7 alternative naturali all’ibuprofene

21 maggio 2014
Se siete sotto trattamento medico, consultate uno specialista prima di abbndonarlo o di sostituirlo. Ricordate che, anche se si tratta di rimedi naturali, non conviene eccedere nel consumo.

L’ibuprofene, come qualsiasi altra medicina, presenta diversi effetti collaterali. Il problema di questi farmaci risiede nella facilità con cui possiamo ottenerli ed auto-medicarci, perché la maggior parte delle volte non rispettiamo i tempi e le dosi corrette del trattamento. Gli effetti principali dell’ibuprofene sono quello analgesico, antinfiammatorio e antipiretico, e per questo motivo è molto utilizzato.

Non per nulla soltanto un medico può prescrivere quale tipo di medicina è più adatta alla vostra condizione e darvi delle indicazioni su come assumerla nel modo adeguato. Per evitare problemi sarebbe bene rivolgersi al medico per qualsiasi malessere, ma nel caso di situazioni meno gravi potete optare per dei rimedi naturali che possono riuscire a calmare i dolori in modo più tradizionale.

I problemi principali causati da un abuso nella dose giornaliera di ibuprofene sono: diarrea, dolore addominale, ulcera e mal di testa, per arrivare fino a problemi di cuore e infarti.

Quali possono essere le alternative naturali?

Esistono diverse piante o rimedi naturali ai quali potete riccorrere se la vostra condizione di salute non è troppo grave. Naturalmente, nel caso in cui questi non diano risultati e il vostro stato di salute non migliori, rivolgetevi ad un medico il prima possibile.

Antinfiammatori naturali

Curcuma

Curcuma

Possiede proprietà antinfiammatorie e mantiene in salute le articolazioni. Si può trovare sia in polvere che in capsule.

Controindicazioni

Non è adatta ai bambini al di sotto dei 3 anni di età, se state prendendo delle medicine anticoagulanti, se dovete sottomettervi ad un’operazione chirurgica o se soffrite di calcoli biliari. Non è raccomandata nemmeno durante la gravidanza.

Arnica

Ha proprietà antinfiammatorie ed analgesiche. Di solito viene utilizzata per gli urti, i dolori muscolari, gli stiramenti e l’artrite reumatoide. Si può utilizzare mettendo in infusione un cucchiaino di foglie secche di arnica in una tazza di acqua; va poi applicata imbevendo un panno pulito nell’infuso.

È adatta soltanto per uso esterno. Non ingerite.

Pepe di Cayenna

cayenna

Ha proprietà analgesiche ed antinfiammatorie. Traetene beneficio utilizzandolo per condire i vostri piatti preferiti, a cui darà un sapore forte e un po’ piccante. Per prenderlo come infuso, avrete bisogno di un quarto di cucchiaino di pepe di Cayenna e un bicchiere di acqua calda. Bevetelo nell’arco della giornata, in piccoli sorsi.

Potete anche trovarlo sotto forma di unguenti, creme ed oli nei negozi di prodotti naturali. Fate attenzione a non inalarlo e a non farlo entrare in contatto con le mucose. Lavate bene le mani dopo averlo toccato oppure utilizzate dei guanti.

Salice bianco

Grazie ai suoi effetti analgesici è utilizzato per combattere i dolori mestruali, muscolari, mal di testa e casi di artrite, oltre che per abbassare la febbre.

Le persone allergiche  all’aspirina devono evitare di utilizzarlo.

Liquirizia

liquirizia

Potete trovarla in vendita sotto forma di radice, tavolette, compresse, creme, ecc. nelle farmacie o nelle erboristerie. Non deve essere impiegata da persone affette da diabete di tipo 2, ipertensione arteriosa, carenza di potassio nel sangue, epatite o durante la gravidanza.

Evitate di farla interagire con altre medicine o segnalate al vostro medico che avete intenzione di consumarla.

Zenzero

Ha proprietà analgesiche ed antinfiammatorie. Può essere impiegato esternamente per i casi di artrite, sindrome del tunnel carpale, urti, storte, ecc.

Alimenti con proprietà antinfiammatorie:

  • Pesce (trota, salmone, sardine).
  • Oli vegetali (d’oliva, di lino).
  • Noci e foglie verdi, semi di lino, mandorle, nocciole.

Se soffrite di qualche infiammazione, includete questi alimenti nella vostra dieta.

Ora che conoscete gli effetti collaterali che medicine come l’ibuprofene portano con loro, provate queste soluzioni naturali. Non dimenticate di consultare un medico naturista per conoscere le dosi e i tempi dei trattamenti.

Anche se si tratta di metodi naturali, non è bene abusarne né impiegarli senza motivo. Richiedete un consiglio esperto e se li utilizzerete nel modo adeguato, non dovreste avere nessun problema.

Ricordate

Se vi state sottoponendo ad un trattamento medico, non è una buona opzione abbandonarlo di colpo per affidarvi a questi rimedi naturali. Questi metodi sono consigliati soltanto per chi vuole evitare di consumare medicine in caso di dolori leggeri e che non siano indizio di nessuna malattia grave.

Guarda anche