Alimenti per trattare l’ipotensione

31 dicembre 2017
Anche se il sale è utile per aumentare la pressione in caso di ipotensione, si consiglia di non abusarne per non ottenere l'effetto contrario

Chi ha la pressione bassa soffre di ipotensione. In questo caso, è possibile manifestare nausea, vertigini o svenimenti. Se avete questo problema, vi invitiamo a scoprire i migliori alimenti per trattare l’ipotensione.

Che cos’è l’ipotensione e quali sono le cause?

La tensione arteriosa è la pressione esercitata dal sangue sulle pareti venose e arteriose di tutto l’apparato circolatorio.

In caso di ipotensione, i valori della pressione sanguigna sono al di sotto della norma (in base a quanto stabilito dagli esperti a seconda dell’età e del sesso della persona).

È bene sapere che i valori pressori non sono gli stessi per tutti. Ad esempio, un bambino appena nato ha la pressione più bassa rispetto a un adolescente, lo stesso vale per una donna adulta rispetto a una persona anziana.

Nelle persone adulte in buona salute e atletiche i valori pressori normali sono 120/80 mmHg. In questi casi, l’ipotensione è sinonimo di buona salute cardiovascolare.

Negli anziani, invece, può indicare un problema legato agli organi vitali.

Quando la pressione sanguigna è troppo bassa, significa che non arriva abbastanza sangue ai vari organi, dunque bisognerebbe evitare di fare sforzi eccessivi per evitare un incremento dell’attività cardiaca (tachicardia).

L’ipotensione viene diagnosticata quando il valore della pressione sistolica è inferiore a 90 mmHg e quella diastolica è inferiore a 60 mmHg.

Le cause dell’ipotensione sono diverse, tra cui:

  • Assunzione di ansiolitici o analgesici narcotici;
  • Attacco cardiaco, aritmia o insufficienza cardiaca;
  • Diabete;
  • Disidratazione e disturbi alimentari;
  • Assunzione di diuretici o farmaci per il cuore;

I sintomi della pressione bassa sono debolezza e capogiri. Si possono manifestare anche pallore, svenimenti, problemi respiratori e palpitazioni.

Alcune persone avvertono mal di testa, visione offuscata, intorpidimento delle estremità e dolore al torace.

Vi invitiamo a leggere anche: Mal di testa da stress: come si riconosce?

Abitudini quotidiane e ipotensione

Regolare la pressione arteriosa

Si parla molto più di ipertensione che di ipotensione, questo perché la prima ha conseguenze più gravi per l’organismo.

Tuttavia, vi segnaliamo i migliori alimenti per trattare l’ipotensione.

  • Di solito chi ha la pressione bassa mangia un cracker salato, è un rimedio momentaneo, perché un eccesso di sale potrebbe scatenare l’effetto contrario e aumentare troppo la pressione.
  • Anche a colazione conviene mangiare qualcosa di salato, per esempio pane con burro, ed evitare lunghi periodi di digiuno.
  • È preferibile consumare 6 pasti moderati al giorno invece di 3 o 4 pasti abbondanti: colazione, spuntino di metà mattinata, pranzo, spuntino del pomeriggio, merenda e cena. In questo modo lo stomaco non rimane vuoto per molte ore e la pressione non si abbassa.
  • Si consiglia di non bere bevande zuccherate né caffè perché attivano la circolazione, ma si tratta di un effetto momentaneo. Una volta passato, la pressione può abbassarsi più di prima.
  • L’alcol va evitato perché riduce il rendimento cardiaco e compromette la buona salute delle vene.

Alimenti per trattare l’ipotensione?

Gli alimenti che presentiamo a seguire sono indicati sia in caso di abbassamento momentaneo della pressione sia se si soffre abitualmente di pressione bassa. Ad ogni modo, vi invitiamo a consultare il vostro medico in modo che possa stabilire l’origine del problema.

1. Succo di barbabietola

Frullato alla barbabietola

Grazie al suo apporto di zuccheri naturali, la barbabietola regola la pressione arteriosa. Potete berlo a digiuno, la mattina e la sera quando tornate a casa.

Ingredienti

  • 2 barbabietole
  • ½ tazza di acqua (125 ml)

Preparazione

  • Pelate le barbabietole e tagliatele a pezzetti.
  • Mettetele nel frullatore e aggiungete l’acqua.
  • Frullate fino a ottenere un succo omogeneo.
  • Bevetelo subito. A piacere aggiungete cubetti di ghiaccio o foglie di menta.

2. Uva passa

Questo rimedio naturale regola i valori della pressione facendoli rientrare nella norma in quanto migliora la funzione della ghiandola surrenale.

Potete mangiare una manciata di uva passa quando si manifestano i primi sintomi dell’ipotensione.

Leggete anche: Acqua di uva passa per disintossicare il fegato

3. Acqua

Ragazza beve acqua

In alcuni casi la pressione bassa è una conseguenza della disidratazione, perciò assicuratevi di bere 2 litri di acqua al giorno.

In caso di ipotensione, vi consigliamo di bere bevande con elettroliti (comuni tra gli sportivi), perché contengono minerali come il magnesio, il sodio e il potassio.

4. Mandorle

Le mandorle hanno le stesse proprietà dell’uva passa. Potete mangiarle crude oppure preparare o comparare il latte di mandorle.

Una ricetta casalinga per controllare l’ipotensione si prepara con latte vaccino e ha ottimi risultati.

Ingredienti

  • 5 mandorle
  • 1 tazza di acqua (250 ml)
  • 1 tazza di latte (250 ml)

Preparazione

  • Lasciate le mandorle in ammollo nell’acqua per tutta la notte.
  • Il mattino seguente, eliminate l’acqua e la buccia delle mandorle.
  • Tritatele in un mortaio e mescolate la farina ottenuta con il latte caldo.
  • Bevete questa bevanda a digiuno varie volte alla settimana.

5. Legumi e cereali

Cereali

Tra gli alimenti per trattare l’ipotensione, ricordiamo quelli ricchi di vitamina B come i legumi (lenticchie, fave, fagioli) e i cereali (riso integrale, avena, miglio, orzo).

Una carenza di vitamina B può causare un abbassamento della pressione.

6. Succo di carote

Un bicchiere di succo di carote apporta vitamine e proteine e regola la pressione arteriosa. Conviene bere questo succo a digiuno.

Ingredienti

  • 2 carote
  • 2 cucchiai di miele (50 g)
  • ½ tazza di acqua (125 ml)

Preparazione

  • Sbucciate le carote e grattugiatele.
  • Mettetele nel frullatore insieme al miele e all’acqua.
  • Azionate il frullatore per qualche minuto. Bevete il succo appena fatto. A piacere, aggiungete qualche cubetto di ghiaccio.
Guarda anche