Transaminasi alte: significato, cause e trattamento

La prima condizione da sospettare è un'infiammazione del fegato, ma sono numerosi i fattori che possono innalzare questi due valori, a volte, un semplice processo influenzale.
Transaminasi alte: significato, cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 25 febbraio, 2022

Le transaminasi sono enzimi prodotti in diverse parti del corpo, ma in particolare nel fegato. Quando le transaminasi sono alte significa che è in corso un processo infiammatorio nel fegato. L’infiammazione comporta la distruzione delle cellule epatiche responsabili del rilascio di questi enzimi nel sangue; si tratta di un valore di solito rilevato attraverso analisi di laboratorio di routine.

Il processo infiammatorio epatico può avere diverse cause: malattia infettiva, autoimmune o ischemica, effetti collaterali di alcuni farmaci o deposito eccessivo di grasso nei tessuti del fegato.

Transaminasi alte: cosa significa?

La funzione principale delle transaminasi è di stimolare la produzione di alcuni amminoacidi. Da un punto di vista medico, un’alterazione del loro valore è da considerare rilevante.

Come abbiamo detto, la prima condizione da sospettare è un’infiammazione del fegato. Tuttavia, come dimostrano alcuni studi, a volte le transaminasi alte sono causate da insufficienza cardiaca o da una malattia reumatica. In ogni caso è una situazione da non sottovalutare.

Le transaminasi sono conosciute con gli acronimi AST (GOT o TGO) e ALT (GPT o TGP). Nella maggior parte dei casi, il paziente con transaminasi alte non presenta alcun sintomo e il problema non viene rilevato fino a quando non si sottopone ad analisi del sangue.

Allo stesso modo, alcune malattie del fegato non causano un aumento di questi enzimi.

Potrebbe interessarvi anche: Malattie del fegato, ecco le principali

Cosa avviene nel fegato?

Le transaminasi alte possono indicare un problema al fegato.

Si parla di transaminasi alte quando i valori di ALT (Alanina Transaminasi) e AST (Aspartato Transaminasi) sono elevati. Sebbene non siano gli unici gruppi, questi due enzimi sono il principale indicatore di danno epatico.

Come sappiamo, il fegato è il laboratorio del corpo. Lì, gli aminoacidi vengono sintetizzati e scomposti. Ciò consente di immagazzinare energia. In presenza di un danno al fegato, la membrana delle cellule (gli epatociti) diventa più permeabile.

In queste condizioni, gli epatociti consentono alle transaminasi di fuoriuscire nel siero, che è la parte non cellulare del sangue. Pertanto, un alto valore di questi enzimi epatici è un segnale chiaro di un’alterazione nel fegato.

Cause di transaminasi alte

Molti fattori possono innalzare questi due valori, a volte, un semplice processo influenzale. Il quadro clinico deve essere valutato in dettaglio dal medico.

Le principali cause di transaminasi elevate sono:

  • Epatite B o C: queste forme di epatite sono causate da un virus e spesso diventano croniche.
  • Steatosi epatica: è ciò che è comunemente noto come fegato grasso. È caratterizzata da un elevato accumulo di trigliceridi nel fegato.
  • Mononucleosi infettiva: è una malattia causata dal virus di Epstein-Barr (EBV), della famiglia degli herpes-viridae.
  • Emocromatosi: è l’eccessivo deposito di ferro nel corpo.
  • Epatite cronica indotta da farmaci.
  • Alcolismo.
  • Altri fattori: principalmente citomegalovirus, morbo di Wilson, calcoli biliari, infarto del miocardio, anemia emolitica, malattie del pancreas e malattie sistemiche.

Potrebbe interessarvi anche: Esami del sangue: ogni quanto farli?

Le transaminasi elevate possono essere causate dall'alcolismo.

Trattamento

Come abbiamo visto, le transaminasi alte sono correlate a una malattia scatenante o un fattore esterno associato allo stile di vita. Nel primo caso, l’adeguato trattamento della malattia porterà a una progressiva diminuzione del valore. D’altra parte, se l’aumento è dovuto allo stile di vita, è necessario apportare delle correzioni.

