Aumentare la fertilità maschile: abitudini corrette

· 26 luglio 2018
Gli antiossidanti migliorano la qualità degli spermatozoi e la loro motilità. Alcuni alimenti ricchi di vitamine sono eccellenti per aumentare la fertilità maschile. Ne parliamo a seguire.

In alcuni casi risulta necessario aumentare la fertilità maschile. L’apparato riproduttivo maschile è composto dai testicoli, che si fanno carico di produrre lo sperma e rilasciare le cellule riproduttrici degli uomini, gli spermatozoi.

Dopo essere stati rilasciati dai testicoli, gli spermatozoi possono permanere nell’epididimo (tubo a spirale) fino a 12 giorni. In questo periodo, maturano e acquisiscono motilità. Tuttavia, solo il 10% dell’eiaculazione contiene lo sperma, il restante 90% è composto dal fluido delle vescicole seminali e dalle secrezioni della prostata. La qualità degli spermatozoi è molto importante affinché avvenga la fecondazione.

Per aumentare la fertilità maschile, bisogna rivedere alcune abitudini quotidiane. 

Cause dell’infertilità

  • Disturbi ormonali: si producono quando vi è una diminuzione delle gonadotropine, gli ormoni rilasciati dall’ipofisi.
  • Anomalie cromosomiche: il paziente presenta testicoli piccoli, ingrossamento dei seni e testosterone basso.
  • Criptorchidismo: prima della nascita i testicoli non scendono nel sacco scrotale, che si trova sotto il pene.
  • Disturbi vascolari: le alte temperature provocate dal reflusso venoso alterano la qualità dello sperma.
  • Infezioni: infiammazione ai testicoli.

Vedere anche: Come aumentare la fertilità femminile

Come migliorare la qualità dello sperma?

Spermatozoi che vanno verso ovulo

Si realizza una diagnosi medica e, in base alle caratteristiche dello sperma, si consigliano aiuti ormonali e antiossidanti per migliorare la qualità degli spermatozoi e la loro motilità.

Tuttavia, esistono anche degli antiossidanti naturali; in altre parole, una dieta ricca di verdura, frutta e pesce.

Consigli per aumentare la fertilità maschile

  • Fate sport di frequente, poiché l’obesità è un fattore di rischio per quanto riguarda la qualità degli spermatozoi.
  • L’alimentazione è un fattore chiave per ottenere antiossidanti, presenti soprattutto in frutta e verdura. Si consiglia di ingerirne cinque porzioni al giorno.
  • L’assenza di calcio provoca malattie come l’osteoporosi e il diabete, e diminuisce anche la fertilità.
  • Bassi livelli di zinco riducono la produzione di testosterone. Occorre consumare carne, pesce, frutti di mare e uova.
  • L’acido folico migliora la qualità dello sperma. È presente nei legumi, nei cereali integrali e nelle verdure a foglie verdi.
  • Evitare di fare bagni caldi o di mettere oggetti caldi vicino all’area genitale, perché il calore uccide gli spermatozoi.
  • Le bevande alcoliche e il fumo deteriorano la longevità dello sperma.
  • Evitare le situazioni stressanti perché la pressione quotidiana riduce i livelli di testosterone.
  • Praticate il coito in modo frequente.

A seguire presentiamo la lista degli alimenti particolarmente consigliati per aumentare la fertilità maschile.

Noci

Noci di macadamia

Le noci hanno un posto di rilievo fra la frutta secca per via del loro alto contenuto di antiossidanti. Sono 15 volte più potenti della vitamina E. Inoltre, apportano omega 3 e acido alfa-linolenico.

Si consiglia l’ingestione di 75 g di noci al giorno per ricevere i nutrienti necessari e migliorare la qualità degli spermatozoi.

Pesce azzurro

In questa categoria rientrano il tonno, il salmone e le sardine. Sono ricchi di acidi grassi, omega 3 e omega 6. Inoltre, il pesce azzurro contiene vitamine liposolubili che rafforzano le difese immunitarie, regolano gli ormoni e i livelli di vitamina E che funge da antiossidante.

Carciofi

Carciofi

I carciofi contengono antiossidanti come le vitamine B, C e K. Sono ricchi di sostanze quali la silimarina, l’acido caffeico e l’acido ferulico che proteggono l’organismo dai radicali liberi. Queste proprietà conferiscono essi un potere antinfiammatorio, antiallergico e antivirale.

È importante che il paziente segua una dieta ricca di fibre e povera di grassi e zuccheri.

Vi consigliamo: I carciofi: potenti “distruttori” di tossine 

Arachidi

Le arachidi contengono una grande quantità di proteine e grassi monoinsaturi che abbassano i livelli di colesterolo. Ma offrono anche molti antiossidanti.

Questa pianta oleaginosa apporta la metà delle 12 vitamine di cui ha bisogno il corpo, come la vitamina E, B2, B3. Si consiglia di ingerirne 50 g tutti i giorni.

Vitamine A, C, D ed E

Eliminare la tossicità con la vitamina D

  • Vitamina A: regola gli ormoni sessuali. Si trova in carote, zucca, melone, mango, fegato di manzo.
  • Vitamina C: migliora la motilità degli spermatozoi. Consumate peperoni, broccoli, cavolfiore, ananas.
  • Vitamina D: aumenta la capacità sessuale. Mangiate uova, formaggio, baccalà.
  • Vitamina E: mantiene in salute l’apparato riproduttivo. Vi consigliamo di aumentare l’ingestione di avocado, spinaci, cereali integrali.

Dunque, da dove volete iniziare?

Guarda anche