Apprendere durante il sonno: è una realtà possibile?

Tra qualche decennio forse avremo la possibilità di studiare durante il sonno. Secondo la ricerca, sono tre le aree che potrebbero sfruttare questo processo: le lingue, la musica e la memoria.
Apprendere durante il sonno: è una realtà possibile?

Ultimo aggiornamento: 25 maggio, 2022

Che bello sarebbe andare a letto la sera e svegliarsi al mattino bilingue o esperti in una certa materia! Perfetto per sostenere un esame all’università! Sebbene siano in aumento le ricerche sulla capacità del cervello di apprendere durante il sonno, la scienza non può ancora dire che sia possibile.

Vi sono, tuttavia, casi di persone che hanno migliorato alcuni aspetti del loro bagaglio di conoscenza “studiando” a riposo.

Scoprite di più in questo articolo!

Ora di dormire… e di imparare?

Il rituale da seguire per poter apprendere durante il sonno dovrebbe essere il seguente: spruzzare il cuscino con del profumo, indossare le cuffie con la lezione, spegnere le luci, chiudere gli occhi e dormire profondamente.

Questi semplici passaggi dovrebbero aiutarci a diventare virtuosi di uno strumento musicale, di uno sport o a parlare una lingua straniera.

È davvero così? La verità è che al risveglio non ricorderemo nulla di ciò che abbiamo sentito durante la notte.

Tuttavia, come indicano alcune ricerche, la performance sarà superiore a quella del giorno precedente. I risultati di questo rituale sono controversi.

Fino a pochi anni fa, gli scienziati rifiutavano completamente questa possibilità. Ma, nel tempo, hanno trovato alcune piste su come migliorare la memoria quando i nostri occhi sono chiusi o dormiamo.

La spiegazione è la seguente: di notte la mente elabora i dati che ha ricevuto e li consolida. Li salva in un cassetto a cui possiamo accedere semplicemente pensandoci.

Secondo uno studio condotto presso l’Università di Tubinga (Germania), il sonno ci aiuta a immagazzinare il materiale appreso durante il giorno. 

Ci permette di fissare i ricordi e di organizzarli, ed essere flessibili nell’applicare quella conoscenza quando ne abbiamo bisogno.

Cosa ci aspetta in futuro?

donna addormentata

I test in genere utilizzano un casco con elettrodi da sistemare sulla testa del volontario e che serve a misurare l’attività neurale. Le cuffie riproducono determinati suoni sincronizzati con le onde cerebrali.

Si stima che la tecnologia avanzerà notevolmente in questo campo. Tra qualche decennio, forse avremo la possibilità di studiare mentre dormiamo.

In che modo? Tenendo conto dei cicli del sonno poiché, a seconda della fase in cui ci troviamo, il cervello può o meno “assorbire” le informazioni.

Non esistono ancora molte prove a sostegno di questi programmi, sebbene gli scienziati siano ottimisti al riguardo, certi di essere ad un passo dallo scoprire il potenziatore cognitivo.

Cosa possiamo apprendere durante il sonno?

Imparare durante il sonno.

Chi ha letto il romanzo di fantascienza Brave New World, di Aldous Huxley, ricorderà l’immagine dei bambini che apprendevano durante il sonno. Grazie alla ripetizione di frasi o concetti, questi dati venivano registrati nella memoria. Ad esempio, un personaggio imparava l’inglese ascoltando le commedie di George B. Shaw. Avevo solo bisogno di 100 ripetizioni 3 volte a settimana per 4 anni.

Sembra un bel po’ di tempo?

Il punto di questa storia distopica è che, sebbene i bambini apprendessero molte nozioni, queste non erano parte della loro vera conoscenza. I bambini si limitavano a ripetere come pappagalli.

Lasciamo da parte la finzione, e ritorniamo alla vita reale. Sembra che ci siano tre aree o argomenti che potremmo apprendere durante il sonno, grazie alle ripetizioni notturne.

1. Lingue

Bella ragazza addormentata.

Che bella notizia! Soprattutto per chi sogna di diventare poliglotta. Ascoltare un audio in lingua straniera mentre svolgiamo un’altra attività (non solo dormire, ma anche preparare la cena, fare sport, guidare, ecc.) può aiutarci a memorizzare parole o frasi.

Alcuni studi affermano che gli stimoli che il cervello riceve durante il sonno possono aiutare a consolidare quanto appreso durante la giornata.

Per questo motivo, una buona idea è, una volta tornati a casa dalla lezione di inglese, francese o giapponese (per fare qualche esempio) riascoltare la lezione. Se lo facciamo mentre riposiamo, tanto meglio.

Ma c’è dell’altro. Se udiamo una parola nella lingua che stiamo apprendendo e il giorno la sentiamo all’interno di una frase, ci sarà più facile riconoscerla (anche se potremmo non conoscerne il significato).

I segnali verbali ascoltati nella fase non REM attivano la memoria associata e quindi aiutano a “ricordare” in seguito.

2. Musica

Ci si può alzare la mattina e scoprire di essere ottimi pianisti? Beh, non è così semplice. Ma forse qualcosa migliorerà durante la lezione di pianoforte.

La musica non è solo collegata alla mente, ma anche ai sensi e quindi ascoltarla di notte potrebbe aiutarci a ricordare in seguito accordi o toni.

Una ricerca assicura che i partecipanti che durante il sonno hanno ascoltato una canzone suonata nel gioco Guitar Hero sono stati successivamente in grado di riprodurre il tema in modo più accurato.

3. Memoria

Sebbene questa non sia una materia scolastica o universitaria, è un’area che vale la pena rafforzare e migliorare.

La riattivazione delle informazioni che abbiamo appreso di recente e il successivo consolidamento dei concetti possono essere “manipolati”. O, meglio, “esercitati”.

Alcuni studenti, ad esempio, hanno l’abitudine di registrare la lezione e poi riascoltarla quando dormono. Ciò non significa che al mattino sosterranno un esame perfetto. Ma sarà più facile per loro studiare o capire la lezione.

Potrebbe interessarti ...
Perdita di memoria: quando dobbiamo preoccuparci?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Perdita di memoria: quando dobbiamo preoccuparci?

Una perdita di memoria occasionale è normale, ma causa anche preoccupazione in molte persone, soprattutto se anziane. Vediamo le varie cause.



  • Universitaet Tübingen. (2013, February 26). Sleep reinforces learning: Children’s brains transform subconsciously learned material into active knowledge. ScienceDaily. Retrieved December 13, 2018 from www.sciencedaily.com/releases/2013/02/130226081155.htm
  • Beth Israel Deaconess Medical Center. (2005, June 29). Study Shows How Sleep Improves Memory. ScienceDaily. Retrieved December 15, 2018 from www.sciencedaily.com/releases/2005/06/050629070337.htm
  • Schreiner, T., & Rasch, B. (2015). Boosting vocabulary learning by verbal cueing during sleep. Cerebral Cortex25(11), 4169–4179. https://doi.org/10.1093/cercor/bhu139
  • American Academy of Sleep Medicine. (2010, June 10). Sleep may help you become a ‘Guitar Hero’. ScienceDaily. Retrieved December 11, 2018 from www.sciencedaily.com/releases/2010/06/100609083217.htm