Sintomi di infarto nelle donne da riconoscere

· 9 agosto 2017
Dato che la maggior parte dei sintomi di infarto nelle donne può essere confuso con malori passeggeri e del tutto normali, è fondamentale prestarvi attenzione e imparare a riconoscerli; in ogni caso, al minimo dubbio, è assolutamente indispensabile rivolgersi al medico.

Come si fa a riconoscere i sintomi di infarto? L’infarto miocardico acuto è una sindrome provocata da un’insufficiente irrorazione sanguina di una parte del muscolo cardiaco. Di norma a causa dell’ostruzione di un’arteria coronaria.

All’inizio, tale arresto genera una condizione nota come angina pectoris. Se non viene curata porta alla necrosi del tessuto cardiaco. I sintomi di infarto miocardico acuto includono dolore e senso di oppressione al petto. Si possono irradiare verso un braccio o entrambi gli arti e, in certi casi, anche verso la schiena.

Nel caso specifico delle donne, però, si manifesta tramite sintomi atipici. A causa della grande somiglianza ad altre patologie o disturbi minori, tendono ad essere confusi e sottovalutati.

Il problema è che la maggior parte delle donne crede che l’unico sintomo tipico dell’infarto sia un intenso dolore al petto. Per questo motivo, vogliamo dedicare l’articolo di oggi a sette sintomi di infarto che possono precedere un infarto. Scopriteli con noi!

7 sintomi di infarto da riconoscere

1. Insonnia

Donna con insonnia

L’insonnia e i continui disturbi del sonno possono essere causati da numerosi fattori:

  • L’eccesso di lavoro.
  • Lo stress.
  • L’eccessivo uso di apparecchi elettronici.

Ciò nonostante, nelle donne, questo disturbo può essere causato da uno squilibrio dell’attività ormonale e da malattie cardiovascolari in fase iniziale. Più della metà delle donne colpite da infarto, ha sofferto di insonnia nei dieci anni che hanno preceduto l’episodio.

2. Difficoltà respiratorie

Le donne che notano tosse e sensazione di asfissia senza una causa apparente, dovrebbero rivolgersi subito al proprio medico. La comparsa di questi sintomi, infatti, soprattutto durante le normali attività quotidiane, è comune nelle donne a rischio di infarto.

3. Acidità di stomaco e reflusso gastroesofageo

Donna con dolore al ventre

Molte donne soffrono di un eccesso di produzione di succhi gastrici nello stomaco e di reflusso gastroesofageo. Di norma provocano una sensazione di bruciore nella parte superiore dell’addome, tra la bocca dello stomaco e il petto, molto simile a quella dell’infarto.

Leggete anche: Trattare il reflusso gastroesofageo: 7 consigli di nutrizione

Non tutti i casi portano a questa grave patologia. Ciò nonostante, è bene osservare tale sintomo se si manifestasse con una certa frequenza. Potrebbe essere un indizio di infarto.

4. Stanchezza inusuale

La fatica e la stanchezza di norma vengono associate ai disturbi del sonno, all’assunzione di determinati farmaci oppure allo stress. Tuttavia, quando tali sintomi si presentano con una certa frequenza e senza un motivo valido, potrebbero indicare una difficoltà a livello circolatorio e cardiaco.

L’ostruzione delle arterie coronarie impedisce la corretta circolazione del sangue dal cuore. Rendendo così più difficile il processo di ossigenazione delle cellule, del cervello e dei muscoli.

Dato che il cuore deve lavorare di più per pompare sangue a sufficienza, aumenta la pressione arteriosa e, di conseguenza, anche il rischio di infarto.

5. Sudorazione intensa e capogiri

Donna con capogiri

Anche la sudorazione fredda durante lo svolgimento delle attività quotidiane o durante le ore di riposo può essere sintomo di infarto miocardico nelle donne. Come il resto dei sintomi, può dipendere da altri fattori. Anche se un piccolo check-up per escludere problemi più gravi non è mai di troppo.

La comparsa di sudore freddo, infatti, può dipendere dagli sforzi che l’organismo compie per mantenere stabile la temperatura corporea squilibrata a causa dell’affaticamento del muscolo cardiaco. A sua volta, lo scarso flusso sanguigno rallenta il processo di ossigenazione cellulare provocando capogiri e malessere generale.

6. Improvvisi attacchi di ansia

Gli attacchi di ansia senza motivo apparente dovrebbero sempre meritare una certa attenzione. Soprattutto quando sono accompagnati da fitte al petto o da vertigini. Molte donne avvertono tale sintomo nelle ore che precedono un attacco cardiaco.

D’altro canto, è fondamentale ricordare che sia gli attacchi di ansia sia lo stress aumentano il rischio di pressione alta e, di conseguenza, di infarto.

Leggete anche: Sette modi per iniziare bene la giornata e combattere stress e ansia

7. Dolore alle braccia e al collo

Donna con dolore al collo

I dolori alle articolazioni, al collo e alla mandibola sono frequenti nelle donne che soffrono di patologie cardiovascolari che compromettono il naturale funzionamento del muscolo cardiaco.

Sono più frequenti nelle donne che negli uomini, anche se talvolta questi ultimi possono esserne ugualmente colpiti. Tali dolori compaiono all’improvviso, con un leggero e apparente miglioramento poco prima dell’infarto.

Tutti i sintomi qui elencati possono dipendere da fattori molto diversi tra loro. Però, è bene sempre rivolgersi ad un medico per ricevere la diagnosi corretta ed escludere patologie più gravi.

Adottare sane abitudini di vita con cui tenere sotto controllo il colesterolo e la pressione arteriosa è determinante per ridurre il rischio di tale patologia.

  • Stroke Association, N. (2014). What is stroke? Stroke.Org.
  • Lisabeth, L. D., Brown, D. L., Hughes, R., Majersik, J. J., & Morgenstern, L. B. (2009). Acute stroke symptoms: Comparing women and men. Stroke. https://doi.org/10.1161/STROKEAHA.109.546812
  • Mata, J., Frank, R., & Gigerenzer, G. (2013). Symptom recognition of heart attack and stroke. In Transparent Communication of Health Risks: Overcoming Cultural Differences. https://doi.org/10.1007/9781461443582
  • Goff, D. C., Sellers, D. E., McGovern, P. G., Meischke, H., Goldberg, R. J., Bittner, V., … Nichaman, M. Z. (1998). Knowledge of heart attack symptoms in a population survey in the United States: The REACT trial. Archives of Internal Medicine. https://doi.org/10.1001/archinte.158.21.2329
Guarda anche