Sintomi e trattamento della cervicite

26 giugno 2014
È fondamentale controllare le infezioni di questa zona, poiché lo sfogo potrebbe essere derivato dal cancro cervicale.

La cervicite si sviluppa in seguito alla contrazione di infezioni croniche, per via di alterazioni inusuali del pH, all’innalzarsi dei livelli di estrogeno e per via di traumatismi. Si tratta dell’infiammazione delle cellule della cervice, che si produce quando le cellule squamose dell’apertura del collo dell’utero diventano cellule colonnari.

In questo modo, si presentano irritazione, arrossamento e infiammazione, che a volte non si distinguono dai primi stadi del cancro al collo dell’utero. Oltre a ciò, l’aumento di secrezioni, casi di infertilità, dolore alla schiena e perdite di sangue sono alcuni sintomi che l’infiammazione porta con sé; per questo è consigliabile conoscerne il trattamento per evitare ulteriori problemi.

Quali sono le cause?

Qualunque donna può soffrire di cervicite, sebbene sia più frequente nelle donne in età fertile. Le cause sono variabili, ma può manifestarsi in seguito a infezioni, carcinomi o qualche tipo di trauma, come quello causato da un parto multiplo. Inoltre, si sviluppa per via di infezioni croniche e acute.

Questa infiammazione può insorgere anche in donne giovani che utilizzano la pillola anticoncezionale. Inoltre, l’utilizzo per un periodo prolungato di dispositivi intrauterini e anche di tamponi sono cause comuni. Tuttavia, anche nel caso in cui il loro uso non sia frequente, la cervicite può comunque sviluppars. Oltre a questo, le donne con un basso livello socioeconomico, quelle che hanno parti multipli, che si sposano in età precoce o curano poco la loro igiene intima, rappresentano la maggiore percentuale delle donne che ne soffrono.

È consigliabile controllare questo tipo di infezioni perché la cervicite possa provocare un cancro all’utero. In questo modo, più tempo si tarda nel curare questo problema, maggiori possono essere le complicanze posteriori che possono insorgere.

I sintomi

È molto comune che durante una visita dal ginecologo si riscontri una cervicite nella paziente. Tuttavia, molte donne non presentano sintomi anche se ne esistono vari che possono presentarsi. Alcuni di questi sono difficoltà nell’urinare, dolore, perdite di sangue dopo il coito, perdite vaginali o leucorrea.

Il Pap test risulta normale, ma può presentare segni di infiammazione e cellule anormali. La cervicite causa infezioni, che sono più frequenti nell’epitelio poiché si creano le condizioni ideali per la crescita di organismi interni in esso. In tal modo, la cervice risulta rossa e granulata.

Altri sintomi includono:

  • dolore al collo
  • dolore al collo dell’utero
  • reazioni allergiche
  • arrossamento oculare
  • dolore addominale
  • perdite di sangue dopo il coito
  • cambiamenti nel ciclo mestruale
  • bruciore
  • mal di schiena

Trattamento

A volte non si consiglia nessun trattamento in particolare, specialmente per quelle donne che non presentano sintomi. Tuttavia, se la persona presenta dolore, complicanze e sintomi specifici come perdite vaginali o leucorrea, perdite di sangue dopo il coito e problemi ad urinare, è consigliato sottoporsi a un trattamento specifico per evitare possibili infezioni e altre complicanze.

Alcuni dei trattamenti includono l’assunzione di determinati medicinali, criocauterizzazione o cauterizzazione con laser. D’altra parte, le donne che soffrono di questa infezione e che ancora non hanno avuto rapporti sessuali devono tenere sotto controllo la situazione. Inoltre, un esito positivo risultante dal Pap test deve essere trattato per evitare il rischio di contrarre un cancro della cervice o altre infezioni.

Guarda anche