Primi sintomi di demenza: come riconoscerli?

Fare esercizio fisico tutti i giorni, dormire bene, coltivare l'autostima e seguire una dieta equilibrata sono abitudini che proteggono la salute e aiutano a prevenire la demenza. 
Primi sintomi di demenza: come riconoscerli?

Ultimo aggiornamento: 16 febbraio, 2021

Sono in molti a chiedersi quali siano i primi sintomi di demenza, malattia neurodegenerativa legata all’età. In realtà, “demenza” è un termine generico utilizzato per descrivere difficoltà di ragionamento, memoria e l’attività cognitiva generale come risultato del naturale declino legato all’età.

Alcuni segni possono essere significativi, per altri invece non è il caso di correre dallo specialista. Non abbiamo tutti le stesse capacità o abilità, e queste non sono sempre costanti.

L’umore, inoltre, occupa un posto di rilievo. Per esempio, provare una sensazione di confusione mentale può essere semplicemente conseguenza di un periodo di stress o di maggiore nervosismo.

Primi sintomi di demenza

Partendo dal principio che ogni persona rappresenta un caso a sé, è possibile riconoscere i primi sintomi di demenza. Li presentiamo nelle righe che seguono.

Cinque sensi

  • Riduzione o perdita totale dell’olfatto: è di solito tra i primi sintomi di demenza, più precisamente dell’Alzheimer e del Parkinson.
  • Abbassamento della vista. Le informazioni visive diventano difficili da gestire, per esempio si riduce la capacità di calcolare le distanze o di avvertire le differenze tra colori. Diminuisce anche la capacità di lettura e di comprensione dei testi.
Donna con mano sulla fronte.

Difficoltà nelle attività quotidiane

  • Difficoltà a parlare o scrivere. La persona con primi sintomi di demenza comincia ad avere problemi ad avviare una conversazione o a prenderne parte. Dimentica quello che sta dicendo, non ricorda parole semplici, la sua grammatica peggiora. Nello scritto commette più errori di ortografia: le parole diventano più difficili da leggere e capire.
  • Perdere gli oggetti. Un sintomo tipico è non ricordare dove si sono lasciati oggetti di uso quotidiano (le chiavi, il telecomando, il portamonete, ecc. ).
  • Difficoltà a eseguire azioni quotidiane o lavori domestici. In alcuni casi si perde la capacità di portare a termine compiti semplici come preparare il tè, accendere il televisore, usare il computer o andare a casa di un parente.
  • Lentezza nel prendere una decisione, ad esempio decidere un itinerario o una ricetta di cucina. Analoghe difficoltà si incontrano al momento di seguire le istruzioni contenute nella ricetta o quando si tratta di seguire un percorso durante la guida.
  • Vuoti di memoria. Difficoltà a ricordare informazioni apprese di recente quali date, nomi o luoghi visitati. Dimenticare l’appuntamento dal medico o di appuntarlo.
  • Disorientamento e perdita della nozione del tempo. Tendenza a perdere l’orientamento anche nei luoghi familiari o persino a dimenticare il motivo per cui ci si trova in un luogo. Difficoltà a considerare il passare del tempo, a distinguere il passato dal futuro, a ricordare date importanti.

Primi sintomi di demenza nella sfera personale

  • Cambiamenti nel carattere o nell’umore. Uno dei primi sintomi di demenza è il cambiamento ingiustificato di umore. All’improvviso si diventa molto ansiosi, irascibili, paurosi o depressi. O, al contrario, si possono mettere in atto condotte inappropriate o disinibite.
  • Tendenza all’isolamento. Sentirsi più timorosi o vulnerabili porta alla perdita di interesse nelle relazioni sociali o a non prestare attenzione a quanto viene detto dagli altri. Di conseguenza, aumenta la propensione a fare vita ritirata, con tendenza alla malinconia. I quadri depressivi sono un preludio dell’Alzheimer.
Ragazzo depresso seduto in una stanza senza luce.

  • Trascurare l’igiene personale. Le persone con principio di demenza possono mostrare una maggiore difficoltà a prendere decisioni giudiziose e di buon senso. Ad esempio, nel fare la spesa tenderanno a comprare oggetti inutili, stravaganti o eccessivi. D’altra parte, possono trascurare l’igiene personale e il decoro, fatto che ostacola le relazioni.

Le abitudini che aiutano il cervello a restare giovane

Il cervello non invecchia come il resto del corpo. Non gli spuntano i capelli bianchi o le rughe, ma con il trascorrere degli anni alcune capacità mentali rallentano.

