Bere tè al gelsomino: 8 benefici per la salute

Il consumo di tè al gelsomino come parte di una dieta equilibrata può aiutare a promuovere il benessere. È una bevanda aromatica e ricca di antiossidanti utili per la salute.
Bere tè al gelsomino: 8 benefici per la salute

Scritto da Ekhiñe Graell

Ultimo aggiornamento: 24 agosto, 2022

Il tè al gelsomino è una varietà di tè che viene consumata da generazioni nel sud-est asiatico. Si ottiene infondendo al tè verde la fragranza dei fiori di gelsomino. È anche possibile utilizzare altre varietà di tè, anche se questa combinazione tende a essere la più comune.

S possono ottenere diversi livelli di fragranza. Per produrre un tè dal sapore forte, le foglie vengono mescolate ripetutamente con i fiori di gelsomino, fino a ottenere il risultato desiderato.

Oltre al sapore e alla fragranza, il tè al gelsomino offre vari benefici per la salute. Vediamo i principali.

8 benefici del tè al gelsomino

Prima di conoscere i benefici del tè al gelsomino, è importante fare alcune precisazioni: innanzitutto le prove a sostegno delle sue proprietà sono limitate e, quindi, non dovrebbe essere un trattamento di prima linea per le malattie.

D’altra parte, il fatto che questo tè abbia un’origine naturale non significa che non possa causare effetti collaterali. È controindicato in alcuni casi, come ad esempio in gravidanza. Pertanto, prima di utilizzarlo come integratore in caso di qualsiasi problema di salute, è meglio consultare il medico.

Detto questo, vediamo i benefici attribuiti a questa bevanda. Se vi piace, potete consumarla una o due volte al giorno senza problemi.

1. Un aiuto contro stress e tensione

L’effetto calmante del tè verde, combinato con l’aroma del gelsomino, è molto efficace nell’alleviare lo stress. In effetti, una ricerca pubblicata su European Journal of Applied Physiology ha scoperto che l’aroma a bassa intensità del tè al gelsomino ha un lieve effetto sedativo.

Grazie a ciò agisce positivamente sia sul sistema nervoso autonomo che sugli stati d’animo. D’altra parte, il sapore leggermente dolce del gelsomino induce anche uno stato di rilassamento. Tutto questo, senza dubbio, è utile contro gli effetti dello stress.

2. Salute della bocca

Controllo dal dentista.
Le catechine contenute in questa varietà di tè hanno mostrato effetti interessanti contro la carie dentale.

Il tè al gelsomino, a base di tè verde, contiene catechine. Queste sostanze, che fanno parte del gruppo dei polifenoli, sono utili in caso di problemi come la carie dentale.

In uno studio pubblicato su Journal of Indian Society of Periodontology, un collutorio a base di catechina al tè verde è risultato efficace quanto un collutorio antisettico contro la placca dentale.

Una pubblicazione apparsa su Journal of Nutritional Science and Vitaminology sottolinea che questo tè può aiutare a ridurre la presenza di batteri che causano l’alitosi.

3. Controllo del colesterolo

Il colesterolo è un lipide o grasso presente nei tessuti del corpo; inoltre, si trova anche nel plasma sanguigno. Svolge un ruolo molto importante nella formazione delle membrane a protezione degli organi, ma un eccesso può ostruire le arterie e mettere a rischio la salute.

Il tè al gelsomino favorisce la riduzione dell’accumulo di colesterolo e grassi malsani nell’organismo. Allo stesso modo, come osservato in uno studio pubblicato sulla rivista Molecules, può anche aiutare a ridurre la formazione di colesterolo cattivo grazie al suo contenuto di polifenoli. Uno degli effetti è un miglioramento della salute cardiovascolare.

4. Meno raffreddore e influenza

Grazie alla sua composizione in composti antiossidanti come i polifenoli, il tè al gelsomino aiuta a rafforzare il sistema immunitario e, quindi, riduce il rischio di contrarre raffreddore e influenza. Un consumo moderato di questo tè, inoltre, è associato a un minor rischio di BPCO.

5. Tè al gelsomino e controllo del peso

Il tè al gelsomino aiuta a perdere peso
Non è un prodotto miracoloso per dimagrire e non sostituisce una dieta sana ed equilibrata. Tuttavia, il tè al gelsomino ha effetti positivi contro l’eccesso di peso.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Obesity reviews, diversi studi hanno riportato risultati circa l’effetto di miscele di catechina e caffeina o sola caffeina sul dispendio energetico e sull’ossidazione dei grassi. Ad esempio, l’ossidazione dei grassi giornaliera è risultata significativamente aumentata dopo l’ingestione di miscele di catechina e caffeina.

In ogni caso, affinché questa bevanda abbia effetti significativi sul dimagrimento e sul mantenimento del peso, è importante adottare uno stile di vita sano. Altrimenti, il consumo da solo è insufficiente.

6. Promuove lo sviluppo di batteri benefici

Si attribuisce al gelsomino la capacità di stimolare la crescita di batteri benefici, in grado di aiutare il corpo a svolgere vari compiti importanti, come la digestione.

Uno studio pubblicato su Microbiology and Immunology indica che il consumo di tè verde (la base del tè al gelsomino) potrebbe fungere da prebiotico, migliorando l’ambiente del colon e aumentando la proporzione del ceppo Bifidobacterium.

Il consumo di questa bevanda aiuterebbe quindi a proteggere il microbiota intestinale, contribuendo anche alla prevenzione delle malattie digestive.

