Strisce sbiancanti per i denti: consigli per un buon utilizzo

Un sorriso bianco e brillante dona sicurezza e fiducia in se stessi. Le strisce permettono di sbiancare i denti in tutta sicurezza, ma è importante farlo in modo responsabile e consapevole.
Strisce sbiancanti per i denti: consigli per un buon utilizzo

Ultimo aggiornamento: 18 ottobre, 2021

Al giorno d’oggi, sfoggiare denti bianchi e sani è più che mai importante, anche attraverso i trattamenti schiarenti. Tra questi, troviamo le strisce sbiancanti per i denti, un metodo fai da te in grado di migliorarne la tonalità.

Con il passare del tempo, il colore dei denti cambia e il bianco brillante tipico di quando si è ragazzi, si perde. Scarse spazzolature, fumo o consumo frequente di cibi o bevande come vino, tè o caffè, portano i denti a virare al giallo.

Per contrastare la pigmentazione dei denti e migliorare l’estetica del sorriso molti ricorrono ai trattamenti di sbiancamento dentale. Le possibilità sono diverse, a seconda delle esigenze e delle tasche.

Andare dal dentista è certamente la scelta più sicura, veloce, e con migliori risultati, ma anche più costosa. Se quello che si vuole ottenere, invece, è un cambiamento discreto, si possono acquistare in farmacia prodotti che funzionano bene.

State pensando di ricorrere alle strisce sbiancanti per i denti? Allora è bene che sappiate usarle nel modo corretto. Ecco alcuni consigli che vi aiuteranno a ottenere i risultati desiderati.

Strisce sbiancanti per i denti: come funzionano?

Le strisce sbiancanti per i denti contengono un gel chimico in grado di contrastare la pigmentazione e le macchie sulla superficie dei denti. In genere sfruttano la carbammide o il perossido di idrogeno a basse concentrazioni, che operano uno sbiancamento attraverso un processo graduale.

In commercio si possono trovare diverse marche e varietà, a seconda dell’intensità e della durata di azione. Sono facili da usare e si possono indossare comodamente a casa.

I risultati, tuttavia, non sono immediati. Le strisce dovranno essere indossate per un certo tempo e non offrono cambiamenti evidenti come quelli ottenuti in uno studio dentistico.

Come usare correttamente le strisce sbiancanti per i denti

In commercio si possono trovare diverse marche e tipi di striscia. Potete scegliere un trattamento più veloce oppure per denti sensibili, con effetti sottili o più evidenti, a seconda delle esigenze e del tempo che volete dedicare al trattamento.

Indipendentemente dal prodotto che sceglierete, utilizzarlo in modo corretto è fondamentale per ottenere i risultati attesi ed evitare inconvenienti.

Sbiancamento dei denti.
Una tonalità brillante dei denti richiede in genere un intervento estetico, poiché tutte le dentature hanno un qualche tipo di pigmentazione.

1. Seguite i consigli di utilizzo riportati sulla confezione

Questo è naturalmente il primo passo per evitare problemi e ottenere i risultati attesi. Sebbene la maggior parte delle strisce sbiancanti si applichi allo stesso modo, alcune marche potrebbero avere indicazioni diverse. Pertanto, prima di applicarle, dedicate qualche minuto a leggere attentamente le istruzioni.

Nel leggere il foglietto illustrativo soffermatevi sui seguenti aspetti:

  • Come applicare le strisce: in generale, è meglio non lavare i denti poco prima di applicare le strisce, in modo che aderiscano meglio. Rimuovete il rivestimento e applicate il lato con il gel sui denti, premete e piegate la parte eccedente verso l’interno.
  • Tempo per l’applicazione: sulla confezione troverete indicati il tempo di posa della striscia. Va dai 5 ai 45 minuti, a seconda del principio attivo e della concentrazione.
  • Numero di applicazioni giornaliere: varia in base alla marca. Alcune strisce vanno applicate una volta al giorno, in altri casi occorre ripetere dopo qualche ora.
  • Durata totale del trattamento: anche questo aspetto dipende dal tipo di striscia, può andare da una settimana a un mese.

2. Igiene dentale

Seguire una corretta igiene dentale aiuta a mantenere un sorriso sano e denti puliti. Molte macchie e pigmentazioni possono essere evitate lavandosi i denti correttamente e spesso.

Quando si esegue questo tipo di sbiancamento a casa, l’ideale è lavarsi i denti e poi attendere almeno mezz’ora prima di applicare le strisce. In questo modo le superfici dei denti non avranno tracce di cibo e batteri, ma sarà trascorso abbastanza tempo affinché il prodotto vi aderisca.

Una volta rimosse le strisce, spazzolate delicatamente i denti per rimuovere ogni residuo di gel.

