Insegnare ai bambini a sfruttare bene il tempo

7 Gennaio 2019
È compito dei genitori insegnare ai bambini a organizzarsi. Una buona gestione del tempo si riflette nel rendimento scolastico, nel gioco e nelle attività ricreative.

Imparare a organizzare le proprie attività quotidiane e a sfruttare bene il tempo è importante anche per i bambini. Andare a scuola, fare i compiti a casa e avere anche tempo per giocare… si può fare tutto con un po’ di pianificazione e se i genitori riescono a insegnare ai bambini che a ogni attività è riservato un momento preciso.

Gli orari di mamma e papà condizionano la vita quotidiana dei più piccoli. Quando entrambi lavorano tutto il giorno o quando solo uno dei due può occuparsi della casa, si tende a riempire la vita dei figli di attività. In questo modo si finisce per stravolgere completamente la loro gestione del tempo.

Che i bambini saltino da un’attività all’altra, tuttavia, non significa che sappiano sfruttare bene il tempo. È anzi probabile che anche noi, in quanto genitori, non riusciamo a gestirlo al meglio. Eppure, insegnare ai bambini a organizzare il proprio tempo è senz’altro importante, trattandosi di una competenza che farà parte del loro bagaglio educativo.

Insegnare il valore del tempo

Bambine sul bordo della piscina

Quante volte i nostri figli ci hanno sentito dire “il tempo è denaro” oppure “non ho tempo”? Se sono piccoli, sicuramente non capiscono di cosa stiamo parlando.

Il bambino inizialmente non ha cognizione del tempo e di come influisce sulle nostre vite. Crescendo, comincia a capire concetti come “oggi”, “domani”, “più tardi”, “più in là”. Categorie temporali che vengono acquisite maturando.

Educare a dare valore al tempo comincia al sorgere del sole. C’è un tempo per alzarsi, vestirsi, fare colazione, andare a scuola. Questi primi istanti della giornata rappresentano la prima opportunità per insegnare ai bambini a sfruttare bene il tempo.

Leggete anche: Colazioni adatte ai bambini: sane e gustose

Finita la scuola, bisogna organizzare i compiti a casa, frequentare un’attività extrascolastica e giocare. Bisogna insegnare ai bambini che c’è un momento per ogni cosa e che dopo potranno godere di un meritato tempo libero.

È un errore occupare tutto il tempo dei nostri figli, ma è proprio quello che tendiamo a fare: saturarli di attività. Meglio, invece, insegnare loro che hanno dei doveri e che dopo averli assolti potranno disporre di tempo libero e decidere come usarlo. Questa è la migliore ricompensa.

Come insegnare ai bambini a sfruttare bene il tempo

Come avviene in ogni questione legata all’educazione dei bambini, vale il nostro esempio. Se la mattina li portiamo trafelati a scuola, se arriviamo in ritardo all’uscita, non stiamo dando loro un buon esempio di gestione del tempo.

L’organizzazione della nostra agenda è fondamentale anche per i nostri figli. Grandi o piccoli che siano, percepiscono se sappiamo gestire il tempo da dedicare al lavoro, alle faccende domestiche, a loro.

Le ore da dedicare allo studio, ad esempio, devono essere pianificate. I compiti a casa non possono essere fatti prima di andare a dormire. Nemmeno i progetti scolastici che richiedono giorni di preparazione o lo studio per un esame possono essere affrontati all’ultimo momento.

Aiutare il bambino a organizzare compiti e responsabilità è il modo migliore per insegnargli a sfruttare meglio il tempo.

Leggete anche: Insegnare la matematica ai bambini

Al bambino deve essere trasmessa anche l’idea che più produttivo ed efficace sarà nei compiti e nei suoi doveri, più potrà potrà godere delle proprie ore libere.

Una delle attività principali per il bambino è il gioco. Approfittiamo dunque di questo forte interesse per insegnargli l’importanza della giusta organizzazione.

Aiutarli a organizzarsi

Mamma aiuta la figlia a fare i compiti

Disporre di tempo libero per i propri giochi preferiti è la migliore ricompensa che possa ricevere un bambino che sa gestire il proprio tempo. Ecco tre consigli chiave per aiutarlo in questo:

Stabilire orari “ragionevoli”

I bambini devono rispettare degli orari precisi che comprendano il tempo dedicato al gioco, allo studio, alla televisione, allo sport o a navigare su internet. Ai bambini piacciono gli orari, ma questi non devono andare a discapito della spontaneità o della flessibilità.

Creare e incoraggiare le abitudini

  • Appena svegli i bambini devono sapere che devono prepararsi per andare a scuola.
  • Prima di giocare, devono fare i compiti.
  • Devono riporre i giocattoli prima di usarne altri.
  • Prima di andare a dormire, devono preparare lo zaino per il giorno dopo e lavarsi.

Le abitudini sono ideali per organizzare il tempo e creare armonia.

A ognuno il proprio ruolo e responsabilità

Anche i ruoli entusiasmano e motivano il bambino ad adempiere alle proprie responsabilità. I vostri figli devono sapere che sono incaricati di “qualcosa” in casa.

Allo stesso modo, se i figli sono due o più, occorre dividere i ruoli e le responsabilità. Ad esempio, uno ha il compito di portare fuori il cane, l’altro di innaffiare le piante.

Riflessioni finali

Bambino dentro uno scatolone gioca a fare l'aviatore

Insegnare ai bambini a usare il proprio tempo in modo produttivo offre enormi vantaggi. Li libera, soprattutto, dalla preoccupazione di avere cose in sospeso da fare. Inoltre, permette loro di portare a termine nel modo più opportuno tutti gli impegni. Infine, potranno godere del meritato riposo e di ore libere per giocare e divertirsi.

  • Prieto Ruz, T., España, E., & Martín, C. (2012). Algunas cuestiones relevantes en la enseñanza de las ciencias desde una perspectiva Ciencia-Tecnología- Sociedad. Revista Eureka Sobre Enseñanza y Divulgación de Las Ciencias.

rodin.uca.es/xmlui/handle/10498/14625

  • Escuela Nacional de Antropología e Historia (Mexico), C. L. (2003). Entre lo colectivo y lo individual: La experiencia de la escuela a través de relatos de vida. Nueva antropología.
  • Murga, H. V. (2014). Tipo de familia y ansiedad y depresión. Revista Médica Herediana.