Per esempio, riduce la memoria a breve termine (quella che ci permette, tra le altre cose, di tenere a mente per un po’ un numero di telefono). Possiamo aiutare il cervello a rimanere giovane con semplici abitudini:

  • Fare esercizio fisico moderato, preferibilmente aerobico e all’aria aperta; stare a contatto con la natura, respirare bene, prendere ossigeno con una serie di respiri profondi. Ossigenare il cervello è fondamentale.
  • Mantenere una vita sociale attiva, anche virtuale. Studi come quello pubblicato nel 2006 sulla rivista Neurology attribuiscono ai social network un effetto preventivo sulla demenza.
  • Dormire bene, tra le 7  e le 9 ore. Sono salutari anche i pisolini, tra le 13 e le 16, da un minimo di mezz’ora a un massimo di un’ora e mezza.
  • Mangiare sano. Alcuni cibi, come lo zucchero raffinato, gli alimenti processati, le farine industriali, i grassi saturi e l’alcol contribuiscono allo sviluppo della demenza.
  • Coltivare l’autostima. Le relazioni sociali partono dal rapporto che abbiamo con noi stessi. Guardarsi con affetto, orgoglio, stima, coccolarsi, prendersi cura del proprio aspetto fisico o passare del tempo ad ascoltare il proprio corpo aiuta a sentirsi più giovani.
Ragazza con occhi chiusi seduta alla finestra.

Non esistono due cervelli che invecchiano allo stesso modo. Le abitudini che abbiamo appena elencato, tuttavia, consentono a tutti di mantenere giovane il cervello.

L’importanza di una diagnosi precoce

Individuare i sintomi elencati (prima che peggiorino) rende più efficace ogni eventuale trattamento. Prenotare una visita dallo specialista,nel caso in cui questi segni siano ricorrenti o peggiorino, aiuta a prevenire il declino cognitivo.

Potrebbe interessarti ...
Ridurre il rischio di demenza con alcune buone abitudini
Vivere più saniLeggilo in Vivere più sani
Ridurre il rischio di demenza con alcune buone abitudini

Per ridurre il rischio di demenza, è fondamentale mantenersi attivi, a livello fisico e mentale, in modo da stimolare la circolazione e le connessioni neurali. Sapevate che anche l'interazione sociale può essere di aiuto?



  • Marín, R. (2018). Dale vida a tu cerebro. Roca Editorial.
  • Marin, R., Fabelo, N., Martín, V., Garcia-Esparcia, P., Ferrer, I., Quinto-Alemany, D., & Díaz, M. (2017). Anomalies occurring in lipid profiles and protein distribution in frontal cortex lipid rafts in dementia with Lewy bodies disclose neurochemical traits partially shared by Alzheimer’s and Parkinson’s diseases. Neurobiology of aging, 49, 52-59.
  • Adams, D. R., Kern, D. W., Wroblewski, K. E., McClintock, M. K., Dale, W., & Pinto, J. M. (2018). Olfactory dysfunction predicts subsequent dementia in older US adults. Journal of the American Geriatrics Society, 66(1), 140-144.
  • Fischer, M. E., Cruickshanks, K. J., Schubert, C. R., Pinto, A. A., Carlsson, C. M., Klein, B. E., … & Tweed, T. S. (2016). Age‐related sensory impairments and risk of cognitive impairment. Journal of the American Geriatrics Society, 64(10), 1981-1987.
  • Demencia – Síntomas y causas – Mayo Clinic. (2019). Retrieved 5 July 2020, from https://www.mayoclinic.org/es-es/diseases-conditions/dementia/symptoms-causes/syc-20352013
  • Demencia: MedlinePlus enciclopedia médica. (2020). Retrieved 5 July 2020, from https://medlineplus.gov/spanish/ency/article/000739.htm
  • MedlinePlus. (2020). Deterioro del sentido del olfato: MedlinePlus enciclopedia médica. Retrieved 5 July 2020, from https://medlineplus.gov/spanish/ency/article/003052.htm
  • Ploughman, M. (2008). Exercise is brain food: the effects of physical activity on cognitive function. Developmental neurorehabilitation, 11(3), 236-240.
  • Bennett, D. A., Schneider, J. A., Tang, Y., Arnold, S. E., & Wilson, R. S. (2006). The effect of social networks on the relation between Alzheimer’s disease pathology and level of cognitive function in old people: a longitudinal cohort study. The Lancet Neurology, 5(5), 406-412.