Cardo benedetto: proprietà e consigli per l'uso

Il cardo benedetto viene usato nella medicina naturale per stimolare la produzione e la digestione del latte materno. Quali sono gli altri usi? Ne parliamo in questo articolo.
Cardo benedetto: proprietà e consigli per l'uso
Franciele Rohor de Souza

Revisionato e approvato da la farmacista Franciele Rohor de Souza.

Ultimo aggiornamento: 13 dicembre, 2022

Il cardo benedetto (Cnicus benedictus) è una pianta da fiore che appartiene alla famiglia delle Asteraceae/Compositae. Proviene dalla regione mediterranea, anche se oggi è distribuito nelle regioni degli Stati Uniti, dell’Australia e del Sud America.

La pianta si caratterizza per le sue particolari foglie pelose, che ricordano i denti di leone. Ha anche uno stelo ramificato e fiori gialli sfocati che sono spesso usati per scopi medicinali. Non va confuso con il cardo mariano (Silybum marianum), che viene spesso utilizzato come coadiuvante nei disturbi del fegato. Allora a cosa serve? Nello spazio seguente lo dettagliamo.

Proprietà e usi del cardo benedetto

Una revisione nel 2016 descrive in dettaglio che il cardo benedetto contiene glicosidi lattonici sesquiterpenici, triterpenoidi, lignani, flavonoidi, tannini, oli essenziali, oligoelementi e altre sostanze con potenziale farmacologico. Per questo motivo gli vengono attribuite proprietà antimicrobiche, antinfiammatorie, cicatrizzanti e digestive.

Tra l’altro possiede un composto attivo chiamato cnicina, che oltre a dargli il suo sapore amaro, agisce come antibiotico, ipoglicemizzante, diuretico, colagogo e antitumorale. Tuttavia, non ci sono studi clinici sufficienti per determinare l’efficacia di questa pianta contro molte delle malattie in cui viene utilizzata. Pertanto, dovrebbe essere usato con cautela.

Allattamento al seno

Nella medicina naturale, il cardo benedetto è spesso suggerito come galattagogo, cioè stimolante del latte materno. Secondo la letteratura popolare, la pianta stimola la produzione di prolattina o ossitocina, ormoni chiave per l’allattamento. Anche così, non ci sono studi medici che dimostrino questo meccanismo.

Una recensione condivisa su The Ochsner Journal discute la storia d’uso del cardo benedetto come possibile galattagogo. Tuttavia, conclude che sono necessari più studi clinici per determinare se funziona davvero.

Allattamento stimolato dal cardo benedetto.
L’uso galattagogo del cardo benedetto è aneddotico, poiché non ci sono prove scientifiche sufficienti a sostenerlo.

Digestione

Per il suo contenuto di cnicina, questa pianta potrebbe essere un coadiuvante contro le difficoltà digestive. Come spiegato da uno studio condiviso sul Journal of the Serbian Chemical Society , tale sostanza stimola la produzione di saliva e acido gastrico. Pertanto, il suo consumo potrebbe contribuire al processo digestivo e alla prevenzione dei disturbi di stomaco.

Tosse

I tannini, come gli oli essenziali volatili della pianta, sembrano agire da espettorante. Per questo motivo il cardo benedetto viene utilizzato come alleato per far sciogliere il catarro in eccesso. Al riguardo, non ci sono dati scientifici. Tuttavia, si ritiene che possa essere un coadiuvante contro le infezioni respiratorie.

Infezioni batteriche

Le proprietà antimicrobiche del cardo benedetto sono utilizzate per la prevenzione e la cura delle infezioni batteriche. La ricerca suggerisce che possono inibire la crescita di batteri comuni, come lo Staphylococcus aureus.

Allo stesso modo, uno studio condiviso sul Journal of Medicinal Chemistry afferma che la cnicina contenuta nella pianta rallenta la proliferazione batterica, poiché blocca gli enzimi che ne consentono la replicazione.

