Allarme virus Zika: 10 cose che dovete sapere

13 marzo 2016
Gli individui che corrono un rischio maggiore se colpiti dal virus Zika sono le donne incinte: il virus, infatti, può provocare malformazioni nel feto e microcefalia, quindi è fondamentale sottoporsi a controlli medici.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ci allerta sulla diffusione del virus Zika. Questo virus viene trasmesso dalla zanzara tigre (Aedes aegipty) e fino ad ora sono stati registrati casi già in 15 paesi americani.

La cosa più preoccupante è che, al giorno d’oggi e secondo quanto affermano le istituzioni della sanità, non esiste un trattamento specifico che ci permetta di curare gli effetti del virus Zika. Tuttavia, mediante una prevenzione adeguata e con le giuste informazioni è possibile proteggersi dal virus in modo corretto.

Secondo quanto affermano i medici, in generale il virus Zika causa eruzioni cutanee e febbre. Solamente le persone con un sistema immunitario debole possono correre il rischio di morte.

Il problema in realtà è molto più preoccupante quando il virus colpisce i bambini non ancora nati, ovvero i feti, causando loro gravi malformazioni.

Continuate a leggere l’articolo per saperne di più.

Che cos’è il virus Zika?

Il virus Zika è molto simile a quello del dengue o della febbre gialla. Il nome viene da una regione dell’Uganda, Zika appunto, dove si è scoperto che tale virus, fino a quel momento sconosciuto, colpiva le scimmie.

Era il 1947 e nel 2007 il virus fu trasmesso anche agli umani e arrivò a colpire 8000 persone in un’isola della Micronesia, in Oceania.

Per quanto riguarda la sintomatologia, sono state registrate eruzioni cutanee, dolore alle articolazioni o stanchezza.

Tuttavia, se nel 2007 il virus Zika è passato dall’Africa alla Micronesia, nel 2015 ha raggiunto il continente americano seminando il panico perché i neonati nascevano con microcefalia.

Virus-Zika-paesi

Vi consigliamo di scoprire anche quali sono i migliori repellenti per zanzare

Il virus Zika oggi è diverso

  • L’Istituto Pasteur della Guyana ha portato a termine una serie di studi sul virus Zika, analizzando l’agente patogeno che si è diffuso in gran parte dell’America.
  • In generale, anche se colpisce milioni di persone ogni anno, il virus Zika provoca la morte solo quando chi ne è affetto presenta altre malattie respiratorie, infettive, cardiopatie gravi o condizioni di debolezza.
  • L’aspetto più allarmante, come vi abbiamo già anticipato, è che il virus Zika colpisce i feti causando microcefalia.
  • Secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, tra il 2010 e il 2014 sono stati registrati in Brasile da 150 a 200 casi di microcefalia. Il dato allarmante risale al 2015: 3893 casi.
  • Il ceppo attuale del virus Zika appartiene al genotipo asiatico e non ha nulla a che vedere con quello che è comparso in Uganda, in Africa, per la prima volta.

Vale a dire che gli scienziati hanno già tracciato l’albero filogenetico del virus che ha colpito il continente americano. Quindi speriamo che si arrivi presto a un vaccino e a un trattamento.

Come si trasmette il virus Zika?

Febbre

La probabilità maggiore di contrarre il virus è attraverso la puntura della zanzara Aedes aegypti.

In questo caso non è sufficiente ricorrere a repellenti per zanzare o evitare fonti di umidità all’interno della casa, dove solitamente vengono attirate le zanzare. Bisogna tenere presente che attualmente il virus Zika può essere trasmesso anche in altri modi:

  • Per trasmissione sessuale (il virus rimane nello sperma per lungo tempo).
  • L’infezione può trasmettersi anche in modo perinatale, cioè dalla madre al feto, attraverso il sangue. Il virus, però, non viene trasmesso tramite l’allattamento al seno.

Vi consigliamo di leggere anche: Attenzione alle zecche: la malattia di Lyme e i suoi rischi

Sintomi del virus Zika

I sintomi del virus si manifestano dai 2 ai 7 giorni dopo la puntura della zanzara. Tuttavia, è importante sapere che solo una persona su quattro presenta la malattia.

La sintomatologia è la seguente:

  • Prurito e eruzioni cutanee. Per differenziare questo prurito da possibili allergie è il fatto di manifestare da un giorno all’altro congiuntivite, dolore muscolare intenso e anche un significativo malessere.
  • Le complicazioni neurologiche o autoimmuni non sono frequenti, ma sono state registrate in Brasile negli ultimi mesi.