Il medico probabilmente consiglierà di seguire queste linee guida:

  • Dieta equilibrata: sono soprattutto da evitare gli alimenti trasformati o grassi. In caso di obesità, occorre intervenire in modo deciso.
  • Evitare l’eccesso di zucchero e sale negli alimenti.
  • Mantenere una buona idratazione per aiutare il fegato a eliminare i grassi.
  • Evitare il consumo di bevande alcoliche.
  • Aumentare il consumo di frutta e verdura.
  • Cuocere i cibi al vapore, in acqua, alla griglia o al forno.
  • Fare esercizio fisico regolare e moderato.

Se l’infiammazione del fegato è causata da un farmaco, sarà necessario consultare il medico per vedere se sia possibile sostituirlo con un altro che non generi quell’effetto collaterale.

In ogni caso, sono sempre da seguire i consigli del medico.

Potrebbe interessarti ...
Proteggere la salute del fegato: 5 consigli
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Proteggere la salute del fegato: 5 consigli

Il modo migliore per proteggere la salute del fegato è seguire una dieta equilibrata e uno stile di vita sano. Ecco le regole principali.



  • Ambrosy, A. P., Gheorghiade, M., Bubenek, S., Vinereanu, D., Vaduganathan, M., Macarie, C., & Chioncel, O. (2013). The predictive value of transaminases at admission in patients hospitalized for heart failure: findings from the RO-AHFS registry. European Heart Journal: Acute Cardiovascular Care, 2(2), 99–108. Available at: https://doi.org/10.1177/2048872612474906. Accessed 01/05/2020.
  • De Luis, D. A., Aller, R., Izaola, O., González Sagrado, M., & Conde, R. (2010). Efecto de dos dietas hipocalóricas en los niveles de transaminasas y resistencia a la insulina en pacientes obesos con hígado graso no alcohólico. Nutrición Hospitalaria25(5), 730-735. Available at: http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0212-16112010000500008. Accessed 01/05/2020.
  • i Mingall, S. A. (2000). Un paciente con hipertransaminasemia prolongada. Medicina integral: Medicina preventiva y asistencial en atención primaria de la salud36(4), 129-136. Available at: https://www.elsevier.es/es-revista-medicina-integral-63-articulo-un-paciente-con-hipertransaminasemia-prolongada-10022202. Accessed 01/05/2020.
  • Iwamoto, M., Yagi, K., Yazumi, K., Komine, A., Shirouchi, B., & Sato, M. (2013). Eating a healthy lunch improves serum alanine aminotransferase activity. Lipids in Health and Disease, 12(1). Available at: https://doi.org/10.1186/1476-511x-12-134. Accessed 01/05/2020.
  • Martín, M. G., & Molina, A. Z. (2010). Transaminasas: Valoración y significación clínica. Protocolos diagnóstico-terapéuticos de Gastroenterología, Hepatología y Nutrición Pediátrica SEGHNP-AEP, 267-275. Available at: https://www.aeped.es/sites/default/files/documentos/transaminasas.pdf. Accessed 01/05/2020.
  • MedlinePlus (2019). Examen de sangre de alanina transaminasa (ALT). Available at: https://medlineplus.gov/spanish/ency/article/003473.htm. Accessed 01/05/2020.
  • Rudat, J., Brucher, B. R., & Syldatk, C. (2012). Transaminases for the synthesis of enantiopure beta-amino acids. AMB Express, 2(1), 11. Available at: https://doi.org/10.1186/2191-0855-2-11. Accessed 01/05/2020.
  • Verslype, C. (2004). Evaluation of abnormal liver-enzyme results in asympto-matic patients. Acta Clinica Belgica, 59(5), 285–289. Available at: https://doi.org/10.1179/acb.2004.042. Accessed 01/05/2020.