farine raffinate. Viceversa, dovrete assumere ogni giorni alimenti che contribuiscono a ridurre l’infiammazione, come i seguenti:

succo di barbabietola e semi di chia

Calore locale

Le vertebre lombari sono una zona del corpo che risente particolarmente del freddo, per cui potete riscaldarle con cuscinetti o coperte elettriche oppure con una borsa dell’acqua calda che potete ricoprire con una fodera di lana.

Ulteriore opzione è quella di posizionare il flusso della doccia direttamente sulle vertebre lombari, aumentando poco a poco la temperatura fino al calore massimo che tollerate senza bruciarvi. Dovrete muovere il flusso da una parta all’altra dai 2 ai 4 minuti. Sarà ancora più efficace se lo farete da seduti. 

È importante tenere a mente che bisogna evitare questo rimedio in caso di sciatica ed ernie.

Piante medicinali da bere

SONY DSC

Le piante medicinali che vi aiuteranno a ridurre l’infiammazione, rimineralizzare e depurare sono la Coda di cavallo (Equisetum arvense) e la salsapariglia nostrana. Dovrete preparare ogni giorno un litro di infuso con entrambe le piante, alle quali aggiungere un goccio di succo di limone e un po’ di stevia per addolcire. Berrete la bevanda durante il corso della giornata.

Cataplasma di argilla

L’argilla è un rimedio eccellente, economico e semplice per qualsiasi tipo di infiammazione. Preparate un cataplasma con acqua tiepida e argilla verde o rossa fino ad ottenere un impasto che si possa applicare senza che sgoccioli, che sia compatto sulla pelle di tutta la zona lombare.

Dovrete coprirlo con una garza o con una stoffa e anche con un tessuto di lana grossa per dare calore. Lasciatelo agire per almeno mezz’ora, ma potete anche lasciarla tutta la notte. Quando la toglierete, sarà secca. L’argilla assorbirà le tossine, ridurrà l’infiammazione e apporterà minerali all’organismo.

Arnica

L’arnica è una pianta utilizzata dagli sportivi per prevenire e curare le lesioni. La potete trovare sotto forma di estratto, di crema, di granuli omeopatici, etc. Potete farne sia un uso topico sia orale.

Se decidete di ricorrere ai granuli omeopatici, il rimedio è Arnica Montana 9 CH e dovrete mettere tre palline sotto la lingua tre volte al giorno, lontano da pasti, bevande e sapori forti e mentolati (gomme, dentifricio, etc.)

Aceto di rosmarino

Il rosmarino aiuta ad attivare la circolazione e può essere molto utile cospargerne l’aceto sulla zona interessata. Potete preparare voi stessi questo aceto lasciando macerare alcuni rametti di rosmarino in una bottiglia di vetro con aceto.

Terapia con ventose o cupping

Questa tecnica è un antico metodo terapeutico a cui si ricorreva nella Medicina Tradizionale Cinese. Consiste nell’utilizzare delle specie di coppette di vetro che creano un effetto ventosa per aderire al corpo, aspirare la pelle e parte del muscolo, aprire i pori ed attivare la circolazione sanguigna e linfatica.

In questo modo potrete ridurre l’infiammazione e alleviare il dolore in 10 o 15 minuti. Potete rivolgervi ad un terapeuta oppure farlo in tutta sicurezza anche a casa comprando un set di ventose.

Immagini per gentile concessione di Food Thinkers e uteart

 

Guarda anche