Alimenti senza glutine: buoni per tutti?

25 maggio 2018
Il glutine è presente in molti più alimenti di quanto crediamo, quindi dovremmo controllare il nostro grado di intolleranza

Negli ultimi anni è cresciuto il numero di persone che hanno deciso di eliminare il glutine dalla loro dieta, soprattutto i difensori dell’alimentazione naturale ed equilibrata. Al di là delle mode alimentari, i detrattori e i sostenitori degli alimenti senza glutine hanno argomenti validi a favore e contro questa sostanza presente in un gran numero di alimenti.

Il glutine è buono per tutti coloro che lo consumano? Le prove sembrano dimostrare che questo componente altamente proteico potrebbe essere dannoso per un determinato gruppo di persone.

Cos’è il glutine?

Il glutine è una sostanza proteica vegetale, presente soprattutto nel grano e in altri cereali.

Alcune persone ipotizzano che l’organismo dell’essere umano non sia ancora pronto per digerire e adattarsi adeguatamente a questa sostanza e al grano in generale. In ogni caso, è vero che alcuni soggetti non ne traggono alcun benefici, anzi il contrario.

È il caso specifico di persone che soffrono di celiachia, una malattia digestiva che consiste essenzialmente nell’intolleranza al glutine.

Leggete anche: Cracker ai semi senza glutine e senza lattosio

Come capire se si è celiaci?

Cos'è l'intolleranza al lattosio

Affaticamento, perdita ossea, dolori addominali e intolleranza al lattosio. Questi sono alcuni dei sintomi della celiachia.

Sebbene ben determinati, questi segnali sono molto generici e possiamo essere certi di avere la malattia solo attraverso esami medici.

Solo in Italia vengono diagnosticati circa 15000 casi all’anno. Il problema è che molti non presentano nemmeno i sintomi principali e la popolazione è scarsamente informata al riguardo.

Tuttavia, la cosa peggiore è che questa condizione non ha cura e può durare tutta la vita. Il miglior trattamento per questi pazienti è mantenere una rigorosa dieta priva di glutine.

Dieta senza grano

Non è sempre facile condurre una dieta senza grano, tra l’altro perché si trova in una serie di prodotti che consumiamo quotidianamente.

È il caso di alimenti come:

  • Pasta
  • Pane
  • Salse
  • Farina bianca
  • Cereali
  • Biscotti
  • Birra

L’ideale è rinunciare a tutti questi prodotti alimentari e compensare la dieta con altri facilmente tollerabili come:

  • Vegetali
  • Frutta
  • Verdure
  • Pollo
  • Riso

La sfida è essere in grado di apportare il cambiamento senza perdere i nutrienti necessari o dimagrire.

Va tenuto presente che ci sono molti prodotti commerciali che utilizzano il grano nella loro composizione.

Shopping al supermercato: alimenti senza glutine

E' possibile seguire una dieta senza glutine?

Va ricordato che il glutine viene utilizzato per aumentare i valori nutrizionali dei prodotti che non sono composti da grano e altri cereali. In questo senso, tutto inizia con le nostre abitudini di acquisto e consumo.

La regola d’oro è leggere gli ingredienti nelle confezioni. Per fortuna, la maggior parte dei paesi richiede alle aziende l’etichettatura “100% senza glutine”. L’acquirente dovrebbe solo leggere ed evitare i cibi con glutine.

Alcuni cibi, inoltre, non dovrebbero avere questo nutriente, ma spesso lo presentano. È il caso di:

  • Salsa di soia
  • Condimenti per insalata
  • Yogurt
  • Frutta secca
  • Insaccati
  • Alcuni piatti a base di pollo

Allo stesso modo, è necessario prestare particolare attenzione ai prodotti integrali in quanto, in generale, lo contengono.

Contaminazione crociata

Il proprio modo di cucinare viene modificato radicalmente a causa del rischio di contaminazione crociata.

Questo concetto si riferisce all’elevata probabilità di contaminare cibi senza glutine quando li cuciniamo con altri che contengono questa sostanza proteica.

Ad esempio, se friggiamo alcune melanzane o del pollo con olio precedentemente usato per friggere patate o pasticcini, alcuni resti del composto di grano potrebbero trasferirsi agli alimenti senza glutine.

Dovete anche prendere le giuste precauzioni durante i pasti di gruppo o in famiglia. Non tutte le persone seguiranno una routine nutrizionale così rigorosa.  

Leggete questo articolo: 5 segni che indicano che dovete eliminare il glutine dalla vostra dieta

Alcuni prodotti tollerabili

Avena

Alcuni alimenti sono a basso contenuto di glutine, come l’avena, e possono essere tollerati dai celiaci.

È importante essere cauti con i prodotti che potrebbero causare allergia. È anche conveniente fare una prova per verificare quelli che potremmo consumare occasionalmente.

Oltre alla celiachia, le persone affette da allergie, infiammazioni intestinali, diabete e malattie cardiache seguono diete con poco grano.

Non possiamo dire che il glutine sia un male a prescindere. Gran parte della popolazione mondiale non mostra reazioni avverse. Tuttavia, esiste una relazione visibile tra questa sostanza e alcuni quadri clinici negativi.

Guarda anche