Non riuscire a riposare per colpa della routine

6 Febbraio 2020
Spesso la nostra routine quotidiana si rivela opprimente e non ci lascia abbastanza spazio per riposare. Per questo motivo, abbiamo riflettuto un po' su cosa potremmo fare per rilassarci. Non perdetevi questo articolo!

Al giorno d’oggi, viviamo immersi in un mondo ricco di informazioni, che ci impone di dedicarci a migliaia di occupazioni. Ciò, in più di una occasione, ci impedisce di riposare a sufficienza. Allora non riuscire a riposare per colpa della propria routine è una situazione comune.

Abbiamo pensato di condividere con voi una serie di consigli e riflessioni su quello che possiamo fare per migliorare il nostro riposo e la qualità della nostra vita.

Conseguenze dell’assenza di riposo

Molti mezzi di comunicazione hanno già segnalato questo problema. Se non riposiamo, possiamo presentare i seguenti sintomi:

  • Cattivo umore.
  • Ridotta capacità di gestire la frustrazione.
  • Mancanza di concentrazione.
  • Inquietudine.
  • Irritabilità.
  • Problemi di memoria.
Ragazza con mal di testa per mancanza di sonno
Quando non riposiamo a sufficienza, possiamo essere colti da fatica, sonnolenza e irritabilità, insieme ad altri sintomi.

Oltre a queste conseguenze, ulteriori ricerche sottolineano che esiste una relazione tra le ore di sonno o riposo e la qualità della vita.

Sarete già certamente al corrente di tutto ciò, perché si tratta di argomenti che ci vengono ripetuti spesso. Tuttavia, a volte la nostra routine di lavoro o di studio non ci lascia molte ore libere per riposare a sufficienza. Che cosa possiamo fare, allora?

Potrebbe interessarvi leggere anche: Disturbi del sonno: sono stanco, ma non dormo

Non riuscire a riposare: che cosa posso fare?

Come possiamo evitare di sentirci stanchi se la nostra vita corre così velocemente e ci rimane a malapena qualche secondo libero tra notifiche del telefono, compiti in sospeso, messaggi a cui rispondere e altri stimoli che riceviamo di continuo?

Per prima cosa, è importante sottolineare che c’è una notevole differenza tra stanchezza fisica e stanchezza mentale, ognuna delle quali presenta le proprie implicazioni.

Gli studi in merito indicano che in presenza di stanchezza mentale, è possibile provare sensazioni di fallimento, abbandono e impotenza, oltre a bassa autostima, inquietudine e difficoltà di concentrazione. Per quanto riguarda la stanchezza fisica, invece, può provocare emicranie e dolori osteoarticolari, oltre a disturbi del sonno.

Naturalmente, tutto ciò provoca delle conseguenze sul comportamento, dal momento che la persona che soffre di stanchezza può bere caffè o assumere farmaci in eccesso. Oltre a ciò, può presentare un basso rendimento a livello personale e lavorativo, oppure conflitti nella sfera interpersonale, sia in ambito familiare che in quello lavorativo.

Che cosa possiamo fare per riposare?

Quali sono, allora, i consigli che dovremmo seguire quando non riuscire a riposare diventa una costante e si hanno molte questioni di cui occuparsi? Nelle righe che seguono condivideremo con voi alcune strategie che potete adottare per migliorare la qualità della vostra vita:

  • Per prima cosa, dovete capire che la priorità siete voi e la vostra salute fisica, mentale ed emotiva.
  • Cercare di trovare dei momenti di silenzio. Si tratta di un aspetto molto importante per ritrovare la serenità mentale. Sappiamo già quanto è difficile vivere senza essere disturbati dal rumore, soprattutto nelle città; qualche volta, però, potreste scegliere di non accendere la radio mentre state andando al lavoro, di farvi una doccia senza ascoltare la musica o cercare di adottare una tecnica di rilassamento.
Ragazza che si immerge nel silenzio
Se la nostra routine è troppo pesante e non ci permette di riposare, ci conviene trovare degli spazi di silenzio nei quali rilassarci.
  • Spegnete il telefono per un po’, così come qualunque schermo che si trovi nelle vicinanze. In questo modo smetterete di percepire i suoni delle notifiche e non sarete esposti alla luce dello schermo, che, come è stato segnalato da numerosi esperti, risulta particolarmente nociva.
  • Verificate l’eventuale esistenza di un problema o una questione da risolvere che vi consuma emotivamente. Dovete imparare a liberarvene, anche se farlo significa perdonare qualcuno.
  • Delegate i compiti sul posto di lavoro. Forse pensate che nulla andrà bene senza la vostra partecipazione. Eppure, dovete imparare ad avere fiducia nei membri della vostra squadra e affidare loro compiti proporzionati alle loro capacità.
  • Osservate in che modo trascorrono le vostre giornate e, se è necessario, apportate alcuni cambiamenti alla vostra routine.
  • Sottoponetevi a sedute di massaggi rilassanti.

Vi consigliamo di leggere anche: Rilassare i muscoli contratti con 7 rimedi naturali

Infine, desideriamo ricordarvi la necessità di rendere più semplice la vostra vita. Molte volte cerchiamo di dedicarci a troppe cose, finendo però per sovraccaricarci e ammalarci.

Il grande pensatore Epicuro professava una filosofia che, al giorno d’oggi, può ancora esserci utile: vivere secondo il massimo piacere. Questo piacere, però, possiamo trovarlo anche nelle cose quotidiane, come il cibo, una conversazione piacevole o l’arte.

Questo filosofo ci ricorda anche quanto è importante non mettere mai in pericolo la nostra salute per soddisfare un desiderio inutile che arreca solo sofferenzaa. Mettete in pratica questa filosofia!

  • Arquer, M. I. De. (1999). NTP 445: Carga mental de trabajo: fatiga. Instituto Nacional de Seguridad e Higiene En El Trabajo.
  • Extremera, N., Fernández-Berrocal, P., & Durán, A. (2003). Inteligencia emocional y burnout en profesores. Encuentros En Psicologia Social.
  • Restrepo, E. (2018). ILUMINACIÓN. In El torso de Venus. https://doi.org/10.2307/j.ctv893j2s.33
  • Salanova, M., & Futuros, Y. R. (2008). ESTUDIO DEL BURNOUT Marisa Salanova y Susana Llorens. Papeles Del Psicólogo.