Attacchi di rabbia e come gestirli?

La maggior parte di noi prova rabbia o frustrazione. La difficoltà sorge quando queste emozioni sfuggono al controllo ed esplodono in modo sproporzionato.
Attacchi di rabbia e come gestirli?

Ultimo aggiornamento: 01 agosto, 2021

Gli attacchi di rabbia sono l’espressione più visibile di ira e frustrazione. Possono rappresentare un problema nella convivenza, poiché generano sofferenza alla persona che li vive e in chi le ha accanto.

Tutte le persone possono provare rabbia. È un’emozione universale innata e, come catalogato dallo psicologo Paul Ekman, è una delle sei emozioni di base.

Il problema appare quando si prova rabbia in modo molto intenso e la canalizzano perdendo il controllo. Vediamo in cosa consistono esattamente gli attacchi di rabbia e alcune strategie per gestirli al meglio.

Cosa sono gli attacchi di rabbia?

Gli attacchi di rabbia sono scatti di ira in cui la persona reagisce in modo spropositato all’emozione di rabbia provata. Sono caratterizzati da insorgenza improvvisa, perdita del controllo degli impulsi e violenta espressione di emozioni.

Questa violenza può essere espressa verbalmente, con urla e insulti, sebbene in molte occasioni si manifesti anche colpendo oggetti, rompendoli o aggredendo il fisico di un animale o di una persona.

Gli attacchi di rabbia sono classificati nel Manuale diagnostico e statistico delle malattie mentali (DSM-V) come disturbo esplosivo intermittente. Per soddisfare i criteri diagnostici, devono essere presenti i seguenti sintomi:

  • Scatti di ira ricorrenti che manifestano una mancanza di controllo degli impulsi aggressivi. Ciò include attacchi sia verbali che fisici a oggetti, animali o persone.
  • La reazione è abbastanza sproporzionata.
  • Gli attacchi di rabbia non sono premeditati.
  • Gli scoppi provocano un notevole disagio nella persona e influenzano le sue prestazioni lavorative, i suoi rapporti con gli altri o c’è qualche tipo di conseguenza legale o economica.
  • Il soggetto ha più di sei anni.
  • Gli attacchi di rabbia ricorrenti non sono il risultato di un altro disturbo mentale, non possono essere attribuiti a un’altra condizione medica o sono la conseguenza dell’uso di sostanze.
Uomo arrabbiato.
La rabbia è una delle emozioni fondamentali, ma se sfugge al controllo ha gravi conseguenze.

Cause di attacchi di rabbia

Secondo il DSM-V, le persone che hanno subito traumi emotivi nella loro infanzia o adolescenza sono maggiormente a rischio di avere esplosioni di rabbia.

Il disturbo esplosivo intermittente è anche più comune tra i parenti di primo grado di persone con esplosioni di rabbia. In effetti, studi sui gemelli hanno mostrato una marcata influenza della genetica sull’aspetto della condizione.

Né possiamo dimenticare che l’espressione sproporzionata della rabbia è presente in molti disturbi mentali, come la schizofrenia o la depressione (Muscatello e Scudellari 2000 cit. In Painuly et al 2005).

Allo stesso modo, può comparire in diversi tipi di demenza, come l’Alzheimer, alcuni disturbi della personalità o in situazioni legate all’uso di sostanze, come la sindrome da astinenza.

Perché le persone reagiscono in modo esplosivo?

Oltre alle cause citate, il denominatore comune di tutti gli attacchi di rabbia è che la persona che li vive percepisce la situazione come un’offesa umiliante. Sente davvero un attacco alla sua persona o ai suoi cari, dunque reagisce in modo sproporzionato.

Il fattore di stress può essere qualcosa che offende la vostra ideologia, i vostri valori, il vostro modo di agire, il vostro lavoro, la vostra famiglia o persino la vostra squadra di calcio.

Se la persona lo percepisce come offensivo e sta attraversando un momento in cui la sua gestione delle emozioni è inadeguata, l’attacco di rabbia può manifestarsi in qualsiasi momento.

