8 alimenti da evitare in caso di problemi alle articolazioni

· 9 febbraio 2017
Conviene ridurre il consumo di certi alimenti che possono attivare la risposta infiammatoria dell'organismo e avere delle ripercussioni sulla salute delle articolazioni

Le articolazioni danno sostegno al corpo, infatti collegano le ossa e facilitano l’agilità.

Il dolore articolare è un problema molto comune e può dipendere da infiammazioni, lesioni o dallo sviluppo di una malattia cronica.

La comparsa di questo problema è legata anche all’invecchiamento, ma può interessare anche i giovani a seguito di un trauma o di un deterioramento prematuro.

In qualunque caso, si tratta di una condizione che diminuisce la qualità di vita, soprattutto interferisce sulla mobilità e sulla capacità di realizzare le attività quotidiane.

Anche se esistono tanti metodi per ridurre l’intensità dei sintomi, ci sono alcuni fattori di cui tenere conto, perché possono peggiorare la situazione.

Ad esempio, assumere certi alimenti aumenta il livello dell’infiammazione, riduce l’assorbimento dei nutrienti ed ostacola la guarigione.

Essi, inoltre, favoriscono l’aumento di peso corporeo e l’accumulo eccessivo di sostanze nel sangue, il che può provocare anche malattie gravi.

Dato che non tutti conoscono gli alimenti da evitare in caso di dolori articolari, a seguire vi sveleremo gli 8 principali.

Continuate a leggere per saperne di più!

1. Carni lavorate e carni rosse

carne

Le carni lavorate e le carni rosse contengono sostanze chimiche dannose che possono aumentare il livello di infiammazione nell’organismo.

I nitriti e le purine si accumulano nel corpo e, a lungo andare, causano dolore e rigidità alle articolazioni.

Leggete anche: Scorza di limone per calmare il dolore alle articolazioni

2. Zuccheri raffinati

Il consumo eccessivo di zuccheri raffinati, in tutte le loro forme, ha molto a che vedere con le alterazioni e i processi infiammatori nell’organismo.

Gli zuccheri favoriscono il rilascio di alcune sostanze chiamate citochine, le quali aumentano il dolore e il gonfiore.

Dato che sono ricchi di calorie, il consumo di zuccheri comporta anche un aumento di peso e, quindi, della pressione sui muscoli e sulle articolazioni.

3. Latte e derivati

latte-e-derivati

Il latte e i suoi derivati sono legati alla tendenza di sviluppare dolori articolari in giovane età.

Questi alimenti contengono elevati livelli di una proteina chiamata cisteina, la cui presenza nel corpo aumenta l’infiammazione.

La cisteina irrita i tessuti che proteggono le articolazioni e, di fatto, in quantità eccessive può causare un forte deterioramento.

D’altra parte, essendo i latticini alimenti ricchi di grassi saturi, aumentano il peso corporeo e stimolano l’infiammazione dei tessuti adiposi.

4. Sale

Il consumo eccessivo di sale da tavola è legato allo sviluppo di un’ampia gamma di malattie croniche che compromettono la buona qualità di vita.

Questo prodotto altera l’equilibrio dei liquidi corporei e, a sua volta, aumenta il rischio di disturbi cardiovascolari ed infiammatori.

Nonostante l’organismo richieda solo una piccola quantità di sale per funzionare in modo corretto, assumiamo una dose 10 volte superiore a quella necessaria.

5. Olio di mais

oli-vegetali

L’olio di mais è ricco di acidi grassi che provocano nel corpo la produzione di sostanze chimiche infiammatorie.

Gli elevati livelli di calorie riducono la salute delle articolazioni e peggiorano i sintomi delle patologie infiammatorie.

6. Uova

Anche se è dimostrato che si tratta di un alimento sano e che fornisce una quantità importante di proteine al corpo, un consumo regolare di uova è sconsigliato per chi ha problemi di articolazioni.

Essendo di origine animale, le uova contengono una significativa quantità di acido arachidonico, una sostanza presente nel tuorlo che sembra aumentare la risposta infiammatoria dell’organismo.

7. Cereali e farine raffinati

impasto-farina-bianca

I cereali raffinati e e le farine sono potenti agenti infiammatori che possono portare al dolore e al deterioramento delle articolazioni.

  • Hanno un indice glicemico elevato e, ostacolando il metabolismo, scatenano la produzione delle sostanze che aumentano la sensazione di dolore.
  • Il consumo giornaliero ed eccessivo di questi alimenti, inoltre, potrebbe essere legato alla comparsa dell’infiammazione cronica e delle malattie autoimmuni.
  • D’altra parte, dato che si tratta di calorie vuote, contribuiscono al sovrappeso, alle malattie coronariche e al diabete.

Vi invitiamo a leggere anche: Aceto di mele: un rimedio naturale per tenere sotto controllo il diabete

8. Fast food e cibi fritti

Il fast food e la frittura commerciale contengono elevati livelli di grassi saturi e farine i cui effetti peggiorano l’infiammazione dei tessuti grassi.

Questi possono influire sullo sviluppo di problemi cardiaci e, a loro volta, peggiorare l’infiammazione delle patologie articolari.

In conclusione, la dieta svolge un ruolo fondamentale per quanto riguarda la salute delle articolazioni.

Ridurre o eliminare il consumo degli alimenti citati può aiutarvi a minimizzare il dolore e i sintomi associati a problemi alle articolazioni.

Conviene anche aumentare il consumo di alimenti ricchi di antiossidanti e acidi grassi Omega 3, i quali svolgono un’azione antinfiammatoria.

Guarda anche