7 motivi per cui è importante coltivare le amicizie

Più intelligenti, più forti, più resistenti alle malattie: sono tanti i motivi per cui è importante coltivare le amicizie.
7 motivi per cui è importante coltivare le amicizie

Ultimo aggiornamento: 01 gennaio, 2022

Non c’è dubbio che le amicizie rendano la vita migliore. Ti aiutano a sorridere, a risollevare il morale quando ti senti triste e, senza dubbio, renderanno sempre più interessante una serata in città o un pomeriggio in spiaggia.

Le amicizie fanno bene a cose che probabilmente ignori. In effetti, migliorano notevolmente la resistenza psicologica e fisica e rendono la mente più acuta e pronta per il successo. Ma… quali altri vantaggi offrono?

7 motivi per cui le amicizie sono importanti

1. Gli amici proteggono la salute

Con questo non intendiamo dire che non c’è bisogno di fare esercizio, mangiare sano e adottare buone abitudini per stare bene; oltre a tutto questo, dovresti aggiungere alla lista l’abitudine a socializzare.

Circondarti di buoni amici è un modo importante per restare in buona salute per tutta la vita.

amici che bevono una birra

Forse questo non deve sorprendere troppo; dopotutto, gli esseri umani sono sempre stati obbligati al lavoro di squadra per sopravvivere e prosperare.

È qualcosa che facciamo da milioni di anni, ma ricordarcelo non fa male.

D’altra parte, le persone di tutte le età che non hanno forti legami con gli altri tendono ad avere la pressione alta, aumento del rischio di obesità addominale e livelli di rischio più elevati quando si tratta di malattie cardiache, cancro e artrite.

2. Le amicizie aiutano a vivere più a lungo

Indipendentemente dall’età, se sei circondato da buoni amici e familiari, le tue possibilità di morire per qualsiasi motivo si riducono del 50%.

Analizzato da un altro punto di vista, la solitudine può essere un killer silenzioso che porta a cattive abitudini come fumare, mangiare troppo o non fare esercizio.

Quando sei legato a un gruppo o sei responsabile di altre persone, è più probabile che ti prenda cura di te stesso ed eviti rischi inutili.

3. Quando ti ammali, i legami sociali riducono il rischio di aggravamento

Così come le amicizie sono decisive quando si tratta di prevenire le malattie, aumentano anche le possibilità di sopravvivere a una malattia pericolosa per la vita.

In effetti, in base a uno studio condotto su donne con diagnosi di cancro al seno in stadio iniziale, le partecipanti senza legami sociali stretti hanno mostrato il 34% di probabilità in più di morire.

Lo stesso vale quando si tratta di altre malattie potenzialmente letali come infarto, malattie renali e altre.

4. Socializzare migliora la qualità del sonno

Più sei vicino alle altre persone, migliori sono le tue ore di riposo.

Chi si sente socialmente isolato o escluso spesso ha problemi a dormire, è più irrequieto a letto e dorme intervalli di sonno poco profondi.

Infatti, le persone in una posizione più alta nella scala della solitudine sperimentano un aumento fino all’8% dell’agitazione durante le ore di sonno.

Questo accade perché il nostro istinto ci fa riposare meglio quando ci sentiamo al sicuro, anche grazie al rapporto che abbiamo con gli altri.

5. Le amicizie affinano le abilità intellettuali

Trascorrere del tempo con gli amici, anche solo per 10 minuti, migliora le funzioni cerebrali e la capacità di risolvere i problemi.

Persona sola davanti al mare.

Inoltre, quando si smette di passare il tempo con gli amici, aumenta il danno cerebrale. Può persino accelerare il declino cognitivo che deriva dall’invecchiamento.

Le persone anziane che non hanno supporto sociale tendono ad avere maggiori probabilità di sviluppare demenza rispetto a coloro che sono socialmente attive, a causa della sensazione di isolamento.

6. Gli amici migliorano la resistenza emotiva

Condividere le cose buone e cattive che ti accadono con gli amici ti aiuta ad aumentare il benessere psicologico, permettendoti di navigare meglio tra gli alti e bassi della vita.

Questo migliora l’ottimismo, riduce lo stress e le possibilità di sviluppare disturbi mentali.

La comunicazione con gli amici ci dà un senso di appartenenza e indubbiamente aumenta i livelli di sicurezza e autostima.

Ti consigliamo di leggere anche: Problema di autostima e come riconoscerlo

Ciò, a sua volta, aumenta la forza psicologica e smorza le risposte che il corpo fornisce di fronte alle emozioni negative.

Restare in contatto con gli altri può ridurre gli effetti neurochimici negativi e il rilascio di ormoni legati allo stress cronico e all’ansia.

7. Una forte cerchia sociale ti aiuta a raggiungere gli obiettivi

Si va da perdere qualche chilo di troppo a ottenere la promozione lavorativa che desideriamo.

Circondarti di amici solidali che hanno obiettivi simili ai tuoi può rendere più facile il percorso verso i tuoi obiettivi. Ma non è solo per il fatto che ti incoraggiano. Gli esseri umani spesso imitano chi li circonda e sono influenzati dalle abitudini e dalle preferenze di un gruppo sociale.

Per questo motivo, è importante circondarsi di persone che abbiano la stessa determinazione a raggiungere alcuni obiettivi. Così ci si può sostenere e imitare a vicenda sulla strada del successo.

Dai valore alle amicizie che contano davvero

Non è facile trovare veri amici. Pertanto, se ne hai, tienili stretti.

This might interest you...
I benefici dell’amicizia sulla salute emotiva
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
I benefici dell’amicizia sulla salute emotiva

L'istinto di sopravvivenza ci spinge a farci degli amici. Vediamo insieme tutti i benefici dell'amicizia sulla salute emotiva.



  • Alekseeva Kaminskaya, Iryna. (2020). Calidad del sueño en las personas mayores en un centro sociosanitario, factores relacionados con insomnio. Universidad de Zaragoza. https://zaguan.unizar.es/record/98499?ln=es
  • Azcárate-García, E., Valle-Matildes, U., Villaseñor-Hidalgo, R., y Gómez-Pérez, AI (2017). Apoyo social a mujeres con cáncer de mama en una unidad de medicina familiar de la Ciudad de México. Atención Familiar, 24 (4), 169-172. https://doi.org/10.1016/j.af.2017.08.002
  • Bastos, A. A.; González Boto, R.; Molinero González, O.; Salguero del Valle, A. OBESIDAD, NUTRICIÓN Y ACTIVIDAD FÍSICA Revista Internacional de Medicina y Ciencias de la Actividad Física y del Deporte / International. Journal of Medicine and Science of Physical Activity and Sport, vol. 5, núm. 18, junio, 2005, pp. 140- 152 Universidad Autónoma de Madrid. Madrid, España
  • Lara Elvira (2020). “¿La soledad no deseada causa demencia? Revista Mente y Cerebro. https://www.investigacionyciencia.es/files/52789.pdf
  • López Doblas, J. y Díaz Conde, MDP (2018). El sentimiento de soledad en la vejez. Revista Internacional de Sociología, 76 (1), 085. https://doi.org/10.3989/ris.2018.76.1.16.164