Virus Zika e donne in gravidanza

Gravidanza

Come avrete intuito, l’allarme del virus Zika risiede nel numero sempre più preoccupante di neonati che nascono con microcefalia.

Così, il rischio più elevato lo corrono tutte quelle donne che sono attualmente incinte o desiderano avere un bambino oppure che risiedono nei paesi in cui sono già stati registrati casi di virus Zika.

Fino ad ora si contano i seguenti paesi:

Messico, Guatemala, El Salvador, Honduras, Haiti, Portorico, isola di Saint Martin, Guadalupa, Martinica, Barbados, Panama, Ecuador, Colombia, Venezuela, Guyana, Suriname, Guyana Francese, Brasile, Bolivia e Paraguay.

Il bollettino epidemiologico brasiliano è quello che presenta più casi di virus Zika e si sta già indagando sulla morte di 46 neonati nello stesso anno per capire se il decesso sia dovuto al virus Zika.

All’inizio del 2016, è stata registrata la morte per virus Zika del primo bambino negli Stati Uniti, quindi il problema non si arresta, ma continua a diffondersi.

Vi consigliamo di leggere anche: La gravidanza dopo i 35 anni

“Sono incinta, cosa posso fare?”

La raccomandazione al di fuori del continente americano è chiara e ovvia: se siete incinte, conviene evitare di viaggiare e visitare i paesi che abbiamo citato precedentemente.

Ma cosa succede alle donne in gravidanza che risiedono nel continente americano?

I medici invitano a prendere le seguenti precauzioni:

  • Coprire il corpo con indumenti adeguati per evitare di essere punte dall’insetto che trasmette il virus.
  • Usare repellenti per zanzare e insetti.
  • Evitare zone umide, anche in casa, quindi controllare tutte le zone dove possa accumularsi umidità e insetti. Dormire con una zanzariera sopra il letto.
  • La OMS consiglia a tutte le donne incinte o che vogliono avere un bambino di sottoporsi a controlli medici costanti e farsi dare tutte le informazioni utili.

Cause per cui il virus Zika causa malformazioni nei feti

Microcefalia

Come abbiamo già detto, il Brasile è il paese che ha registrato più casi di microcefalia nei neonati. Ed è proprio in Brasile che vengono condotte numerose ricerche per limitare le cause e trovare un possibile trattamento.

  • Il rischio di comparsa di microcefalia e di malformazioni nei feti è associato alla presenza di un’infezione causata dal virus Zika durante il primo trimestre della gravidanza.
  • La microcefalia è un disturbo poco frequente che ha origini genetiche o ambientali (agenti tossici o infettivi).
  • I bambini con microcefalia presentano una circonferenza del cranio più piccola del normale, il che ne ostacola lo sviluppo. Possono soffrire di convulsioni, avere difficoltà nel mangiare e anche correre il rischio di morire dopo pochi giorni dalla nascita.
  • Al giorno d’oggi non c’è un trattamento specifico per la microcefalia.

“Sono incinta, come posso sapere se il mio bambino presenta microcefalia?”

La microcefalia può essere diagnosticata prima della nascita del bambino attraverso un’ecografia prenatale. In questo caso, bisogna aspettare fino al terzo trimestre e la prova non è sempre affidabile.

Nella maggior parte dei casi, la diagnosi viene fatta proprio alla nascita. C’è da dire che la microcefalia si distingue in diversi tipi di gravità e ci sono bambini che, mediante il supporto adeguato, possono avere una vita più o meno lunga.

Tuttavia, quasi sempre la microcefalia è associata a un ritardo mentale.

Conclusioni

Medico

Attualmente l’allarme Zika interessa 18 paesi e i territori insulari dell’America Latina e potrebbe estendersi a 20 paesi.

Secondo le ultime notizie, il virus Zika ha quasi raggiunto la Giamaica e i Caraibi in generale. Le istituzioni sanitarie consigliano alle donne di posticipare le gravidanze il più possibile e di proteggersi dalle punture della zanzara in questione.

È importante sottoporsi a controlli medici regolari in caso di gravidanza già iniziata e seguire tutte le indicazioni e le raccomandazioni. Finora gli scienziati conoscono com’è il virus, come si trasmette e cosa provoca, quindi ci auguriamo che arrivi presti un vaccino.

Grazie alla prudenza, all’informazione e al sostegno dei professionisti riusciremo a superare il virus Zika.

Guarda anche