Anemia sideropenica nei bambini: utili informazioni

2 agosto 2018
Un basso apporto di ferro nella dieta o la sostituzione del latte materno con quello vaccino possono causare anemia sideropenica nei bambini. Scoprite come riconoscerla.

L’anemia sideropenica nei bambini è una condizione la cui origine è la carenza di ferro. Questo minerale è una parte essenziale dell’emoglobina, una proteina responsabile del trasporto di ossigeno nel sangue per il funzionamento ottimale dei tessuti del corpo.

La malattia è comune nei bambini di età compresa tra 6 mesi e 3 anni, soprattutto quando non seguono una corretta alimentazione. Tuttavia, colpisce anche i bambini più grandi ed è piuttosto frequente. Quali sono le sue cause e come si manifesta l’anemia sideropenica nei bambini?

Per risolvere queste domande, è essenziale affrontare gli aspetti più rilevanti della patologia. Vediamo dunque i principali fattori scatenanti e i sintomi che consentono di riconoscerla in modo tempestivo.

Perché l’anemia sideropenica colpisce i bambini?

Un basso assorbimento di ferro è la causa principale dell’anemia sideropenica nei bambini. Il corpo assorbe questo minerale attraverso il cibo e dai globuli rossi vecchi. Alcuni fattori legati alla malattia sono:

  • Una dieta povera in questo nutriente
  • Incapacità del corpo di assorbire il ferro
  • Perdita di sangue lenta e prolungata
  • Eccessivo consumo di latte vaccino (soprattutto quando sostituisce il latte materno)
  • Allergie alimentari
  • Intossicazione da piombo
Anemia da carenza di ferro

Sintomi dell’anemia sideropenica nei bambini

Nelle sue fasi iniziali la malattia è asintomatica, fattore che ne rende difficile la diagnosi e, dunque, il trattamento. Durante il suo decorso causa:

  • Colorazione bluastra o molto pallida della sclera degli occhi
  • Unghie fragili
  • Inappetenza o voglie di cibi insoliti
  • Debolezza e affaticamento prolungato
  • Mal di testa e vertigini
  • Irritabilità e sconforto
  • Difficoltà a respirare e tachicardia
  • Pelle pallida
  • Aumento di peso e gonfiore

Leggete anche: Come aumentare il numero dei globuli rossi in modo naturale

Diagnosi

Per diagnosticare l’anemia sideropenica nei bambini, il medico esegue una valutazione fisica e pone diverse domande. Viene prelevato un campione di sangue che viene analizzato presso un laboratorio di analisi. Questa analisi consente di sapere se i globuli rossi sono carenti di ferro.

Gli esami specifici che consentono di confermare la malattia sono:

  • Ematocrito: in grado di rilevare anemia e altri disturbi del sangue.
  • Ferritina sierica: rivela la quantità di ferro immagazzinata nel corpo.
  • Ferro sierico: mostra la quantità di questo elemento presente nel sangue.
  • Capacità totale di legame del ferro (CTFH): utilizzata per misurare la capacità di una proteina chiamata transferrina di trasportare ferro nel sangue.

Prevenzione dell’anemia sideropenica nei bambini

Esistono due misure basilari per prevenire questa patologia: controlli nutrizionali e medici. Tuttavia, i genitori svolgono un ruolo molto importante, in quanto garantiscono assistenza al bambino.

Alimenti ferro

Fornire una dieta appropriata

  • I bambini devono assumere, quando possibile, il latte materno fino a 6 mesi di età. Anche se alcuni lo ignorano, consente un migliore assorbimento del ferro ed è fondamentale per lo sviluppo del sistema immunitario.
  • Qualora non sia possibile, il latte scelto deve essere arricchito con ferro.
  • Dai 5 ai 6 mesi di età, più nutrienti possono essere forniti con frutta, verdura e carni magre.
  • Evitare di dare latte vaccino ai bambini prima dei 12 mesi.
  • Quando il bambino è più grande, una dieta equilibrata e varia può essere sufficiente per ottenere i valori di ferro corretti.

Consultare il pediatra

Qualsiasi manifestazione di anemia dovrebbe essere curata dal pediatra. Se il bambino presenta qualche fattore di rischio o precedenti, dovrebbe ricevere controlli medici costanti.

Trattamento dell’anemia sideropenica nei bambini

A causa della loro età e del processo di sviluppo, i bambini assorbono solo una piccola quantità del ferro che consumano. Per ottenerne la quantità necessaria (circa 8 o 10 mg al giorno), è importante aggiungere alla loro dieta alimenti che lo contengono.

Bambini mangiando verdura

  • Carni magre (pollo, tacchino, maiale)
  • Pesce e frutti di mare
  • Uova
  • Legumi (fagioli secchi, lenticchie, soia)
  • Fegato di manzo
  • Farina d’avena
  • Burro di arachidi
  • Frutta secca
  • Succo di prugna
  • Spinaci
  • Cereali integrali

Quando una sana alimentazione non riesce a regolare i livelli di ferro nel sangue, il medico suggerisce integratori per via orale. In nessun caso si devono somministrare integratori di ferro o vitamine senza la supervisione del pediatra.

Vi può interessare leggere: 8 consigli per condurre una dieta sana

Da tenere in considerazione!

Un mancato intervento può interferire con il processo di apprendimento e sviluppo del bambino. I bassi livelli di ferro riduce la capacità di attenzione e vigilanza. Intervenire tempestivamente è fondamentale.

Guarda anche