Tipi di formaggio: scoprite i più sani

I formaggi sono un'eccellente fonte di calcio e proteine; alcuni sono più salati e grassi rispetto ad altri. Di seguito elenchiamo una lista di sette tipi di formaggi sani e squisiti per il vostro palato.
Tipi di formaggio: scoprite i più sani

Ultimo aggiornamento: 15 giugno, 2020

Sono deliziosi, versatili e sono presenti in molti dei nostri piatti. Si tratta di un’eccellente fonte di calcio e proteine, anche se in alcuni casi contengono elevate quantità di sale e grassi.  In questo articolo vogliamo raccontarvi quali sono i tipi di formaggio più sani che ci siano. Che non manchino mai nel vostro frigorifero!

Mangiare formaggio con moderazione

Nessuno può negare che i formaggi siano buonissimi, tolgono la fame e costituiscono delle aggiunte davvero speciali ai nostri piatti. Cosa sarebbe un piatto di pasta senza formaggio grattugiato? O le torte salate senza formaggio gratinato?

Inoltre, questo derivato del latte costituisce una buona fonte di calcio, oltre che di proteine ed amminoacidi (tra di essi il triptofano), per questo è consigliato a qualsiasi età.

Tuttavia, dato che non tutto è perfetto in questa vita, bisogna sottolineare che questo alimento apporta anche notevoli quantità di calorie e sodio. Per questa ragione, bisogna consumarla con moderazione.

Nelle giuste quantità, i formaggi sono benefici per la salute, come afferma questo studio realizzato dall’Instituto Nacional de Ciencias Médicas y Nutrición Salvador Zubirán (Messico). I più sani ovviamente sono quelli più naturali e meno lavorati. Nella maggior parte dei casi, la quantità di sale più o meno elevata dipende dal fabbricante più che dal tipo di formaggio.

Se, ad esempio, state seguendo una dieta per perdere peso, dovete ricordare che i formaggi freschi contengono meno grassi e meno sale rispetto a quelli stagionati. Anche nei negozi possiamo incontrarne varianti prive di sodio o povere di calorie.

Quali sono i formaggi più sani?

Molte volte, quando facciamo la dieta, li trasformiamo nei nemici numero 1 a causa delle loro calorie e del loro contenuto di sodio. Tuttavia, esistono alcuni tipi di formaggio più sani di altri. Vale la pena sapere quali siano per aggiungerli (sempre con moderazione) alla nostra alimentazione quotidiana. Vi consigliamo i seguenti:

1. Ricotta

tipi di formaggio Ricotta

La ricotta contiene molte proteine, vitamine A e B e zinco. E’ povera di sodio e possiamo procurarcene anche una variante povera di grassi. La ricotta si ottiene dalla seconda lavorazione del siero di latte.

È di colore bianco, consistenza granulosa e morbida e ha un sapore delicato. Si può usare sia per piatti salati che per dolci. In Sicilia è il ripieno per dolci più popolare.

2. Pecorino romano

Questo è un altro dei formaggi più sani e viene prodotto con latte di pecora. È duro, salato e originario del Lazio. Si usa frequentemente sulla pasta e per gratinare. Le varianti toscane e sarde sono meno salate.

3. Tipi di formaggio: Cottage Cheese

Cottage

Viene elaborato dalla cagliata del latte vaccino e può contenere più o meno grassi a seconda della produzione. È disponibile in diverse presentazioni: cremoso, frullato, senza sodio o senza lattosio.

Possiede molte proteine e altri principi nutritivi come, ad esempio, calcio, selenio e fosforo. Pertanto, una tazza di formaggio cottage equivale a 28 grammi di proteine. È una buona opzione se si sta cercando di perdere peso.

4. Tipi di formaggio: Parmigiano

Un altro tipo di formaggio sano, un prodotto tipico italiano. La sua consistenza è dura e granulata e viene realizzato a partire dal latte di mucche di razza frisona o reggiana. Il tempo di stagionatura non deve essere inferiore a un anno. I più buoni sono quelli con una stagionatura di tre anni.

Anche se molti lo usano solo sulla pasta, il parmigiano può essere anche un ottimo antipasto e persino un delizioso dolce se lo tagliamo a cubetti e lo serviamo accompagnato da frutta o miele. È ideale per donne in stato di gravidanza, anziani, bambini e sportivi.

5. Cheddar invecchiato

tipi di formaggio Cheddar

Essere intolleranti al lattosio può costituire un problema e un fastidio non indifferente, in quanto molti piatti oggi vengono elaborati con latticini (inclusi formaggi di tutti i tipi).

Inoltre, la buona notizia è che il cheddar invecchiato è uno dei tipi di formaggio più sani e povero di lattosio. Potete consultare un professionista per sapere se potete consumarlo oppure potete provarlo voi stessi.

6. Tipi di formaggio: Feta

Viene prodotto maggiormente con latte di capra o di pecora. Il sapore di questo formaggio salato è assolutamente unico. Ha una consistenza friabile e cremosa.

Se volete provare il feta originale, dovete procurarvi prodotti realizzati in Grecia. Ci sono anche versioni turche, bulgare, rumene e danesi di buona qualità. Possiamo usarlo nelle insalate combinato con olio d’oliva, pomodori e cetrioli. È perfetto per l’estate.

7. Panela

Panela

Questo prodotto fresco, bianco e delicato fatto con latte vaccino pastorizzato, è tra i formaggi più sani che ci siano. Viene servito solitamente come aperitivo tagliato a piccoli pezzetti e possiede la particolarità di assorbire altri sapori, come ad esempio quello dell’aglio.

La Panela inoltre ha molte proteine, un’ottima aggiunta per la dieta. Tuttavia, conviene sceglierne una versione più sana con poco sodio e povera di grassi.

Potrebbe interessarti ...
Gli alimenti non-latticini più ricchi di calcio
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Gli alimenti non-latticini più ricchi di calcio

Ci sono alimenti non-latticini che apportano grandi quantità di questo minerale. Dovremmo quindi includerli nella nostra dieta.



  • Ahola, A.J., Yli-Knuuttila, H., Suomalainen, T., Poussa, T, Ahlstrom, A., Meurman, J.H., & Korpela, R. (2002, November). Short-term consumption of probiotic-containing cheese and its effect on dental caries risk factors. Archives of Oral Biology, 47(11), 799-804
    ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12446187
  • Groves, D. (2013, October 18). EU shows the way on per capita cheese consumption. Cheese Reporter
    npaper-wehaa.com/cheese-reporter/2013/10/s2/#?article=2050691
  • Lin, H., Boylston, T.D., Chang, M.J., Luedecke, L.O., Shultz, T.D. (1995, November). Survey of the conjugated linoleic acid contents of dairy products. Journal of Dairy Science, 78(11), 2358-2365
    ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8747326
  • National Dairy Council. (2011). Cheese & healthy eating
    nationaldairycouncil.org/SiteCollectionDocuments/education_materials/cheese/General%20Audience%20CheeseHealthy%20Eating%20Brochure%20Final.pdf
  • National Nutrient Database for Standard Reference Release 27. (n.d.). United States Department of Agriculture, Agricultural Research Service.
  • Ravishankar, T.L., Yadav, V., Tangade, P.S., Tirth, A., & Chaitra, T.R. (2012, June). Effect of consuming different dairy products on calcium, phosphorus, and pH levels of human dental plaque: a comparative study. European Archives of Paediatric Dentistry, 13(3), 144-148
    ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22652212