Altri possibili usi

Per tradizione, il cardo benedetto ha altre applicazioni nella medicina alternativa. Tuttavia, per ora non ci sono prove concrete su questi effetti:

Rischi ed effetti collaterali

Ad oggi non ci sono abbastanza informazioni sui possibili effetti collaterali del cardo benedetto. È considerato sicuro se usato come tè.

Tuttavia, consumare più di 6 grammi al giorno può causare mal di stomaco, nausea e vomito. Lo stesso vale per le sue presentazioni in integratori e tinture.

Per la sua composizione, non è raccomandato nei seguenti casi:

  • Pazienti con malattie infiammatorie intestinali (morbo di Crohn e colite ulcerosa).
  • Donne incinte.
  • Bambini.
  • Pazienti che assumono farmaci diuretici o antiacidi.
  • Allergia all’ambrosia o piante correlate.
Fiore di cardo benedetto.
Il limite di utilizzo giornaliero per il cardo benedetto è di 6 grammi.

Leggi anche: L’erba medica aiuta ad aumentare la produzione di latte materno?

Raccomandazioni per l’uso

Non esiste una linea guida specifica per il corretto utilizzo del cardo benedetto. Gli integratori sono spesso disponibili in dosaggi che vanno da 300 a 450 milligrammi. Non superare le dosi superiori a 5 grammi, poiché può essere irritante per lo stomaco.

In generale, il tè viene preparato con uno o due cucchiaini di erba essiccata per tazza di acqua calda. Altre presentazioni sono la tintura, a base di alcol o aceto, e le capsule.

Da ricordare

Le proprietà del cardo benedetto non sono state ancora studiate in dettaglio. Pertanto, i rimedi derivati dalla pianta non sono approvati dalla Food and Drug Administration (FDA). Bisogna fare attenzione quando si acquistano questi rimedi sul mercato.

Allo stesso modo, se hai malattie di base o sei sotto trattamento medico, è meglio consultare uno specialista. Non va ignorato che i composti vegetali possono interagire con i farmaci o causare alcune complicazioni.

Potrebbe interessarti ...
Erba mate: perché aiuta a dimagrire?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Erba mate: perché aiuta a dimagrire?

%%excerpt%% Il consumo di erba mate si è diffuso in tutto il mondo, anche perché si tratta di un interessante integratore per combattere il sovrapp...



  • Al-Snafi, AE (2016). Los componentes y la farmacología de Cnicus Benedictus-A Review.
  • Bazzano AN, Hofer R, Thibeau S, Gillispie V, Jacobs M, Theall KP. A Review of Herbal and Pharmaceutical Galactagogues for Breast-Feeding. Ochsner J. 2016;16(4):511-524.
  • Tešević, V., Milosavljević, S., Vajs, V., Janaćković, P., Djordjević, I., Jadranin, M., & Vučković, I. (2007). Quantitative analysis of sesquiterpene lactone cnicin in seven Centaurea species wild-growing in Serbia and Montenegro using 1H-NMR spectroscopy. Journal of The Serbian Chemical Society, 72, 1275-1280.
  • Szabó, I., Pallag, A., & Blidar, C. (2009). The antimicrobial activity of the Cnicus benedictus L. extracts. Analele Universitatii din Oradea: Fascicula Biologie, 16, 126-128.
  • Anke Steinbach, Axel J. Scheidig, and Christian D. Klein (2008). The Unusual Binding Mode of Cnicin to the Antibacterial Target Enzyme MurA Revealed by X-ray Crystallography.
    Journal of Medicinal Chemistry, 51 (16), 5143-5147 DOI: 10.1021/jm800609p
  • Ulbricht, C., Basch, E., Dacey, C., Dith, S., Hammerness, P., Hashmi, S., Seamon, E., Vora, M., & Weissner, W. (2008). An Evidence-Based Systematic Review of Blessed Thistle (Cnicus benedictus) by the Natural Standard Research Collaboration. Journal Of Dietary Supplements, 5(4), 422–437. https://doi.org/10.1080/19390210802519754

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.