Sono le nostre azioni a renderci persone migliori

Dobbiamo essere coerenti e fare in modo che le nostre azioni corrispondano alle nostre idee. A sua volta, il rispetto per le persone che sostengono un'opinione è fondamentale per mantenere un giusto equilibrio

Le parole più nobili si trasformano in falsità se non riflettono le nostre azioni, se non sono autentiche dimostrazioni dei nostri pensieri.  

Viviamo in una società che ci abitua a predicare grandi valori: essere solidari, rispettosi, aiutare chi ne ha bisogno, sostenere socialmente qualsiasi forma di abuso.

Tuttavia, nella vita di tutti i giorni, così come sui social network ed in televisione, niente di tutto questo sembra compiersi.
È come se una buona parte di noi difendesse certe credenze a voce alta, ma poi agisse in modo molto più freddo e calcolato.

Oggi, nel nostro spazio, vi invitiamo a riflettere su questo.  

La funzione delle credenze nell’essere umano

Agite in conformità con ciò che predicate e, soprattutto, fate in modo che le vostre idee vi rendano persone migliori, mettendole in pratica.

In un certo modo, la maggior parte di noi valorizza gli atteggiamenti basati sulla nobiltà e sul rispetto, anche se il principale problema risiede nei limiti esistenti: il nostro tornaconto personale e il nostro benessere.

È una cosa complessa, che merita la pena di essere compresa un po’ più a fondo:

Leggete anche: Come educare emotivamente i figli con successo

ragazza legge tra i fiori

Le credenze sono stati mentali che le persone adottano come vere o valide d’accordo a certi atteggiamenti e certe esperienze personali.

È interessante tener conto del fatto che, spesso, le persone hanno due diversi tipi di credenze: da una parte ci sono quelle che ci piace esprimere a voce alta e che, dal punto di vista sociale, sono ben viste (io do importanza al rispetto, aiuto chi mi circonda, difendo l’ambiente..). D’altro lato, ci sono credenze implicite, che si basano sull’esperienza emotiva e delle quali, a volte, non siamo pienamente coscienti:

Io non aiuto un determinato amico, perché penso che non se lo meriti (quando, in realtà, non lo aiutate per invidia o perché non condividete il suo orientamento politico, etc).

Vi consigliamo di leggere anche: Nessuno merita il vostro amore più di voi stessi

Psicologi e studiosi del tema, come, ad esempio, Janoff Bulman, ci dicono che le persone hanno un sistema concettuale basico di credenze.   

Queste ci permettono di affrontare la vita in modo più sicuro, a seconda di ciò che pensiamo vada bene e alle aspettative che abbiamo rispetto al mondo e a noi stessi.

  • Disponiamo di un sistema di credenze sulla nostra dignità, ed è qui che facciamo una chiara selezione tra ciò che accettiamo e ciò che non accettiamo, per proteggerci e difenderci. In questa dimensione interviene l’egoismo.
  • Disponiamo anche di uno schema di credenze su come funziona il mondo, la giustizia e il destino.

La necessità di essere coerenti con le nostre credenze

Le persone apprendono ogni giorno e, di fronte a nuove esperienze, traggono le proprie lezioni, che permetteranno loro di vedere il mondo in un determinato modo e di difendere determinate cose rispetto ad altre.

Qualcosa di cui dobbiamo tener conto è che, per migliorare la convivenza, è necessario mantenere un atteggiamento che ci permetta di rispettare gli altri ed offrire in questo modo il meglio di noi stessi, oltre a prenderci cura della nostra dignità.

Una cosa non esclude l’altra: il tuo e il mio possono raggiungere un equilibrio nel quale tutti si rispettano e hanno ragione.   

L’essere umano, in linea generale, non ha ancora ben capito la nobiltà che risiede nell’aiutare il prossimo, nel cambiamento che avviene in noi quando diamo il meglio per promuovere un impatto positivo nell’ambiente circostante.

Non stiamo parlando, per fare un esempio, di investire tutti i nostri averi per aiutare ogni mese le popolazioni del terzo mondo.

La bontà deve iniziare ad essere praticata con le persone a noi più vicine, come i familiari, gli amici, i vicini… Piccoli gesti che offrono grandi risultati.

fiori giganti e uomo in miniatura

Siate coerenti con le vostre idee

Evitate di difendere idee che, in seguito, non potreste trasformare in azioni. Questo causerà sfiducia e allontanerà le persone che vi circondano.

È necessario essere coscienti di tutto ciò che si esprime a voce alta e, per questo, non lasciarsi influenzare da quello che è ben visto o da quello che gli altri si aspettano da noi.

Cercate di fare in modo che le vostre azioni vadano di pari passo con i vostri valori: questo è un meraviglioso modo per raggiungere l’equilibrio interiore.

Leggete anche: 13 consigli per condurre una vita più felice

Non abbiate paura di assumere nuove idee, nuovi schemi di pensiero

Chi si afferra alle proprie idee per tutta la vita, negandosi di rivitalizzare il suo punto di vista, non si adatta ai cambiamenti né si permette di essere più libero, flessibile nei pensieri, nelle intuizioni e nelle percezioni.

Dobbiamo essere ricettivi nei confronti di tutto quello che ci circonda, ascoltare chi ci sta intorno: leggete, osservate, deducete, accettate, sorprendetevi… Tutto questo vi permetterà di avere una mente più aperta e sensibile, in grado di incorporare nuovi atteggiamenti e pensieri che vi aiuteranno ad essere persone migliori.

Vale la pena tenerne conto ed essere sempre coerenti con i nostri valori e le nostre azioni.  

Convivere con il resto del mondo può risultare a volte molto complesso, ma se ci impegniamo nel dare il meglio di noi stesso, mantenendo una buona autostima e un’adeguata empatia, la nostra realtà sarà più nobile.

Categorie: Sesso e rapporti Tags:
Guarda anche