3. Preparate il prodotto

Questo consiglio potrebbe sembrare inutile. In realtà l‘ideale è preparare tutto prima di posizionare le strisce, altrimenti occorrerà rimuoverle e ripetere l’operazione.

Bisogna prestare attenzione alla forma della striscia e quale area deve ricoprire. Alcune marche prevedono sagome per la mascella superiore e inferiore.

Le strisce sbiancanti prevedono una zona con il gel sbiancante, che deve entrare in contatto con le superfici dei denti. Inoltre, hanno un’area morbida che aiuta a maneggiare il prodotto e a posizionarlo.

Occorre quindi prendersi qualche istante per valutare come applicare le strisce, possibilmente davanti a uno specchio.

4. Applicate le strisce correttamente

Una volta che le strisce sono state preparate e siete sicuri di come posizionarle, è il momento di applicarle. Alcuni produttori consigliano di asciugare i denti con un tovagliolo di carta prima di procedere.

Occorre rimuovere l’involucro e sistemare la parte con il gel a contatto con le superfici dentali. La striscia deve coprire completamente i denti, anche se sono presenti zone irregolari. È importante fare attenzione che il prodotto non venga a contatto con le gengive o le copra, poiché potrebbe irritarle.

5. Rispettate il tempo indicato

Come abbiamo già detto, sulla confezione viene riportato il tempo di applicazione. È importante rispettare la durata e non rimuoverle prima o dopo.

Alcune persone credono che, lasciando in posa le strisce più a lungo, i risultati saranno migliori. Ebbene, non è così. Il contatto prolungato con l’agente sbiancante potrebbe danneggiare la struttura dello smalto e provocare effetti secondari, come sensibilità o irritazione.

È necessario conoscere in anticipo e rispettare il tempo indicato dal produttore, poiché varia a seconda delle marche. Il periodo di utilizzo può andare da 5 a 45 minuti.

Le strisce non devono essere toccate, in modo che restino aderenti. È utile sdraiarsi sulla schiena, con la bocca socchiusa, per evitare di produrre saliva in eccesso e interferire con il processo di sbiancamento.

Trascorso il tempo stabilito, rimuovete le strisce e gettatele. Infine sciacquate la bocca con acqua e lavate i denti delicatamente per rimuovere ogni residuo di gel. Evitate di mangiare subito. Si consiglia di attendere almeno 1 ora.

Il processo deve essere ripetuto il numero di volte indicato dal produttore per ottenere buoni risultati. La sbiancatura avviene progressivamente.

6. L’importanza di un’adeguata salute orale

Prima di iniziare qualsiasi trattamento per schiarire i denti, sia per uso domestico che professionale, assicuratevi che la salute della bocca sia ottimale.

È fondamentale sottoporsi ad una visita odontoiatrica che escluda carie, fratture, lesioni o irritazioni gengivali. In questi casi, l’applicazione del gel sbiancante potrebbe peggiorare la situazione.

Inoltre, non possono essere utilizzate in caso di apparecchi ortodontici, protesi, faccette, corone o otturazioni. Le sostanze schiarenti, infatti, non agiscono allo stesso modo sui tessuti dentali e sulle otturazioni. Questo può generare denti con sfumature diverse o danneggiare il lavoro del dentista.

È sempre una buona idea informare il dentista dell’intenzione di usare le strisce sbiancanti per ricevere un consiglio sul tipo più indicato.

Precauzioni nell’uso delle strisce sbiancanti per i denti

  • Non ingerire il gel delle strisce: può irritare la mucosa digestiva. Sarebbe bene, per quanto possibile, sputare tutta la saliva prodotta durante l’applicazione. Tuttavia, non è necessario preoccuparsi se una piccola quantità viene ingerita accidentalmente.
  • Sospendere l’uso in caso di sensibilità: l’azione degli agenti sbiancanti sullo smalto può causare sensibilità a denti e gengive. In questo è probabile che il gel sia entrato in contatto con il tessuto gengivale, o sia stato lasciato sui denti per troppo tempo o in presenza di una lesione. In tal caso, sospendete il trattamento e, se i sintomi persistono, consultate il dentista.
  • Attenzione alle controindicazioni: in alcuni momenti nella vita lo sbiancamento dei denti non è indicato, durante l’infanzia o la gravidanza, ad esempio.
  • Non utilizzare le strisce più a lungo di quanto indicato: come abbiamo già detto, più a lungo non è meglio. Al contrario, potreste danneggiare la struttura dei denti. Quando si ricorre ad un metodo fai da te, è essenziale essere responsabili. Inoltre, una volta terminato il trattamento, non va ripetuto prima che sia trascorso un tempo ragionevole, in quanto eseguire lo sbiancamento molto spesso danneggia i tessuti della cavità orale.
Strisce sbiancanti per i denti.
L’uso responsabile delle strisce sbiancanti implica il rispetto dei tempi e delle modalità di applicazione.