7. Una migliore circolazione

Bere il tè al gelsomino è utile per migliorare la circolazione sanguigna. Ancora una volta, le cause di questo effetto sono i polifenoli. Grazie a questa proprietà, il tè al gelsomino può favorire – indirettamente – la salute del sistema cardiovascolare

8. Meno rischio di diabete

Donna controlla la glicemia.
Il tè al gelsomino, come parte di una dieta sana ed equilibrata, aiuta a regolare i livelli di glucosio nel sangue.

Il consumo di tè al gelsomino a base di tè verde sembra ridurre il rischio di diabete di tipo 2. Secondo una ricerca pubblicata su Journal of Agricultural and Food Chemistry, il suo alto contenuto di un composto noto come EGCG aiuta a ottimizzare l’utilizzo dell’insulina e abbassare i livelli di glucosio nel sangue.

Come preparare e bere il tè al gelsomino?

La preparazione del tè può variare a seconda del prodotto che si acquista. Sia le bustine di tè che le foglie sfuse hanno una preparazione specifica che deve essere indicata sulla confezione. La preparazione però non si discosta molto da quella di un tè tradizionale, quindi si procede come segue:

  • Portare a ebollizione la quantità d’acqua desiderata.
  • Aggiungere la bustina di tè o un cucchiaio di foglie sciolte per ogni tazza d’acqua.
  • Far bollire per qualche minuto.
  • Togliere dal fuoco e consumare alla temperatura preferita.

È bene non aggiungere alcun tipo di dolcificante per non alterare il sapore delicato del gelsomino. La frequenza di consumo può variare. L’ideale è berlo almeno una volta al giorno o in un momento di stress se si vogliono sfruttare le sue proprietà calmanti.

Conoscevate questi effetti del tè al gelsomino?

Come abbiamo visto, il consumo di tè al gelsomino come parte di una dieta equilibrata può aiutare a promuovere il benessere. Tuttavia, non deve essere considerato un trattamento per qualunque malattia e dovrebbe essere usato con cautela in caso di malattie croniche. In caso di dubbio, è meglio consultare prima il medico.

Potrebbe interessarti ...
Migliorare la digestione con rimedi alle erbe
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Migliorare la digestione con rimedi alle erbe

Le piante medicinali possono migliorare la digestione in modo naturale. Se soffrite di disturb digestivi, potete usare questi rimedi.



    • Kuroda, K., Inoue, N., Ito, Y., Kubota, K., Sugimoto, A., Kakuda, T., & Fushiki, T. (2005). Sedative effects of the jasmine tea odor and (R)-(-)-linalool, one of its major odor components, on autonomic nerve activity and mood states. European Journal of Applied Physiology95(2–3), 107–114. https://doi.org/10.1007/s00421-005-1402-8
    • Lodhia, P., Yaegaki, K., Khakbaznejad, A., Imai, T., Sato, T., Tanaka, T., … Kamoda, T. (2008). Effect of green tea on volatile sulfur compounds in mouth air. Journal of Nutritional Science and Vitaminology54(1), 89–94. https://doi.org/10.3177/jnsv.54.89
    • Kaur, H., Jain, S., & Kaur, A. (2014). Comparative evaluation of the antiplaque effectiveness of green tea catechin mouthwash with chlorhexidine gluconate. Journal of Indian Society of Periodontology18(2), 178–182. https://doi.org/10.4103/0972-124X.131320
    • Chen, W., Zhang, Z., Shen, Y., Duan, X., & Jiang, Y. (2014). Effect of tea polyphenols on lipid peroxidation and antioxidant activity of litchi (Litchi chinensis Sonn.) fruit during cold storage. Molecules19(10), 16837–16850. https://doi.org/10.3390/molecules191016837
    • Khan N, Mukhtar H. Tea Polyphenols in Promotion of Human Health. Nutrients. 2018;11(1):39. Published 2018 Dec 25. doi:10.3390/nu11010039
    • Hursel, R., Viechtbauer, W., Dulloo, A. G., Tremblay, A., Tappy, L., Rumpler, W., & Westerterp-Plantenga, M. S. (2011). The effects of catechin rich teas and caffeine on energy expenditure and fat oxidation: A meta-analysis. Obesity Reviews12(7). https://doi.org/10.1111/j.1467-789X.2011.00862.x
    • Hursel, R., Viechtbauer, W., Dulloo, A. G., Tremblay, A., Tappy, L., Rumpler, W., & Westerterp-Plantenga, M. S. (2011). The effects of catechin rich teas and caffeine on energy expenditure and fat oxidation: A meta-analysis. Obesity Reviews12(7). https://doi.org/10.1111/j.1467-789X.2011.00862.x
    • Jin, J. S., Touyama, M., Hisada, T., & Benno, Y. (2012). Effects of green tea consumption on human fecal microbiota with special reference to Bifidobacterium species. Microbiology and Immunology56(11), 729–739. https://doi.org/10.1111/j.1348-0421.2012.00502.x
    • Hayat, K., Iqbal, H., Malik, U., Bilal, U., & Mushtaq, S. (2015). Tea and Its Consumption: Benefits and Risks. Critical Reviews in Food Science and Nutrition55(7), 939–954. https://doi.org/10.1080/10408398.2012.678949
    • Hodgson, J. M., & Croft, K. D. (2010, December). Tea flavonoids and cardiovascular health. Molecular Aspects of Medicine. https://doi.org/10.1016/j.mam.2010.09.004
    • Anderson, R. A., & Polansky, M. M. (2002). Tea enhances insulin activity. Journal of Agricultural and Food Chemistry50(24), 7182–7186. https://doi.org/10.1021/jf020514c