Risvegliare nel bambino l’interesse per la lettura

30 Gennaio 2019
Leggere non è necessario solo per imparare. Si tratta di un'abitudine e di un piacere che va coltivato sin dalla più tenera età. Per far crescere bambini-lettori è necessario che anche i genitori lo siano.

Per crescere bambini amanti della lettura è necessario che anche i genitori siano dei lettori. Per stimolare l’interesse per la lettura non c’è niente di meglio che dare l’esempio. Insegnare ai bambini il piacere della lettura implica diverse cose.

Da un lato, fa sì che scoprano il piacere della lettura individuale e che la riconoscano come un’occasione per imparare ma anche come forma di intrattenimento.

Dall’altro, come momento di condivisione, di incontro e di scambio di idee con gli altri.

La lettura di un solo libro può lasciare il segno in un bambino e trasformarlo in un fan di un determinato autore o di un genere per sempre.

Leggere è un’abitudine che si coltiva sin dalla più tenera età, quando i bambini sanno appena parlare e i genitori si siedono a leggere per loro una fiaba.

Oggi vi spiegheremo come risvegliare nel bambino l’interesse per la lettura.

Come risvegliare nel bambino l’interesse per la lettura?

Bambina che legge

Possiamo iniziare a leggere per nostro figlio sin da quando si trova ancora nel grembo materno.

Ascoltare il tono e l’intonazione che diamo alla lettura sarà una forma di comunicazione con la madre e l’inizio di un’affascinante abitudine.

Una volta nato, potreste acquistare per lui libri dedicati ai bambini. I disegni di grandi dimensioni e i colori vibranti di questo tipo di libri sono la prima forma di avvicinamento alla lettura.
A partire dal primo anno di vita, potreste iniziare a leggere per lui racconti per l’infanzia adatti alla sua età.

Inoltre, per risvegliare nel bambino l’interesse per la lettura, potreste iniziare leggendo per lui qualcosa ogni giorno.

Questa abitudine di leggere prima di metterlo a letto può essere uno dei momenti più piacevoli in uno dei nostri giorni frenetici.

Tuttavia, bisogna insistere un po’ di più. Vi spieghiamo come fare proprio in questo articolo.

Potrebbe interessarvi anche: Insegnare ai bambini a sfruttare bene il tempo 

Ai bambini piace che qualcuno legga per loro. È un’abitudine meravigliosa per stimolare non solo l’amore per la lettura, ma anche per arricchire il loro linguaggio.

Di sicuro, ci saranno libri che leggerete più e più volte: anche se può sembrarvi noioso leggere nuovamente lo stesso racconto, sappiate che vostro figlio continuerà ad apprezzarlo come il primo giorno.

2. Lasciate i libri a portata di mano

Dovrebbero esserci libri a portata di mano per vostro figlio, che sia in camera sua  o accanto al suo letto.

Oppure, portateli con voi quando andate in vacanza o quando viaggiate in metro o in bus; è bene che abbia sempre uno o più libri da prendere e poter leggere, anche solo per pochi minuti ogni volta. Potreste anche creare un angolo di lettura in casa.

3. Continuate a leggere per lui anche quando sa già leggere

Anche quando il bambino avrà imparato a leggere, sappiate che apprezzerà comunque che gli leggiate un libro.

È uno di quei momenti incancellabili in cui sentirsi più vicini e con più cose da condividere. I bambini si rilassano e ci ascoltano; imparano, inoltre, che i libri racchiudono momenti magici che vale la pena condividere con la famiglia.

Interesse per la lettura

4. Portatelo al cinema a vedere la versione cinematografica dei libri

Sono molti i film o le serie televisive ispirate ai libri. Dopo aver visto il film, leggete il libro con vostro figlio per scoprire insieme come sono state ricreate le scene o la trama, o quali particolari si trovano nel libro ma non nella pellicola.

Oppure al contrario: dopo aver letto il libro, potreste guardare insieme il film.

5. Cercate libri nuovi

Tra le attività settimanali da fare in famiglia, includete delle visite in biblioteca o in libreria.

Le librerie di seconda mano possono nascondere grandi tesori che vale la pena scovare. Portate a casa con voi non solo libri da leggere con i vostri figli, ma anche dei libri per voi.

6. Lasciatelo interagire con la tecnologia

Dispositivi come Kindle, Nook o iPad possono essere nostri alleati per promuovere l’interesse per la lettura. Il formato elettronico è molto attraente per i bambini o per chi è restio alla lettura.

Tuttavia, per quanto attraenti risultino i libri interattivi, possono inibire la comprensione di lettura. Utilizzate la risorsa, ma senza dimenticare i cari e vecchi libri su carta stampata.

Potrebbe interessarvi sapere: Che cos’è la dislessia? 

7. Qualunque tipo di lettura va bene

La varietà di titoli e temi risveglia l’interesse. Sebbene i racconti per l’infanzia siano tra i preferiti, i bambini potrebbero anche leggere altri libri, didattici o informativi.

Se a vostro figlio piacciono i pirati, i dinosauri o i pianeti, cercate libri su questi argomenti. I classici o i comics sono buone scelte per bambini.

8. Partecipate a eventi di promozione della lettura

Sicuramente nei dintorni di casa vostra ci saranno librerie che organizzano giornate dedicate alla lettura di racconti.

Portate i vostri bambini ad ascoltare la lettura di un libro recitato da altre persone oppure partecipate a fiere del libro: sono grandi opportunità per trovare una varietà di libri a diverse fasce di prezzo.

Inoltre, permettono anche di incontrare autori (il che è un altro modo per avvicinarsi alla lettura).

Padre che legge un libro con figlia

Leggere: un abitudine per tutta la famiglia

Come dicevamo all’inizio di questo articolo, per cresce un bambino amante della lettura, il piccolo deve vedere i suoi genitori leggere a loro volta.

I bambini imparano, infatti, da ciò che vedono e incentivare l’interesse per la lettura non fa eccezione. 

Godetevi qualche istante di lettura con i vostri figli. Oggi leggete per loro delle fiabe, domani potreste leggere romanzi o godervi un pomeriggio trascorso a parlare di un libro.

Il valore che date all’abitudine della lettura all’interno della famiglia sarà il principale motore dell’amore per la lettura stessa.

  • Hargrave, A. C., & Sénéchal, M. (2000). A book reading intervention with preschool children who have limited vocabularies: The benefits of regular reading and dialogic reading. Early Childhood Research Quarterly. https://doi.org/10.1016/S0885-2006(99)00038-1
  • Shaywitz, S. E., & Shaywitz, B. A. (2008). Paying attention to reading: The neurobiology of reading and dyslexia. Development and Psychopathology. https://doi.org/10.1017/S0954579408000631
  • Cavanaugh, C. L., Kim, A., Wanzek, J., & Vaughn, S. (2006). Interventi per favorire l’apprendimento della lettura nei bambini «a rischio» dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia: venti anni di ricerche. Dislessia. Giornale Italiano Di Ricerca Clinica e Applicativa.