Alleviare la stitichezza con 5 trucchi

· 27 Luglio 2014
Oltre ad idratarci, un bicchiere di acqua tiepida o calda a stomaco vuoto può aiutarci a risolvere questo problema.

La stitichezza è sintomo del rallentamento dei moti intestinali. Di solito, essa è dovuta al fatto che l’intestino contiene meno acqua del normale, ma in alcuni casi può essere dovuta all’assunzione di farmaci. In ogni caso, alleviare la stitichezza è fondamentale per chi ne soffre.

In questo articolo vi spieghiamo come alleviare la stitichezza piuttosto velocemente ricorrendo a prodotti naturali e ingredienti disponibili praticamente ovunque voi vi troviate.

Step per alleviare la stitichezza

1. Bere acqua

Bevete tra i due e i quattro bicchieri di acqua tiepida quando soffrite di stitichezza. Se il problema persiste da diversi giorni, bevete acqua calda ogni mattina appena svegli. In generale, dovreste berne almeno dieci, tutti i giorni.

L’acqua è uno dei migliori liquidi per eliminare i sostanze di scarto e le tossine del corpo. Altre bevande, come succhi e bibite rinfrescanti, non possono essere messe a paragone con l’acqua, indipendentemente da quanto siano sane o naturali poiché tendono a contenere un eccesso di zucchero che potrebbe incrementare la stitichezza.

2. Mangiare frutta e verdura

Frutta colorata di stagione

Mangiate frutta, verdura e altri alimenti ricchi di fibre per aumentarne la quantità ingerita ogni giorno. Considerate almeno tra i 24 e i 38 grammi di fibra al giorno. Questo perché la stitichezza è il risultato di un consumo eccessivo di grassi, zucchero raffinato e latticini, a discapito di fibre di cereali integrali, crusca, frutta e verdura.

Pensate se assumere o meno un integratore a base di fibre, anche se ritenere di riuscire ad assumere gran parte delle fibre dai pasti quotidiani. La fibra dietetica non può essere digerita dagli enzimi del corpo, quindi non viene assorbita dal flusso sanguigno. Pertanto, le fibre rimangono nel colon, dove assorbono acqua e ammorbidiscono le feci.

Alcuni alimenti ricchi di fibre sono: lamponi, pere e mele; pasta integrale, orzo (cotto) e crusca; ceci (cotti), fagioli neri (cotti) e lenticchie (cotte); carciofi (cotti), piselli (cotti) e broccoli.

3. Il caffè può aiutare

Molte persone considerano il caffè una soluzione veloce alla stitichezza. Ciò è dovuto al fatto che la caffeina contenuta nel caffè può stimolare i muscoli del sistema digerente causando un’evacuazione intestinale.

D’altro canto, il caffè è anche un diuretico, il che significa che riduce l’umidità nelle feci, rendendo più difficile il loro passaggio. I medici consigliano di evitare i diuretici come il caffè, l’alcol, le bibite a base di cola e il tè per questo motivo.

4. Mangiare prugne

Prugna per alleviare la stitichezza

Mangiate quattro prugne e/o bevete due bicchieri di succo di prugna. Le prugne sono particolarmente ricche di fibre e contengono sorbitolo, uno zucchero che aiuta ad alleviare la stitichezza in modo naturale.

Il sorbitolo è uno stimolante lieve del colon che aiuta a ridurre il tempo di passaggio delle feci e così a diminuire il rischio di soffrire di stitichezza.

Non perdetevi: Alimenti lassativi: quali sono i migliori?

Se non vi piace la consistenza grinzosa o il particolare sapore delle prugne, il succo di prugne può essere un’alternativa più accettabile. Inizia a fare effetto in poche ore, motivo per cui è importante berne prima un bicchiere e vedere i risultati ottenuti prima di provare a prenderne un altro, dato che in tal modo correreste il rischio di soffrire di diarrea.

Tenete a mente che le prugne secche hanno 14,7 g di sorbitolo ogni 100 g, mentre il succo di prugne ne ha 6,1 g per 100 g. Dovrete bere più succo di prugna per ottenere gli stessi benefici per la salute rispetto alle prugne secche, trattate e con zuccheri aggiunti.

5. Fare esercizio

Se possibile, evitate di sedervi per più di 10 minuti e mantenete il corpo in movimento. L’esercizio fisico moderato è la scelta ottimale, ma anche una passeggiata di 30 minuti può aiutare a favorire i movimenti intestinali sani.

Potrebbe interessarvi: Camminare modifica il cervello, se si è depressi

  • Garza, J. M., & Kaul, A. (2014). Constipation. In Pediatric Gastroenterology: A Color Handbook. https://doi.org/10.1201/b16722
  • Brenner, D. M., & Shah, M. (2016). Chronic Constipation. Gastroenterology Clinics of North America. https://doi.org/10.1016/j.gtc.2016.02.013
  • Zeitoun, J. D., & de Parades, V. (2013). Chronic constipation in adults. Presse Medicale. https://doi.org/10.1016/j.lpm.2012.09.034