Strategie per gestire gli attacchi di rabbia

Le persone con disturbo esplosivo intermittente non sono condannate a sperimentarlo in modo permanente. La psicologia offre molti strumenti che possono essere utili quando si tratta di controllare gli impulsi. Alcuni dei più comuni sono i seguenti:

  • Meditazione e consapevolezza: praticare queste tecniche può aiutare a prendere le distanze dai pensieri più distorti.
  • Tecniche di rilassamento: strumenti come il rilassamento progressivo di Jacobson possono essere tecniche efficaci per far apprendere alla persona a gestire al meglio tutta la parte fisiologica che si attiva in un attacco di rabbia.
  • Esercizio fisico: l’attività fisica aiuta in modo molto significativo a rilasciare lo stress. Inoltre, aumenta il livello di trasmettitori come la dopamina e la serotonina, che promuovono il benessere emotivo.
  • Formazione sulle abilità sociali: migliorare l’assertività è una delle strategie più efficaci. Ciò consentirà di comunicare in modo più appropriato nelle situazioni in cui compaiono attacchi di rabbia.
  • Ristrutturazione cognitiva: i pensieri distorti sono, in molti casi, il grande innesco che genera la reazione esplosiva. Imparare a rilevarli e sostituirli con pensieri più funzionali può essere un grande cambiamento nella vita.
  • Intelligenza emotiva: le persone con attacchi di rabbia non gestiscono bene le proprie emozioni. La conoscenza di sé è un altro strumento per aumentare il benessere. In questo, la persona imparerà a riconoscere le proprie emozioni, ad accettarle e lasciarle andare.
Lite tra uomini.
Gli attacchi di rabbia nell’ambiente di lavoro sono difficili da gestire anche per dipendenti e capi.

Se non sappiamo come gestire la propria rabbia, chiedete aiuto

All’inizio gli scoppi di rabbia non sono facili da gestire. Le persone pensano che sia l’unico modo per esprimere la propria rabbia. Per quanto provino a controllarsi, esplodono come una pentola a pressione.

Ciò provoca molta frustrazione nella persona e, nella maggior parte dei casi, un profondo rimpianto in seguito. A nessuno piace perdere il controllo.

Se voi o qualcuno vicino a voi soffre, non esitate a consultare uno specialista della salute mentale. Come vi abbiamo detto in tutto il testo, è possibile imparare a gestire la rabbia in un modo molto più appropriato.

Potrebbe interessarti ...
Semplici trucchi per imparare a controllare la rabbia
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Semplici trucchi per imparare a controllare la rabbia

Tutti noi siamo soliti provare sentimenti di ira a causa di situazioni spiacevoli. Per controllare la rabbia è necessario agire con intelligenza em...



  • American Psychiatric Association (2018). Manual Diagnóstico y Estadístico de los Trastornos Mentales (DSM-5), 5ª Ed. Madrid: Editorial Médica Panamericana.
  • Ekman, P. (1992). Are there basic emotions? Psychological Review, 99(3), 550–553. [fecha de consulta 30 de enero de 2021]. Recuperado de: https://psycnet.apa.org/record/1992-41830-001
  • Ellis, A. y Trafate, R.C. (2013). Controle su ira antes de que ella le controle a usted. Barcelona: Paidós.
  • López, B., Rodríguez, E., Vázquez, F. y Alcázar, R. J. (2012). Intervención cognitivo conductual para el manejo de la ira. Revista Mexicana de Psicología, 29(1), 97-103. [fecha de consulta 30 de enero de 2021]. Recuperado de: https://www.redalyc.org/pdf/2430/243030189009.pdf
  • Painuly, N., Sharan. P y Mattoo, S.K. (2005). Relación de la ira y los ataques de ira con la depresión. Revista de toxicomanías, 45, 11-18. [fecha de consulta 30 de enero de 2021]. Recuperado de: http://diverrisa.es/web/uploads/documentos/optimismo/LA%20IRA.pdf
  • Roca, E. (2003). Cómo mejorar tus habilidades sociales, programa de asertividad, autoestima e inteligencia emocional. Valencia: ACDE. [fecha de consulta 30 de enero de 2021]. Recuperado de: https://www.cop.es/colegiados/PV00520/pdf/Habilidades%20sociales-Dale%20una%20mirada.pdf
  • Zapata, J.P. y Palacio, J.D. (2016). Trastorno explosivo intermitente: un diagnóstico controversial. Revista colombiana de psiquiatría, 45(3), 214-223. [fecha de consulta 30 de enero de 2021]. Recuperado de: http://www.scielo.org.co/pdf/rcp/v45n3/v45n3a10.pdf