Abitudini che favoriscono un sorriso più bianco

Le strisce sbiancanti per i denti permettono di ottenere un sorriso più luminoso comodamente a casa vostra. I risultati possono essere migliorati tenendo conto di alcune semplici abitudini.

  • Lavare denti correttamente e in modo regolare previene l’accumulo di placca batterica e il deposito di pigmenti sulle superfici dei denti. Usate uno spazzolino a setole morbide che raggiunga tutte le facce degli elementi dentali, così come il tessuto gengivale circostante. Evitate movimenti improvvisi che possano danneggiare i tessuti.
  • È importante utilizzare un dentifricio al fluoro per rafforzare lo smalto e ridurre il rischio di sensibilità. Inoltre, l’effetto sbiancante può essere integrato utilizzando un dentifricio sbiancante una o due volte alla settimana.
  • Usare il filo interdentale tutti i giorni è altrettanto essenziale per rimuovere la placca tra i denti, dove lo spazzolino non può accedere. Terminare con un collutorio aiuta a mantenere la bocca sana.
  • D’altra parte, per ridurre le macchie sui denti durante e dopo il trattamento, è importante prestare attenzione al cibo che si consuma. Evitare cibi e bevande che macchiano le superfici dei denti contribuirà notevolmente ad avere un sorriso più luminoso. Pertanto, consumare meno vino, caffè, tè, mate, succhi di frutta, estratto di pomodoro o tabacco è una buona abitudine.
  • Un controllo regolare del dentista aiuta a mantenere la bocca sana. A volte l’igienista può persino regalare un sorriso smagliante senza bisogno di sbiancamento.

Il dentista sarà in grado di rilevare e trattare in tempo eventuali problemi, prevenendo il loro peggioramento. Inoltre, è la persona più adatta a consigliarvi sulle alternative per lo sbiancamento dei denti e l’opzione più appropriata al vostro caso.

Sbiancamento responsabile

Attualmente si dà molta importanza all’estetica della bocca. Un sorriso bianco e brillante dona sicurezza e fiducia in se stessi.

Sono diverse le alternative possibili per schiarire la tonalità dei denti, ma nella scelta è fondamentale essere consapevoli e responsabili.

Consultate il dentista sulle migliori opzioni e per capire se la vostra bocca sia sana e pronta a ricevere il trattamento.

Potrebbe interessarti ...
Lo sbiancamento dei denti quanto dura?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Lo sbiancamento dei denti quanto dura?

Esistono diversi tipi di sbiancamento dei denti disponibili, ma in molti casi si consiglia di rivolgersi ad un professionista.



  • Zapata Arciniega, Jennifer Sofía. Estudio in vitro comparativo para evaluar la eficacia entre productos de blanqueamiento dental de libre venta con agente blanqueador profesional. BS thesis. Quito: UCE, 2019.
  • Jaramillo Moncada, Joel David. Blanqueamiento dental con peróxido de carbamida. BS thesis. Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología, 2019.
  • Cendra, Arnau Alzina, and Gonzalo LLambés Arenas. “Blanqueamiento dental a bajas concentra-ciones con cubetas preformadas. A propósi-to de dos casos clínicos.”
  • Cessa, Eric Solís. “Dental clearance: review of the literature and case report.” Revista de la Asociación Dental Mexicana 75.1 (2018): 9-25.
  • Moradas Estrada, Marcos. “¿ Qué material y técnica seleccionamos a la hora de realizar un blanqueamiento dental y por qué?: protocolo para evitar hipersensibilidad dental posterior.” Avances en odontoestomatología 33.3 (2017): 103-112.
  • Cuadras, O. E. “Tipos de blanqueamientos dentales en dientes vitales y efectos secundarios.” Ciencia Cierta (2017): 1-4.
  • Lantigua Palin, Carlos, and Alejandra Marie Rodríguez. Estudio sobre los daños físicos ocasionados en el esmalte frente a agentes químicos utilizados en las diferentes técnicas de blanqueamiento: revisión literaria. Diss. Santo Domingo: Universidad Iberoamericana (UNIBE), 2020.
  • Espinoza Llaña, Macarena, and Natalia González Lillo. Evaluación de sensibilidad post blanqueamiento dental con peróxido de hidrógeno al 15% v/s peróxido de hidrógeno al 6% que contiene nano partículas semiconductoras de tio-N fotoactivado por led. Diss. Universidad Andrés Bello, 2017.
  • Vallejo Aguayo, Oscar Mauricio. Efecto del blanqueamiento dental en el tejido pulpar. BS thesis. Universidad de Guayaquil. Facultad Piloto de Odontología, 2021.
  • Alva, Mariana Alejandra Cervantes, Ariana Arleth Cantú Santos, and Andrea Cantú Moreira. “Sensibilidad dentaria: causas y tratamiento.” Revista Mexicana de Estomatología 5.1 (2018): 65-67.