Abbassare il colesterolo con l’aglio: 3 rimedi naturali

17 Luglio 2020
Grazie al suo alto contenuto di antiossidanti, l'aglio rappresenta uno dei migliori alleati per abbassare il colesterolo alto. Oggi desideriamo condividere con voi 3 utili rimedi per godere delle sue proprietà.

Vi siete mai chiesti come abbassare il colesterolo con l’aglio? Molto probabilmente vi sarà già capitato di sentir parlare delle grandi virtù medicinali di questo alimento, in particolare per la salute cardiovascolare.

In questo articolo vi spieghiamo perché è possibile abbassare il colesterolo con l’aglio, purché, naturalmente, si conduca uno stile di vita sano e si segua una dieta equilibrata. La scienza conferma tali proprietà.

È possibile abbassare il colesterolo con l’aglio?

L’aglio viene consumato come alimento medicinale da secoli. Numerosi studi riportano i suoi effetti positivi nel trattamento di disturbi digestivi e circolatori, tosse, parassiti intestinali, polmonite e altri problemi di salute.

Questo alimento protegge anche la salute cardiovascolare. Aiuta ad abbassare il colesterolo, la pressione arteriosa o l’aggregazione piastrinica, per esempio. Ciononostante, rimane fondamentale seguire un’alimentazione sana e fare esercizio fisico regolare.

1. Mangiare uno spicchio d’aglio per abbassare il colesterolo

Abbassare il colesterolo con l'aglio è un rimedio semplice e naturale per migliorare la propria salute
L’aglio è uno degli integratori naturali impiegato per abbassare il colesterolo alto. Infatti, l’efficacia delle sue proprietà è confermata da numerose ricerche.

Tra i rimedi che proponiamo per abbassare il colesterolo con l’aglio, questo è il più semplice. Ciononostante, bisogna fare attenzione a un dettaglio importante: l’aglio deve essere consumato crudo.

Molte persone preferiscono inghiottire lo spicchio o parti di esso per evitare di sentirne il sapore o l’odore. Ciononostante, uno studio dimostra che in questo modo potremmo ridurne l’efficacia, è invece preferibile consumarlo masticato o tritato.

Ingredienti

  • 1 spicchio di aglio crudo al giorno (1 g)

Cosa fare

  • Ogni giorno dovremmo mangiare uno spicchio di aglio crudo, masticato o tritato.
  • Se facciamo fatica a masticarlo, possiamo frullarlo o tritarlo insieme al resto del cibo, ma evitando di cuocerlo.
  • Possiamo attenuarne il sapore masticando poi alcuni semi di anice o foglie di prezzemolo.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Diete per il colesterolo e luoghi comuni

2. Abbassare il colesterolo con l’aglio e il succo di limone

Uno studio dimostra i benefici per la salute cardiovascolare della combinazione di aglio e succo di limone. Lo studio è stato condotto durante 8 settimane su soggetti di età compresa tra i 30 e i 60 anni che presentavano iperlipidemia moderata.

Ingredienti

  • 8 spicchi d’aglio medi crudi (20 g)
  • 1 cucchiaio di succo di limone

Cosa fare

  • Prima di tutto, bisogna bere il succo di limone a digiuno.
  • Consumeremo gli spicchi di aglio nel corso della giornata, sempre crudi. Possiamo sminuzzarli per usarli come condimento, frullarli per includerli nelle zuppe, ungerli sul pane tostato, ecc.
  • I risultati dello studio sono stati valutati nell’arco di due mesi.

Vi consigliamo di leggere anche: I benefici dell’aglio per la salute dell’organismo

3. Aglio nero per abbassare il colesterolo

L'aglio nero è utile per abbassare il colesterolo
Anche l’aglio nero aiuta ad abbassare il colesterolo. Le proprietà di questa varietà di aglio agevolano l’eliminazione dei lipidi trattenuti nelle arterie.

Il forte odore dell’aglio è senz’altro l’inconveniente principale, motivo per cui molte persone ne rifiutano il consumo abituale e preferiscono cercare delle alternative per prendersi cura della propria salute.

Ciononostante, tra i metodi di trattamento elaborati per eliminarne l’odore, quello dell’aglio nero ha riscosso un notevole successo. Questa varietà si ottiene da una maturazione in condizioni di alta temperatura e umidità.

Questo processo di invecchiamento scurisce il colore dell’aglio e ne altera il sapore e la consistenza. Lo spicchio mantiene intatta la propria forma, ma diventa morbido. Inoltre, ricorda un po’ la liquirizia.

È bene sottolineare anche che alcuni dei suoi componenti aumentano durante questo processo di maturazione. Cresce dunque la sua efficacia antiossidante sia i suoi effetti che consentono di regolare i lipidi, compreso il colesterolo.

Di che cosa abbiamo bisogno?

  • Spicchi di aglio non sbucciati
  • Un recipiente che possa mantenere una temperatura costante compresa tra i 40° C e i 60° C per circa uno, due o tre mesi di tempo (Per esempio, un thermos, una yogurtiera, una pentola elettrica per il riso, una pentola Crock-Pot, ecc.)
  • Carta stagnola

Come lo prepariamo?

  • Togliamo lo strato esterno del bulbo, lasciando quello più vicino allo spicchio d’aglio.
  • Poi lo avvolgiamo nella carta stagnola.
  • Introduciamo l’aglio in un recipiente che possieda le caratteristiche descritte e lo lasciamo maturare per almeno due mesi. L’aglio sarà pronto quando la parte interna avrà assunto un colore nero. Dopo un mese, possiamo già iniziare a controllare.
  • Il procedimento è semplice, ma richiede pazienza.

Come lo consumiamo?

  • Possiamo mangiare uno spicchio di aglio mezz’ora prima di uno dei tre pasti principali.

Ora avete a disposizione diverse opzioni per abbassare il colesterolo con l’aglio in modo semplice e naturale. Ciononostante, prima di tutto dovete consultare il medico, soprattutto se soffrite di disturbi digestivi o assumete dei farmaci, in quanto questo rimedio potrebbe interferire con uno di essi.

  • Bayan L, Koulivand PH, Gorji A. Garlic: a review of potential therapeutic effects. Avicenna J Phytomed. 2014;4(1):1–14.
  • Aslani, N., Entezari, M. H., Askari, G., Maghsoudi, Z., & Maracy, M. R. (2016). Effect of garlic and lemon juice mixture on lipid profile and some cardiovascular risk factors in people 30-60 years old with moderate hyperlipidaemia: A randomized clinical trial. International Journal of Preventive Medicine. https://doi.org/10.4103/2008-7802.187248
  • Ha, A. W., Ying, T., & Kim, W. K. (2015). The effects of black garlic (Allium satvium) extracts on lipid metabolism in rats fed a high fat diet. Nutrition Research and Practice. https://doi.org/10.4162/nrp.2015.9.1.30
  • Jabbari, A., Argani, H., Ghorbanihaghjo, A., & Mahdavi, R. (2005). Comparison between swallowing and chewing of garlic on levels of serum lipids, cyclosporine, creatinine and lipid peroxidation in Renal Transplant Recipients. Lipids in Health and Disease. https://doi.org/10.1186/1476-511X-4-11