5 segnali inviati da una donna maltrattata

19 luglio 2017
Le donne vittime di violenza tendono a nascondere il loro dramma, per paura o per vergogna. Ecco perché dobbiamo prestare attenzione ad alcuni sintomi che possono indicare la presenza di un problema domestico.

Le donne maltrattate seguono, in genere, schemi tipici dinanzi ad alcuni stimoli o situazioni.

Intuirli aiuta a capire quando ci troviamo di fronte ad una donna vittima di violenza che, per un motivo o per l’altro, non ha la forza di chiedere aiuto o di aprire gli occhi di fronte alla propria situazione.

Leggete anche: Violenza e abuso nelle relazioni di coppia tra adolescenti

Vi è mai venuto il sospetto che una donna fosse vittima di violenza, avete mai notato questi segnali?

I segnali rivelatori di una donna maltrattata

1. Cerca di nascondere i lividi

Anche se molte donne vengono sottoposte ad un maltrattamento di tipo psicologico, altre subiscono anche la violenza fisica e non sempre le percosse vengono date in punti visibili del corpo.

Se all’improvviso una donna comincia a truccarsi molto e non è sua abitudine, se fa di tutto per coprire le braccia, la schiena o un’altra parte del corpo, forse sta cercando di nascondere i segni di un maltrattamento.

Come si riconosce? Soprattutto dall’ansia di nascondere la pelle e in una reazione molto aggressiva o difensiva quando si tratta di scoprirsi.

2. Cerca di prevenire la rabbia del maltrattatore

Le donne vittime di violenza vivono in un continuo stato di allerta, nel tentativo di evitare la rabbia o il malcontento del maltrattatore.

Leggete anche: 6 persone dalle quali allontanarsi prima di essere feriti

Per questo motivo, spesso evitano di affrontare determinati argomenti in sua presenza; oppure sentirete  loro dire “no, preferisco non uscire con voi, mio marito non è contento”, oppure “lavora tutto il giorno e il poco tempo libero che gli resta lo vuole passare con me”.

Nel loro comportamento noteremo mancanza di assertività, poca volontà di soddisfare le proprie necessità e il bisogno costante di sottomettersi ai desideri del partner.

3. Nasconde informazioni importanti sulla propria vita

Una persona violenta tende ad allontanare il partner da parenti e amici e quando questi chiedono sue notizie, la vittima nasconde molte informazioni, accampando una serie di scuse pur di non dire la verità.

Ad una domanda diretta sulla sua vita, una donna maltrattata risponde in modo superficiale e tenta di cambiare rapidamente discorso.

Tutto questo la fa vivere in uno stato di forte stress e ansia, perché deve anche stare attenta ad ogni parola che dice, nel timore che il partner venga a saperlo e si arrabbi.

4. È sempre sulla difensiva

Come abbiamo già detto parlando della necessità di nascondere il corpo, una donna maltrattata teme il contatto fisico con le altre persone.

Non perdete: Codipendenza: legami che fanno male

Ad esempio, può bastare un semplice tocco del braccio per farla sobbalzare, come se stesse sempre aspettando un attacco da cui difendersi.

In altri casi, noterete che quando qualcuno alza un braccio, la donna vittima di violenza si copre il viso, come se la stessero per colpire.

5. Si sente sempre responsabile

Una donna oggetto di maltrattamenti crede di essere in colpa e spesso pensa di meritare le percosse del partner.

Questo atteggiamento si ripercuote in altri aspetti della sua vita, in cui la donna si carica di responsabilità e colpe che non le appartengono.

È senza dubbio sintomo di una scarsissima autostima e della tendenza a mostrare un atteggiamento sottomesso in ogni circostanza.

Potrebbe interessarvi anche: Come vincere la scarsa autostima in 5 passaggi

Una donna maltrattata è, in genere, estremamente fragile. Aiutarla può essere difficile, a volte impossibile soprattutto se crede di meritare quanto le sta capitando.

Riuscire a intuire questi segnali ci aiuterà a non giudicare un eventuale atteggiamento remissivo e a non colpevolizzare ulteriormente una persona che sta passando il momento peggiore della sua vita.

Il maltrattamento è da sempre una realtà dolorosa della nostra società, tuttavia sono in aumento le possibilità di aiuto per le donne che decidono di uscirne.

Ricordate, chi si sente sola o disperata può sempre rivolgersi al 1522, ovvero al telefono rosa: è una telefonata che può dare per sempre una svolta alla propria vita.

Guarda anche