Colorare i mandala: ecco come aiuta i bambini

I mandala possono anche essere di grande beneficio per i bambini con bisogni speciali, poiché li aiutano a rilassarsi e rafforzano la capacità di raggiungere gli obiettivi
Colorare i mandala: ecco come aiuta i bambini

Ultimo aggiornamento: 05 febbraio, 2019

Colorare i mandala è un’arte terapeutica molto diffusa. Già da qualche anno il loro impiego nelle aule scolastiche si è dimostrato fonte di grandi benefici per lo sviluppo fisico ed emotivo dei bambini. È, quindi, una tecnica da tenere in considerazione.

È una risorsa semplice ed economica ma ideale per migliorare nel bambino la concentrazione, l’immaginazione e persino la capacità di esprimere le emozioni.

Oggi, nel nostro spazio, vogliamo spiegarvi perché il rilassante esercizio di colorare i mandala è di grande beneficio per i più piccoli.

I mandala: l’arte del cerchio

mandala colorato

Lo psichiatra Gustav Jung diceva che il mandala (“cerchio” in sanscrito) è quella figura essenziale e trascendentale che rappresenta l’equilibrio e la perfezione.

Il cervello umano, nel corso dell’evoluzione, ha introiettato figure e immagini in grado di offrire calma e armonia.

  • La figura del cerchio trasmette ai bambini un “limite visivo” al centro del quale si trova la fantasia, il movimento e la magia. Fuori da questo cerchio, c’è il caos.
  • Il mandala è uno stimolo visivo che invita i più piccoli a creare, a immaginare, a trovare l’armonia nel disordine.
  • Per i buddhisti, i mandala ci aiutano a “strutturare” la nostra essenza interiore.

Per questi motivi, colorare i mandala è un ottimo esercizio da proporre al bambino sin dalla tenera età.

Colorare i mandala: una strategia per migliorare la concentrazione

mandala da colorare e pennarelli

Se al fascino naturale che i bambini provano per i colori e per l’attività del colorare aggiungiamo la bellezza visiva dei mandala, otterremo la combinazione perfetta per raggiungere i seguenti obiettivi:

  • Quando colorano, i bambini stanno in silenzio e si concentrano. Esistono mandala più o meno complessi e quanto maggiore sarà la loro diversità, maggiori saranno anche i processi cognitivi che useranno i bambini: attenzione, flessibilità, immaginazione, etc.
  • Un mandala deve essere completato per creare un effetto, un impatto visivo ed emotivo. I bambini lo sanno e vi lavoreranno fino ad averlo completato per potervelo mostrare orgogliosi.
  • Questo bisogno di finire il mandala stimola nel bambino la capacità di raggiungere i propri obiettivi e il senso di responsabilità.

I mandala: alleati dei bambini con bisogni speciali

bambina down sorridente

Al giorno d’oggi, molti educatori e pedagogisti propongono i mandala ai bambini con bisogni speciali.

  • Colorare i mandala è molto utile, ad esempio, ai bambini affetti da sindrome di Down o da autismo; permette loro di rilassarsi, di controllare i movimenti e di trovare un buon mezzo per esprimersi.
  • Ai bambini che soffrono di ADHD (sindrome da deficit di attenzione con o senza iperattività) piace molto questo esercizio. Colorare i mandala li rilassa, permette loro di concentrarsi e rafforza la loro capacità di raggiungere gli obiettivi.

Sviluppo della motricità fine e coordinazione oculo-manuale

Ci sorprendiamo sempre quando vediamo l’abilità dei più piccoli con le nuove tecnologie: fanno scorrere lo schermo, aprono i messaggi, ingrandiscono le immagini…

Lo stimolo visivo dei telefoni cellulari e degli schermi è molto utile, ma usato in eccesso può sovreccitare i loro sensi e il cervello. È necessario limitare l’uso di queste tecnologie il più possibile.

Al contrario, invece, colorare i mandala reca grande beneficio alla maturità del cervello di un bambino. I motivi sono diversi:

  • Favorisce la coordinazione oculo-manuale.
  • I movimenti necessari per afferrare i colori ed usarli aiutano a migliorare le connessioni cerebrali. È importante stimolarle in modo graduale e costante soprattutto nei bambini tra i 2 e gli 8 anni.
  • Grazie a tutto questo, vedremo migliorare la precisione nella scrittura, il modo in cui maneggiano gli oggetti, la capacità di allacciarsi le scarpe
  • Riusciranno a concentrarsi meglio sulle attività quotidiane e a ignorare le distrazioni, poiché colorare i mandala migliora incredibilmente la loro capacità di attenzione.

Come proporre al bambino l’arte di colorare i mandala

mandala tibetano

Colorare i mandala non deve essere un compito. Non bisogna imporlo, perché i bambini devono vederlo come un piacere.

  • Trovate il momento migliore della giornata per offrirgli i fogli da colorare. Se quel giorno ha già colorato dei mandala a scuola, è meglio che non lo faccia anche a casa. In questo modo non si sovraccaricherà o annoierà.
  • Permettete al bambino di scegliere il mandala che più gli piace. Esistono disegni con animali, stelle, figure di alberi o semplici geometrie tra cui scegliere.
  • A poco a poco, aumentate la complessità degli schemi. In questo modo, riuscirete a motivarlo molto di più.

Ricordate che su Internet potete trovare numerosi siti da cui scaricare gratuitamente bellissimi mandala pronti da colorare.

Potrebbe interessarti ...
Attività da fare a casa quando piove
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Attività da fare a casa quando piove

Stare a casa quando piove può essere un'ottima occasione per godersi la famiglia. Per questo motivo, abbiamo deciso di darvi qualche idea.



  • Carsley, D., Heath, N. L., & Fajnerova, S. (2015). Effectiveness of a Classroom Mindfulness Coloring Activity for Test Anxiety in Children. Journal of Applied School Psychology31(3), 239–255.
  • Curry, N. A., & Kasser, T. (2005). Can coloring mandalas reduce anxiety? Art Therapy. https://doi.org/10.1080/07421656.2005.10129441
  • Duskova, K. (2002). How to use your eyes. Art Bulletin. https://doi.org/10.1017/CBO9781107415324.004
  • Guamanzara Conchambay, M. A. (2015). Eficacia de la técnica pictórica mandala en el incremento de los niveles de atención selectiva en niños y niñas de 7 a 9 años de edad diagnosticados con TDA (Bachelor’s thesis, Quito: UCE). http://www.dspace.uce.edu.ec/handle/25000/7240
  • Henderson, P., Rosen, D., & Mascaro, N. (2007). Empirical study on the healing nature of mandalas. Psychology of Aesthetics, Creativity, and the Arts. https://doi.org/10.1037/1931-3896.1.3.148
  • Troncoso, M. I. (2018). Los mandalas y el pensamiento espacial y geométrico en el pre-escolar. Revista Boletín Redipe, 7(4), 99-106. https://revista.redipe.org/index.php/1/article/view/486/465
  • Reid, M., Botta, R., & Prieto, F. (2017). Mandala: Otra forma de abordar conceptos geométricos. UNIÓN. Revista Iberoamericana de Educación Matemática, 49, 217-230.
  • Urrutia García, S. J., & Donis Barrera, L. M. (2009). La aplicación de la terapia de arte como tratamiento psicológico de experiencias traumáticas en niños y niñas de 7 a 12 años (Doctoral dissertation, Universidad de San Carlos de Guatemala). http://www.repositorio.usac.edu.gt/13376/1/13%20T%281671%29.pdf