Il caffè fa bene alla salute? Quanti ne possiamo bere?

Oltre a ridurre i livelli di stress, il caffè agisce come antidepressivo naturale, poiché quando lo consumiamo secerniamo serotonina, dopamina e noradrenalina, che ci fanno stare bene.
Il caffè fa bene alla salute? Quanti ne possiamo bere?

Ultimo aggiornamento: 02 luglio, 2020

Il caffè fa bene alla salute? Un tonico confortante la mattina, quest’odore inebriante che ci avvolge, a chi non piace un buon caffè dopo i pasti o a colazione?

In tantissimi lo amiamo, ma siamo sicuri che vi chiedete se il caffè fa bene e se quelli che prendete al giorno sia la quantità adeguata. Ve ne parliamo a seguire.

I 4 benefici del caffè

caffè fa bene

1. Contiene molti antiossidanti

È un vero tesoro di antiossidanti, oltre a essere ricco di potassio, magnesio, manganese, cromo, probiotici, vitamine e tocoferolo. In realtà è curioso quello che uno studio condotto qualche anno fa negli Stati Uniti ha riscontrato: la maggior parte delle persone ottiene la maggioranza degli antiossidanti dal caffè piuttosto che dalla frutta e dalla verdura poiché, in generale, si tende a consumare più caffè rispetto a questi alimenti.

2. Può aiutare a ridurre lo stress

Forse questa informazione vi stupirà, ma una ricerca condotta dall’Università Nazionale di Seul indica che assumere caffè riduce lo stress.  Infatti, favorisce la presenza di proteine nel cervello, riducendo i livelli di stress. Tuttavia, fate attenzione: ciò avviene solo se si consumano una o due tazze al giorno. Se invece ne bevete di più, otterrete l’effetto contrario.

3. Fa bene al fegato

Questa bevanda è un grande alleato del fegato: se ne prende cura e lo protegge, ad esempio liberandoci dal tanto temuto fegato grasso e addirittura dalla cirrosi. Tutto ciò è dovuto a una combinazione di molte sostanze chimiche che agiscono da protettori: carboidrati, lipidi, amminoacidi, vitamine, sali minerali, alcaloidi e altri componenti bioattivi come la caffeina, i diterpeni e l’acido clorogenico. Tutti questi elementi aiutano a proteggere il fegato.

4. Tira su di morale

No, non si tratta di una sciocchezza. Questa bevanda scura e piacevole agisce da antidepressivo naturale grazie alla sua produzione di neurotrasmettitori come la serotonina, la dopamina e la noradrenalina. Non c’è niente di meglio per iniziare la giornata.

Quante tazze al giorno se ne possono bere?

Tazza di caffè

La prima cosa che dovete sapere sul questa bevanda è che ha effetti diversi da persona a persona. Ad alcuni provoca insonnia, ad altri altera il sonno, ad altri ancora produce acidità.

Risulta evidente, dunque, che dovete essere voi stessi a valutare gli effetti che sortisce sul vostro organismo. Tuttavia, come regola generale, si consiglia di non superare le tre tazzine al giorno.

Secondo vari esperti e specialisti, medici e nutrizionisti, è sconsigliato superare i 500 milligrammi giornalieri di caffeina. Risulta quindi necessario prendere in considerazione anche il tipo di tazza utilizzata, che non deve mai essere particolarmente grande. Per essere più chiari, dunque, vi consigliamo di seguire queste indicazioni:

  • Solubile decaffeinato: 1 mg di caffeina
  • Solubile: 40 mg
  • Americano (filtrato): 30-40 mg
  • Espresso: 200-250 mg di caffeina

Non esitate a godervi una squisita tazza di caffè al giorno. Ricordatevi, inoltre, che se volete perdere peso in modo naturale, non dovete farvi sfuggire l’occasione di provare il delizioso caffè verde.

This might interest you...
Torta al caffè: una ricetta semplice per un dolce delizioso
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Torta al caffè: una ricetta semplice per un dolce delizioso

Siete amanti dei dolci e volete sperimentare sempre cose nuove? Allora vi diciamo come preparare una torta al caffè: vi proponiamo diverse varianti...



  • Antioxidants (Basel). 2013 Dec; 2(4): 230–245. Published online 2013 Oct 15. Antioxidant and Antiradical Activity of Coffee. doi: 10.3390/antiox2040230
    Fundación Española de la Nutrición. El café y sus beneficios. http://www.fen.org.es/blog/el-cafe-y-sus-beneficios/

  • Chen, S., Teoh, N. C., Chitturi, S., & Farrell, G. C. (2014). Coffee and non-alcoholic fatty liver disease: Brewing evidence for hepatoprotection?: Coffee and fatty liver. Journal of Gastroenterology and Hepatology, 29(3), 435-441. doi:10.1111/jgh.12422
    Nieber K. The Impact of Coffee on Health. Planta Med. 2017 Jul 4. doi:
    1055/s-0043-115007. [Epub ahead of print] PubMed PMID: 28675917.
    Tetens, I. (2015). EFSA NDA Panel (EFSA Panel on Dietetic Products, Nutrition and Allergies), 2015. Scientific Opinion on the safety of caffeine. Europen Food Safety Authority.
    Parkinson’s Foundation. Coffee and Parkinson’s: Protection in the Making? https://www.parkinson.org/blog/science-news/coffee-and-parkinsons-protection-in-the-making
    Leitzmann MF, Willett WC, Rimm EB, et al. A prospective study of coffee consumption and the risk of symptomatic gallstone disease in men. JAMA. 1999;281:2106-12.
    Leitzmann MF, Stampfer MJ, Willett WC, Spiegelman D, Colditz GA, Giovannucci EL. Coffee intake is associated with lower risk of symptomatic gallstone disease in women. Gastroenterology. 2002;123:1823-30. https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0016508502004547
    Front Psychol. 2016; 7: 1764. Published online 2016 Nov 14. Caffeine Enhances Memory Performance in Young Adults during Their Non-optimal Time of Day. doi: 10.3389/fpsyg.2016.01764
    FDA. Al grano: ¿cuánta cafeína es demasiada? https://www.fda.gov/consumers/articulos-en-espanol/al-grano-cuanta-cafeina-es-demasiada