Come arrestare subito le emicranie

3 novembre 2016
Questi rimedi possono essere anche molto efficaci per prevenire la comparsa di emicranie, oltre che per alleviarne i sintomi nel caso in cui se ne soffra già.

Le emicranie rappresentano un disturbo molto comune che, a differenza del mal di testa, si produce in modo intenso e continuo.

C’è chi durante le prime fasi avverte sintomi come il popolare “cerchio alla testa”, che include difficoltà nella vista e palpitazioni su uno dei lati della testa.

L’emicrania può colpire a qualsiasi età ed entrambi i sessi, ma il rischio è certamente maggiore per le donne al di sopra dei 45 anni.

Le emicranie sono state definite come un’anormale risposta cerebrale a stimoli quali l’astinenza da caffeina, sigarette e varie sostanze eccitanti.

In alcuni casi, inoltre, possono essere accompagnate da nausee, vomito e difficoltà nella realizzazione delle attività quotidiane.

Fino a questo momento, il loro trattamento farmacologico ha incluso analgesici ed antinfiammatori. Tuttavia, alcuni di essi non sono del tutto efficaci e possono anzi causare effetti negativi.

Per fortuna esistono anche soluzioni naturali le cui proprietà mitigano questi sintomi e ne accelerano il recupero.

In questo articolo vogliamo rivelarvi quali sono le più efficaci affinché le possiate provare in casa.

Prendete appunti!

Infuso di camomilla per alleviare le emicranie

camomilla

La camomilla è una pianta dalle proprietà rilassanti ed antinfiammatorie che può ridurre il dolore pulsante causato dalle emicranie. 

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di fiori di camomilla (10 gr)
  • 1 tazza d’acqua (250 ml)

Come si prepara?

  • Fate bollire la tazza d’acqua e aggiungete i fiori di camomilla.
  • Ritirate dal fuoco e fate riposare per circa 10 minuti.
  • Filtrate l’infuso e assumetelo fino a tre volte al giorno.

Leggete anche Camomilla: trattamento naturale per le emorroidi

Aceto di mele

L’aceto di mele è una grande soluzione contro le emicranie causate da stress e tensione muscolare.

Contiene sostanze antiossidanti e minerali essenziali che attivano la circolazione ed esercitano un effetto calmante.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di aceto di mele (10 ml)
  • 1 bicchiere d’acqua (200 ml)

Come si prepara?

  • Diluite un cucchiaio di aceto di mele in un bicchiere d’acqua e bevetelo di fronte al primo segnale di emicrania.
  • Non assumetene più di due bicchieri al giorno.

Sale rosa dell’Himalaya

sale-dellhimalaya

Il sale rosa dell’Himalaya contiene 84 minerali essenziali e viene soprannominato “oro bianco”. Riequilibra i livelli di elettroliti e rivitalizza l’organismo di fronte alla stanchezza.

La sua combinazione con un po’ di succo di limone genera un rimedio millenario che contrasta in poco tempo i sintomi dell’emicrania.

Anche se ancora mancano le prove scientifiche che lo dimostrino, chi ha provato tale rimedio assicura di avvertire sollievo dopo i primi 10 minuti.

Ingredienti

  • 1 bicchiere d’acqua (200 ml)
  • Il succo di ½ limone
  • 1 cucchiaino di sale rosa dell’Himalaya (5 gr)

Come si prepara?

  • Mettete il sale rosa dell’Himalaya in un bicchiere d’acqua e aggiungete il succo di mezzo limone.
  • Assumetelo a sorsi al primo segnale di dolore.
  • Come rimedio preventivo potete assumerlo a digiuno, tre volte alla settimana.
  • Bevetelo solo una volta al giorno perché l’eccesso di sale può risultare dannoso.

Infuso di zenzero

La radice di zenzero contiene un principio attivo chiamato gingerolo che, oltre a conferire alla radice il suo particolare sapore, agisce come antinfiammatorio ed analgesico naturale.

Tali effetti aiutano a dare sollievo alle comuni cefalee, alle emicranie e ad altri tipi di dolori derivati dall’infiammazione.

Ingredienti

  • 2 cucchiai di radice di zenzero grattugiata (20 gr)
  • 1 tazza d’acqua (250 ml)
  • Il succo di ½ limone
  • 1 cucchiaio di miele (25 gr) (opzionale)

Come si prepara?

  • Aggiungete la radice di zenzero ad un tazza di acqua bollente e lasciatela riposare.
  • Prima di bere l’infuso, aggiungete il succo di mezzo limone e il miele per addolcire.
  • Assumetelo a sorsi, preferibilmente prima che il dolore aumenti di intensità.

Vi consigliamo di leggere: Benefici dello zenzero per le donne

Tè alla calendula

tintura-madre-di-calendula-per-combattere-unghie-incarnite

La calendula è una prodigiosa pianta antinfiammatoria molto utilizzata sin dall’antichità per trovare sollievo a vari tipi di dolori e malattie.

Possiede un effetto sedante che mantiene sotto controllo il dolore e la stanchezza causate dalle emicranie.

Ingredienti

  • 3 cucchiai di calendula secca (30 gr)
  • 1 tazza d’acqua (250 ml)

Come si prepara?

  • Collocate la calendula in una pentola con acqua e lasciatela bollire per circa tre minuti.
  • Trascorso questo tempo, ritirate dal fuoco e lasciate riposare l’infuso per qualche minuto.
  • Filtrate il liquido e assumetelo fino a due volte al giorno.
  • Non si consiglia di assumerlo se si è allergici alle margherite, ai crisantemi o a qualunque altra pianta appartenente alla famiglia delle asteracee.
  • Non bisogna assumerlo nemmeno nel caso in cui si segua qualche trattamento farmacologico.

Scegliete uno di questi rimedi e assumetelo seguendo le indicazioni date. Non assumetene vari allo stesso tempo perché potrebbe provocare reazioni indesiderate.

Se il dolore persiste e aumenta, consultate subito un medico.

Guarda anche