Aconito come rimedio naturale: il suo utilizzo è sicuro?

L'aconito veniva un tempo utilizzato per stimolare la circolazione, ridurre il dolore e combattere il raffreddore. Tuttavia, oggi è sconsigliato a causa dei suoi effetti collaterali.
Aconito come rimedio naturale: il suo utilizzo è sicuro?

Ultimo aggiornamento: 25 marzo, 2022

L’aconito, nome scientifico aconitum napellus, è una pianta che appartiene alla famiglia delle ranunculaceae. Originario delle zone rocciose dell’Europa e dell’Asia, spesso viene usato a scopo ornamentale per i suoi vistosi fiori viola.

Anticamente i suoi steli, fiori e radici venivano utilizzati per preparare rimedi analgesici, diuretici e stimolanti della circolazione. Tuttavia, nel tempo la ricerca ha stabilito che i suoi composti altamente tossici possono causare seri problemi di salute. Perché è meglio evitare di usarlo?

Usi dell’aconito nella storia

L’aconito veniva anche chiamato anticamente “cappuccio del monaco” o “elmo di Giove”, per la forma dei suoi fiori. Un altro nome usato per indicare la pianta è “strozzalupi” poiché in passato i pastori la usavano per avvelenare lupi e volpi. Oltre a questo, la pianta è elencata nei libri di magia e stregoneria come ingrediente per pozioni.

A causa della sua elevata tossicità, ha una lunga storia come veleno. Il caso più recente è del 2010; una donna inglese è stata condannata per aver avvelenato una persona con un curry piccante a base di aconito.

Usi medicinali dell’aconito

Sebbene venisse usato come veleno nei tempi antichi, l’aconito è stato utilizzato anche come rimedio naturale nella medicina tradizionale cinese e nella medicina occidentale convenzionale. Attualmente è presente come ingrediente nei farmaci omeopatici.

Ma perché si usa? C’è chi gli attribuisce proprietà analgesiche, antiossidanti, antinfiammatorie e stimolanti. Secondo un articolo scientifico pubblicato su Journal of Ethnobiology and Ethnomedicine, alcuni dei suoi usi tradizionali includono il trattamento di:

  • Reumatismi e gotta.
  • Nevralgia del trigemino.
  • Lombalgia e sciatica.
  • Raffreddore.
  • Mal di gola
  • Mal di denti.
  • Morso di serpente.
  • Dolore di stomaco.
  • Febbre.

Anche una recensione comparsa su Journal of Research in Pharmaceutical Sciences suggerisce che la presenza di alcuni componenti dell’aconito possono giovare alla salute. Nonostante ciò, le prove sono insufficienti e, al contrario, si segnala che i rischi superano i possibili benefici.

Fiore di aconito per uso medicinale.
Il potere tossico di questa pianta ne esclude quasi l’uso medicinale.

Potrebbe interessarvi anche: Erbe medicinali controindicate in gravidanza

Una pianta ricca di alcaloidi

Molte delle proprietà medicinali dell’aconito sono spiegate dal suo contenuto di alcaloidi. In particolare, è una fonte di aconitina, caffeina, stricnina e nicotina. Queste sostanze, in una certa misura, contribuiscono al sollievo da nevralgie, dolori muscolari e difficoltà respiratorie.

Il problema è che in quantità eccessive gli alcaloidi sono piuttosto nocivi, rendendo l’utilizzo dell’aconito rischioso, soprattutto se usato in casa.

Perché è pericoloso usare l’aconito come rimedio naturale?

L’aconitina, come altri alcaloidi dell’aconito, ha effetti tossici, soprattutto in dosi elevate. Le tossine della pianta sono state paragonate al veleno rilasciato da alcuni serpenti pericolosi.

In particolare si dice che siano “cardiotossine” e “neurotossine” poiché compromettono il funzionamento del sistema cardiovascolare e del sistema nervoso centrale. L’avvelenamento con questa pianta può portare ai seguenti sintomi:

  • Mal di stomaco, nausea e vomito.
  • Sensazione di bruciore alla bocca e alla lingua.
  • Respirazione difficoltosa.
  • Battito cardiaco irregolare.
  • Formicolio.
  • Rigidità del viso
  • Difficoltà a deglutire.
  • Visione sfocata.
  • Convulsioni.
  • Morte (in dosi comprese tra 1 e 8 milligrammi).

Come si usa questa pianta?

Alcuni dicono che l’ammollo e l’ebollizione dell’aconito ne riduca il livello di tossicità. Anche così, l’uso domestico non è consigliato perché il rischio resta alto. Infatti, è pericoloso assorbire grandi quantità di questa pianta attraverso la pelle o le ferite aperte.

È possibile trovare prodotti medicinali a base di questa erba in erboristeria. È disponibile in compresse, capsule e in forma liquida. Tuttavia, vengono forniti con istruzioni specifiche che devono essere seguite alla lettera.

Come agire in caso di avvelenamento da aconito?

Uno dei motivi per cui l’uso di questa pianta è completamente sconsigliato è che non esiste un antidoto noto per curare l’avvelenamento che provoca. Ai primi sintomi, è fondamentale recarsi con urgenza al pronto soccorso per un controllo dei parametri vitali.

Il medico potrà prescrivere una lavanda gastrica e l’uso della ventilazione artificiale, secondo il caso. Monitorerà anche la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca e determinerà se sia necessario assumere farmaci. Nei casi più gravi, viene eseguito un intervento di bypass cardiopolmonare.

L’avvelenamento da aconito può richiedere il ricovero in terapia intensiva.

Possibili interazioni

Il rischio di interazioni tra integratori vegetali e farmaci non dovrebbe essere ignorato. Se ne sconsiglia, in particolare, il consumo simultaneo con farmaci anticoagulanti e stimolanti.

Cosa ricordare dell’aconito?

Venduto come farmaco omeopatico, l’aconito è tuttavia una pianta pericolosa che può portare a gravi conseguenze per la salute. Sebbene gli siano attribuiti benefici, i suoi rischi sono una ragione sufficiente per evitarne l’uso.

Pertanto, è meglio cercare alternative a questa pianta. Consultare un medico è sempre il comportamento più prudente, soprattutto se si sospetta un problema di salute rilevante.

This might interest you...
Usi medicinali del nasturzio: benefici e controindicazioni
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Usi medicinali del nasturzio: benefici e controindicazioni

Il nasturzio è noto in medicina popolare per le proprietà antimicrobiche e antinfiammatorie, utili nel trattamento di vari tipi di infezioni.



  • Povšnar M, Koželj G, Kreft S, Lumpert M. Rare tradition of the folk medicinal use of Aconitum spp. is kept alive in Solčavsko, Slovenia. J Ethnobiol Ethnomed. 2017;13(1):45. Published 2017 Aug 8. doi:10.1186/s13002-017-0171-x
  • Moritz F, Compagnon P, Kaliszczak IG, Kaliszczak Y, Caliskan V, Girault C. Severe acute poisoning with homemade Aconitum napellus capsules: toxicokinetic and clinical data. Clin Toxicol (Phila). 2005;43(7):873-6. doi: 10.1080/15563650500357594. PMID: 16440517.
  • Singh, M. K., Vinod, M., Iyer, S. K., Khare, G., Sharwan, G., & Larokar, Y. K. (2012). Aconite: A pharmacological update. International Journal of Research in Pharmaceutical Sciences.+
  • Chan TY. Aconite poisoning. Clin Toxicol (Phila). 2009 Apr;47(4):279-85. doi: 10.1080/15563650902904407. PMID: 19514874.