Abbassare l'acido urico con la dieta

Il trattamento in caso di iperuricemia ha due obiettivi: aumentare l'escrezione dell'acido urico attraverso l'urina ed elaborare una dieta su misura.
Abbassare l'acido urico con la dieta

Ultimo aggiornamento: 06 dicembre, 2020

Gli alti livelli di acido urico nel corpo sono associati a una cattiva alimentazione, perché le purine che lo producono si trovano soprattutto nei cibi. In seguito a ciò, spieghiamo in che modo abbassare l’acido urico attraverso una corretta alimentazione.

Questo acido è naturalmente presente nel nostro organismo, ma le sue concentrazioni aumentano in seguito all’assunzione di determinati cibi. L’80% dei livelli di acido urico, di fatto, può essere tenuto sotto controllo seguendo una dieta apposita.

Acido urico alto: cosa significa?

Conseguenze di acido urico alto.
Se il nostro sangue contiene troppo acido urico, quello in eccesso si depositerà nelle articolazioni sotto forma di cristalli provocando infiammazione e dolore.

Iperuricemia è il termine tecnico usato per indicare eccessive quantità di acido urico nel sangue. Il sintomo più temuto di questa malattia è un attacco di gotta a causa dei depositi di acido urico nelle articolazioni. La gotta provoca intenso dolore che bisogna prevenire a tutti i costi.

Grazie a una corretta alimentazione, pianificata da un nutrizionista, è possibile abbassare l’acido urico nel sangue e avere un maggiore controllo della situazione in modo da prevenire dolorosi attacchi di gotta.

Quali valori di acido urico sono da considerarsi elevati?

Secondo i professionisti sanitari, i normali livelli di acido urico oscillano tra i 2,4 e i 5,7 mg/dl nelle donne e tra i 3,4 e i 7,0 mg/dl negli uomini. Qualunque valore al di sopra di questo limite viene considerato indice di iperuricemia e va trattato in tempo prima che la situazione peggiori.

Potrebbe interessarvi anche: Eliminare i calcoli renali con 6 consigli

Quali cibi assumere per abbassare l’acido urico?

In caso di iperuricemia, bisognerà ridurre il consumo degli alimenti ricchi di purine, in quanto la loro degradazione all’interno dell’organismo aumenta i livelli di acido urico.

Alimenti a basso contenuto di purine

Latte e latticini.
I latticini sono da considerarsi alimenti con un ridotto contenuto di purine, per cui sono adatti a una dieta per l’iperuricemia.

Alcuni alimenti presentano basse concentrazioni di purine nella loro composizione e quindi possono essere inclusi senza problemi nella dieta di chi soffre di iperuricemia:

  • Latticini
  • Verdure, fatta eccezione per quelle che presentiamo nel seguente paragrafo.
  • Radici e tuberi
  • Frutta ricca di vitamina C
  • Frutta secca senza aggiunta di sale

È bene chiarire che tutti gli alimenti contengono purine in quantità minori o maggiori. Ciò nonostante, è possibile mantenerne stabili i livelli nel corpo grazie a un piano alimentare adeguato.

Alimenti con un contenuto medio di purine

Cesto di funghi.
I funghi possono essere consumati con moderazione nel quadro di una dieta per abbassare l’acido urico. Contengono limitate quantità di purine.

Vediamo adesso la lista degli alimenti con minori concentrazioni di purine e il cui consumo può essere flessibile. In altre parole, questi cibi possono essere previsti nella propria alimentazione, ma non bisogna abusarne:

  • Carni bianche
  • Funghi e asparagi
  • Legumi, fatta eccezione per le fave e le lenticchie
  • Cavolfiori
  • Spinaci

Potrebbe interessarvi anche: Purine: tutto quello che c’è da sapere

Quali alimenti vanno evitati se si desidera abbassare l’acido urico nel sangue?

Carne rossa.
Carne rossa, pesce e frutti di mare vanno eliminati del tutto se vogliamo abbassare i livelli di acido urico alto nel sangue.

I cibi ricchi di purine da evitare sono quelli contenenti grassi animali. Tra questi rientrano le interiora, i brodi concentrati, le salse e le zuppe a base di spezzatino di carne. Anche il consumo di pesce va controllato, soprattutto di pesce azzurro: sardine, alici, acciughe, salmone, gamberi o sgombro.

Si consiglia di evitare il consumo di alcol e di prodotti processati se vogliamo abbassare l’acido urico nell’organismo o per prevenire l’iperuricemia. Sarà meglio eliminarli del tutto o ridurne drasticamente il consumo.

Aspetti da considerare per abbassare l’acido urico

Consumo di frutta

Bisogna moderare il consumo di frutta perché pur essendo sana (contiene una ridotta concentrazione di purine), presenta elevate concentrazioni di fruttosio, che nell’organismo stimola la produzione di purine.

Modalità di cottura

Anche la modalità di cottura può fare la differenza in caso di iperuricemia. Bollendo gli alimenti si ottiene una riduzione delle purine in essi presenti. Per esempio, bollire o stufare una pietanza è un’opzione migliore rispetto a friggerla.

Bevande

Bere acqua per abbassare lo acido urico.

La bevanda per eccellenza che non può mancare è l’acqua. Dobbiamo provare a bere almeno 2 litri di acqua al giorno, secondo le indicazioni degli esperti. Se seguiamo una dieta ricca di frutta e verdura, oltre a consumare brodi, zuppe o infusi, non dimentichiamo di offrire acqua al nostro corpo.

Anche se questi consigli possono aiutare ad abbassare l’acido urico, è importante consultare il proprio medico di fiducia per ricevere il trattamento più adatto alle proprie condizioni di salute.

Potrebbe interessarti ...
Tisane per abbassare l’acido urico: 6 proposte
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Tisane per abbassare l’acido urico: 6 proposte

In questo articolo condividiamo 6 di tisane per abbassare l'acido urico presente nel corpo. Vi invitiamo a prendere nota.



  • Escudero, C., Bertoglia, P., Muñoz, F., & Roberts, J. M. (2013). Purinas y ácido úrico en pre-eclampsia: interacciones fisiopatológicas y proyecciones en investigación. Revista médica de Chile, 141(7), 895-902.
  • Contreras Roura, J. (2012). Errores innatos del metabolismo de las purinas y otras enfermedades relacionadas. Revista Cubana de Pediatría, 84(2), 197-200.
  • Álvarez-Lario, B., & Alonso-Valdivielso, J. L. (2014). Hiperuricemia y gota: el papel de la dieta. Nutricion hospitalaria, 29(4), 760-770.
  • Menéndez, E., Milano, C., Alassia, F., Carreras, R., Casonú, M., Cipres, M., … & Elbert, A. E. (2016). Nutrición e hiperuricemia. Revista de Nefrología, Diálisis y Trasplante, 36(4), 246-252.