Trattare i calcoli biliari: 5 cure naturali

10 Ottobre 2020
I calcoli biliari sono piccoli sassolini che si formano all'interno della colecisti a causa di un'elevata concentrazione di colesterolo o bilirubina. Scoprite come combatterli in modo naturale.

I calcoli biliari sono sassolini che si formano nella colecisti, un piccolo organo sotto il fegato, nella parte superiore destra dell’addome. Vediamo come trattare i calcoli biliari in modo naturale.

Il trattamento può variare a seconda della gravità e della causa sottostante. Per questo motivo, prima di cominciare una cura naturale, è importante sottoporsi a una visita specialistica e ricevere una diagnosi precisa. Quando il problema è lieve, i rimedi naturali possono essere efficaci. Vediamo, a seguire, alcune possibilità.

5 rimedi per trattare i calcoli biliari in modo naturale

I rimedi di origine naturale per combattere i calcoli nella colecisti hanno due scopi. In primo luogo, servono a calmare i sintomi come il dolore e la nausea. Aiutano, inoltre, a sciogliere i calcoli, facilitandone l’espulsione.

È bene ricordare che i calcoli biliari di solito sono dovuti a un eccessivo accumulo di colesterolo e bilirubina. In entrambi i casi, si formano depositi duri che possono ostruire i dotti biliari, impedendo il corretto deflusso della bile.

La terapia medica si basa in genere sull’assunzione di alcuni farmaci e su cambiamenti nella dieta. In alcuni casi è necessario intervenire chirurgicamente. Alcuni rimedi naturali, infine, possono agevolarne l’eliminazione.

Volete saperne di più? Leggete anche: Come riconoscere i calcoli alla cistifellea

1. Cardo mariano

Cardo mariano per trattare i calcoli biliari.
Possiamo sfruttare le virtù del cardo mariano nel trattamento dei calcoli biliari. Prima di cominciare la cura, tuttavia, è bene chiedere consiglio al medico.

Il cardo mariano (Silybum marianum) aiuta a trattare i calcoli biliari e altre affezioni epatiche. Questa speciale proprietà è attribuita al suo contenuto in flavonolignani, meglio noti come silimarina. L’effetto di queste sostanze è stato oggetto di numerose ricerche farmacologiche.

Come si consuma?

Gli estratti della pianta possono essere assunti sotto forma di tisana o integratori. Nel primo caso si possono bere fino a due tazze al giorno. Se optate per l’integratore, occorre seguire le indicazioni presenti sulla confezione.

Controindicazioni: il cardo mariano è sconsigliato in caso di pressione alta, diabete, gravidanza e allattamento. Un consumo eccessivo, inoltre, produce effetti lassativi. Per trattare i disturbi epatici al meglio, occorre consultare prima il medico.

2. Succo di mela

Al momento attuale non esistono studi scientifici decisivi sull’efficacia del succo di mela in caso di calcoli biliari. Ciononostante, alcuni dati aneddotici ne suggeriscono l’utilità.

Come si consuma?

Per combattere i calcoli biliari, si consiglia il consumo di un litro di succo di mela al giorno, per una settimana.

3. Curcuma per trattare i calcoli biliari

Radice e polvere di curcuma utile in caso di calcoli biliari.
La curcuma aiuta a mantenere un ottimale deflusso della bile. Rappresenta pertanto un utile integratore in caso di calcoli della colecisti.

La curcuma è un rimedio naturale centenario contro i calcoli biliari. Grazie alle sue proprietà coleretiche e colagoghe, stimola i movimenti della colecisti, favorendone lo svuotamento. Al tempo stesso, favorisce il corretto deflusso della bile, evitando che si accumuli nei dotti biliari.

Come si consuma?

È una spezia molto versatile: potete aggiungerla ai frullati, ai succhi di frutta o ai passati di verdura. Può anche essere consumata sotto forma di tisana o infuso (due tazze al giorno). Infine, è disponibile come integratore.

4. Succo di pera

Grazie al suo significativo contenuto di pectina (una fibra idrosolubile), il succo di pera aiuta a prevenire la formazione dei calcoli biliari. La pectina può essere utile anche se si desiderano abbassare i livelli di colesterolo, azione che aiuta a sciogliere i calcoli.

Come si consuma?

Per prima cosa, estraete mezzo bicchiere di succo di pera. Miscelatelo, quindi, con la stessa quantità di acqua calda. L’ideale è consumarne 2 o 3 bicchieri al giorno, per almeno due mesi.

5. Menta per trattare i calcoli biliari

Mazzi di menta.
La menta contiene sostanze bioattive che favoriscono il corretto funzionamento della colecisti. Migliora inoltre il deflusso della bile, prevenendo la formazione dei calcoli.

I composti bioattivi presenti nelle foglie della menta, come il terpene, possono aiutare a combattere i calcoli. Gli oli essenziali stimolano il flusso dei succhi biliari, evitandone l’accumulo.

Come si consuma?

L’infuso di menta può essere assunto 2 o 3 volte al giorno. In questo caso particolare, l’ideale sarebbe prolungare la cura per 2 o 3 mesi.

Potrebbe interessarvi anche: 5 benefici della menta piperita

Accusate i sintomi dei calcoli alla colecisti? Non esitate ad andare dal medico. Sebbene possa sembrare una condizione trascurabile, è importante ricevere una diagnosi e una terapia adeguata per evitare complicazioni.

  • Csupor, D., Csorba, A., & Hohmann, J. (2016). Recent advances in the analysis of flavonolignans of Silybum marianum. Journal of Pharmaceutical and Biomedical Analysis. https://doi.org/10.1016/j.jpba.2016.05.034
  • Dekkers, R. (1999). Apple juice and the chemical-contact softening of gallstones [14]. Lancet. https://doi.org/10.1016/S0140-6736(05)77083-5
  • Li, Y., Li, M., Wu, S., & Tian, Y. (2015). Combination of curcumin and piperine prevents formation of gallstones in C57BL6 mice fed on lithogenic diet: Whether NPC1L1/SREBP2 participates in this process? Lipids in Health and Disease. https://doi.org/10.1186/s12944-015-0106-2
  • Rasyid, A., Rahman, A. R. A., Jaalam, K., & Lelo, A. (2002). Effect of different curcumin dosages on human gall bladder. Asia Pacific Journal of Clinical Nutrition. https://doi.org/10.1046/j.1440-6047.2002.00296.x
  • Reiland, H., & Slavin, J. (2015). Systematic review of pears and health. Nutrition Today. https://doi.org/10.1097/NT.0000000000000112
  • Balakrishnan, A. (2015). Therapeutic uses of peppermint –A review. Journal of Pharmaceutical Sciences and Research.