9 alimenti e bevande che possono provocare l’emicrania

· 29 marzo 2017
Un consumo eccessivo di caffeina può scatenare mal di testa ed emicranie. Se siamo abituati a farne uso, eliminarla improvvisamente può causare ugualmente una reazione negativa.

L’emicrania è uno dei disturbi più diffusi in tutto il mondo. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si tratta di una delle cause più comuni di invalidità.

L’emicrania si presenta con dolore pulsante ed intenso, localizzato in un lato della testa o in entrambi e spesso è accompagnata da vertigini, visione offuscata e sensibilità alla luce.

Il dolore in alcuni casi può durare alcuni minuti, anche se in genere permane per ore o addirittura giorni.

Le crisi di emicrania sono legate a predisposizione genetica, a situazioni di stress prolungato, a cambiamenti ormonali e all’uso di alcuni eccitanti.

Oltre a questi fattori, è stato confermato che circa il 30% dei casi clinici è legato ad abitudini alimentari poco sane.

Alcuni alimenti, infatti, per composizione ed effetti sul nostro organismo, sono stati identificati come causa scatenante dell’emicrania.

Scopriteli con noi!

1. Burro di arachidi

Il burro di arachidi è un alimento associato a mal di testa ed episodi di emicrania ricorrenti.

Ne è responsabile principalmente la tiramina, un aminoacido dall’effetto vasoattivo.

Contiene anche sostanze potenzialmente allergizzanti, in grado di stimolare i processi infiammatori ed agire sulla circolazione.

Leggete anche: 4 segnali che indicano cattiva circolazione sanguigna

2. Birra

Da decenni si attribuiscono alla birra virtù medicinali, tuttavia, la tiramina e l’alcool che contiene possono essere causa di forti mal di testa. Sono due sostanze stimolanti che possono generare reazioni infiammatorie.

Questo, sommato al fatto che un suo consumo eccessivo interagisce sul metabolismo, spiega perché in genere la birra peggiora i sintomi dell’emicrania.

3. Vino rosso

Un bicchiere di vino rosso al giorno rappresenta per il nostro organismo una buona fonte di antiossidanti, oltre a stimolare la circolazione sanguigna.

Non è però consigliato a chi soffre spesso di emicrania e cefalea comune. Ancora una volta la colpa è della tiramina, oltre ai fenoli e a varie sostanze in grado di scatenare il mal di testa

4. Formaggio

È gustoso e versatile in cucina, ma chi soffre di emicrania dovrebbe ridurne al minimo il consumo.

Le sue proteine e i suoi grassi aumentano gli stati infiammatori, acutizzano il dolore e i disturbi visivi.

5. Carni processate

Tutti i tipi di carni processate, come gli insaccati, sono nemici per chi deve fare spesso i conti con il mal di testa.

Spesso contengono additivi, tra cui nitriti e nitrati, che oltre ad aumentare il rischio di cancro, stimolano l’infiammazione e l’afflusso di sangue verso il cervello, da cui possono derivare forti mal di testa.

6. Fritture e alimenti ricchi di grassi

Le fritture industriali e gli alimenti ricchi di grassi saturi provocano reazioni infiammatorie in alcuni tessuti e sono, molte volte, responsabili delle crisi di emicrania.

Entrambe le tipologie di alimenti aumentano il livello di colesterolo e dei trigliceridi nel sangue e, quindi, il rischio di soffrire di pressione alta e di malattie cardiovascolari.

Inoltre, ostacolano i processi metabolici e riducono la capacità del nostro corpo di ossigenare le cellule in modo ottimale.

7. Troppo caffè

Un consumo eccessivo di caffeina, attraverso il caffè o altre bevande, può essere alla radice del comune mal di testa e delle emicranie. 

Anche una sua carenza, però, soprattutto quando l’organismo è abituato ad assumerla, per quanto in piccole dosi, può causare una reazione negativa.

Non deve essere quindi bevuto in grandi quantità, ma neanche eliminato all’improvviso.

8. Cioccolato

Una piccola porzione di cioccolato al giorno ci rifornisce antiossidanti, fa bene alla circolazione e alla salute del cervello.

Consumato in grandi quantità, tuttavia, ci espone a mal di testa intensi come l’emicrania; il suo contenuto di tiramina, infatti, altera la vasodilatazione.

Leggete anche: Il cioccolato potenzia le nostre funzioni cognitive

9. Farine raffinate

Le farine raffinate ed altre fonti di glutine possono peggiorare i sintomi dell’emicrania.

Quando è presente un’intolleranza al glutine, questa proteina difficile da digerire provoca uno squilibrio nei processi infiammatori, nelle funzioni gastrointestinali e metaboliche.

Chi soffre di celiachia va incontro ad un netto miglioramento del mal di testa quando smette di assumere cibi che contengono glutine.

Anche se gli alimenti presenti in questa lista non sono l’unica causa delle vostre emicranie, sarebbe meglio limitarne l’assunzione per evitare un peggioramento dei sintomi.

Dieta sana e riposo sono i primi passi per affrontare questo fastidioso disturbo.

Guarda anche