Mantenere sano il fegato con semplici rimedi naturali

5 Maggio 2014
In questo articolo vi presentiamo dei semplici rimedi naturali che aiutano a mantenere sano il fegato e tutto l'organismo in maniera efficace.

È importante mantenere sano il fegato: è l’organo più grande e uno dei più importanti del nostro corpo. Tra le sue funzioni ricordiamo quella di trasformare gli alimenti in energia, di eliminare le tossine e di aiutare il processo digestivo.

Il fegato è uno degli organi che risentono maggiormente di un’alimentazione scorretta, delle emozioni negative e delle cattive abitudini. In questo articolo parleremo di alcuni semplici rimedi, naturali ed economici, con cui prendersi cura del fegato e mantenerlo in buona salute.

La salute del fegato si riflette sui capelli e sulla vista. Se è infiammato, potete avvertire dolore sotto le costole del lato destro del corpo e anche nella zona corrispondente della schiena, potete avere un’infiammazione del trapezio destro, le zampe di gallina, la pelle o la sclera degli occhi di color giallognolo, problemi di salute come il colesterolo, problemi mestruali, etc.

Alimentazione e nutrizione per mantenere sano il fegato

Gli alimenti nutrono oppure avvelenano il nostro fegato, per questo motivo la prima cosa da fare è prestare attenzione a quello che mangiate per mantenere quest’organo in buona salute. Dovrete scegliere un’alimentazione biologica, priva di additivi (coloranti, aromi, etc.), la più naturale possibile. Inoltre, vi raccomandiamo di evitare:

  • Alcol
  • Cibi fritti
  • Carne rossa
  • Cibi precotti
  • Latticini
  • Zucchero bianco
  • Dolcificanti artificiali

Dovete tenere presente che anche i farmaci possono danneggiare il fegato. Leggete sempre con attenzione gli effetti collaterali riportati sul foglietto illustrativo.

Saranno, invece, di grande aiuto i seguenti alimenti:

  • Succo di mela e carota
  • Pompelmo
  • Carciofi
  • Ravanello
  • Cicoria
  • Verdure a foglia verde
  • Germogli di erba medica (o alfa-alfa)
  • Uva
  • Fragole
  • Broccoli
  • Cavolo
  • Cavoletti di Bruxelles
Succo mele e carote per mantenere sano il fegato

Oltre a consumare questi alimenti ogni giorno, è molto importante sapere che il fegato si rigenera all’alba, quindi la cosa ideale da fare è cenare presto, mangiando poco, in modo da non passare tutta la notte a digerire la cena.

Tra gli integratori o supplementi nutrizionali sono di grande aiuto le vitamine del gruppo B.

Queste vitamine riducono le transaminasi e tonificano il fegato. Potete consumare gli alimenti che le contengono, come per esempio il lievito di birra, o anche assumere qualche integratore naturale.

Leggete anche: Dieta per disintossicare il fegato: cosa c’è da sapere

Non trattenere le emozioni

Il fegato non risente solo di una cattiva alimentazione. Infatti, secondo la Medicina Tradizionale Cinese, anche trattenere la rabbia e i nervi danneggia il fegato. Per evitarlo, dovete imparare a gestire le vostre emozioni e svolgere delle attività che vi aiutino a canalizzare la rabbia, ad esempio un’attività sportiva o artistica.

Esiste, inoltre, un rimedio omeopatico che può esservi d’aiuto in caso di rabbia trattenuta: la Chamomilla 15 CH. Bastano tre palline sotto la lingua, tre volte al giorno, lontano dai pasti, compresi liquidi e cibi dai sapori forti o di menta (gomme da masticare, dentifrici, etc.).

Borsa dell’acqua calda

Come i reni, il fegato è un organo che tende a raffreddarsi quando non funziona correttamente. Per evitarlo, quando andate a letto, appoggiate un panno inumidito con acqua calda sulle costole della parte destra del corpo.

Se non fa troppo caldo, coprite tutto con una coperta. Si tratta anche di un rimedio fantastico contro l’insonnia. Tuttavia, vi raccomandiamo di non ricorrere a questo rimedio durante il giorno perché può dare stanchezza.    .

Clisteri di caffè

È un antico rimedio praticato da molte persone per mantenere sano il fegato. Consiste nel fare dei clisteri con del caffè tostato e in polvere. Fate bollire un litro d’acqua con tre cucchiai di caffè, 5 minuti a fuoco alto e 15 minuti a fuoco basso. Filtrate l’acqua fino ad eliminare i residui.

Aspettate che si raffreddi ed usatene mezzo litro per i clisteri. Una volta introdotto il liquido, appoggiatevi sul fianco destro, cercando di resistere per 10 o 15 minuti prima di evacuarlo. Si tratta di un rimedio molto potente che agisce direttamente sul fegato, aumentando l’attività della gamma-glutamil transferasi.

Limone e olio a digiuno

Inoltre esiste un rimedio semplicissimo che vi aiuterà a mantenere sano il fegato e la cistifellea ogni mattina. Quindi dovete solo bere un cucchiaio di succo di limone non trattato e un cucchiaio di olio d’oliva di prima spremitura a freddo ogni mattina a digiuno.

Aspettate una mezz’ora e poi bevete uno o due bicchieri di acqua tiepida. Subito dopo potete fare colazione. Questo rimedio sarà molto utile in particolare alle persone che soffrono di costipazione.

Olio-e-limone-elle_ann1

Piante medicinali

Specialmente le erbe amare aiutano a mantenere sano il fegato e farlo funzionare correttamente. Infatti potete bere ogni giorno infusi delle piante che elenchiamo di seguito:

  • Dente di leone
  • Carciofo
  • Cardo mariano: rigenera il fegato
  • Boldo
  • Celidonia

Scoprite: Migliorare la salute del fegato con il boldo

Inoltre potete dolcificare questi infusi con miele di rosmarino o con la stevia e aggiungere un po’ di succo di limone non trattato.

Immagini per gentile concessione di elle_ann y Will Merydith.

  • Speroni, E., Cervellati, R., Govoni, P., Guizzardi, S., Renzulli, C., & Guerra, M. C. (2003). Efficacy of different Cynara scolymus preparations on liver complaints. Journal of Ethnopharmacology. https://doi.org/10.1016/S0378-8741(03)00076-X
  • Ma, J., Fox, C. S., Jacques, P. F., Speliotes, E. K., Hoffmann, U., Smith, C. E., … McKeown, N. M. (2015). Sugar-sweetened beverage, diet soda, and fatty liver disease in the Framingham Heart Study cohorts. Journal of Hepatology. https://doi.org/10.1016/j.jhep.2015.03.032
  • Klimaczewski, C. V., Saraiva, R. de A., Roos, D. H., Boligon, A., Athayde, M. L., Kamdem, J. P., … Rocha, J. B. T. (2014). Antioxidant activity of Peumus boldus extract and alkaloid boldine against damage induced by Fe(II)-citrate in rat liver mitochondria in vitro. Industrial Crops and Products. https://doi.org/10.1016/j.indcrop.2013.11.051
  • Bahmani, M., Shirzad, H., Rafieian, S., & Rafieian-Kopaei, M. (2015). Silybum marianum: Beyond Hepatoprotection. Journal of Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine. https://doi.org/10.1177/2156587215571116