La curcuma aiuta contro il prediabete?

Se soffri di prediabete, dovresti sapere che il consumo di curcuma può essere positivo per invertire il processo. Sempre che anche le altre abitudini siano cambiate.
La curcuma aiuta contro il prediabete?
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 24 agosto, 2022

La curcuma è una spezia culinaria che può avere effetti molto positivi sulla salute; anche contro il prediabete. Infatti, contiene molti composti antiossidanti. Per questo è bene che appaia nella dieta con frequenza.

I migliori risultati si ottengono consumandone un concentrato come integratore.

Prima di iniziare, è importante notare che l’uso frequente di spezie culinarie come condimenti è benefico per la salute. Come molti altri alimenti a base vegetale, riescono a fornire sostanze fitochimiche e micronutrienti essenziali. Possono aumentare la qualità della dieta e aiutare a combattere lo sviluppo di varie patologie croniche e complesse.

Cos’è il prediabete?

Il prediabete è uno stato di inefficienza metabolica caratterizzato da una marcata insulino-resistenza. In questa situazione, la sintesi dell’ormone è maggiore, poiché le cellule non sono in grado di agire correttamente in sua presenza.

A poco a poco si genera un’infiammazione a livello pancreatico, che si concluderà con lo sviluppo del diabete di tipo 2. Questa malattia è comune nella popolazione adulta ed è condizionata dalle abitudini di vita scorrette.

Infatti, l’elevato consumo di zuccheri semplici e grassi trans aumenta l’incidenza di disturbi metabolici. Ciò è dimostrato da una ricerca pubblicata sulla rivista Current Diabetes Reports.

Tuttavia, il rischio aumenta notevolmente quando si parte da una condizione di inattività fisica. L’assunzione di carboidrati ad alto indice glicemico in situazioni sedentarie diventa pericolosa.

Tuttavia, non è un problema di salute che appare dall’oggi al domani. Ci vogliono anni per sviluppare questa condizione. All’inizio, è comune sperimentare un aumento di peso a causa di una dieta scorretta.

Quindi, il livello di infiammazione nell’ambiente interno aumenterà e genererà resistenza all’insulina. Questa situazione può influenzare anche i livelli di vitamina D, il profilo lipidico o i predittori della funzionalità epatica.

Il pancreas produce insulina.
Il pancreas produce insulina, ma la quantità può diventare insufficiente se lo stimolo con i carboidrati semplici è costante e dura nel tempo.

Per saperne di più: Diabete e salute dei denti: come mantenere un sorriso sano

La curcuma contro il prediabete

Gli alimenti di origine vegetale con un’elevata capacità antiossidante potrebbero ridurre l’incidenza del prediabete, contribuendo anche a correggere il problema. Lo spiega uno studio pubblicato sull’European Journal of Epidemiology.

I fitochimici aiutano a neutralizzare la formazione di radicali liberi e a migliorare il metabolismo cellulare, evitando così disfunzioni a livello mitocondriale. Nello specifico, il consumo di curcuma in quantità sufficienti potrebbe aiutare a prevenire problemi come prediabete e diabete, normalizzando i livelli di glucosio nel sangue.

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Nutrients, la curcumina previene la morte delle cellule beta produttrici di insulina nel pancreas. In questo modo si previene la resistenza all’ormone, che consentirebbe una migliore omeostasi del glucosio.

In condizioni normali i valori terapeutici di questa spezia di solito non vengono raggiunti a cottura ultimata. Per sperimentare un beneficio solido e consistente sarebbe necessario utilizzare un integratore. È meglio utilizzare un concentrato di curcumina, essendo questo il principio attivo con effetti positivi.

Buone abitudini per combattere il prediabete

È importante notare che molte volte non è sufficiente migliorare la dieta per combattere o invertire il prediabete. È necessario avviare altre buone abitudini per ottenere risultati significativi nel medio termine.

Tra tutti, dobbiamo evidenziare la pratica regolare dell’attività fisica, concentrandosi sul lavoro di forza. Grazie a ciò si sperimenta l’ipertrofia del muscolo scheletrico, che riesce a normalizzare i livelli di glucosio nel sangue.

Con l’aumentare del ritmo dello sport, è possibile essere più permissivi con la presenza di zuccheri semplici nella dieta. In questo caso, saranno utilizzati come fonte di carburante per attività ad alta intensità, che impediranno lo sviluppo dell’insulino-resistenza.

Ci sono anche altri composti che si sono dimostrati efficaci nel normalizzare i livelli di glucosio nel sangue. Un esempio potrebbe essere l’estratto di cannella. Stiamo parlando di un potente agente ipoglicemizzante che può aiutare a prevenire il diabete e persino a invertirlo.

Anche il cromo picolinato genera un effetto simile, potenziando l’azione dell’insulina. Riesce addirittura a ridurre l’appetito, provocando una maggiore aderenza alla dieta.

Curcuma per il prediabete.
La curcuma è epatoprotettiva, quindi il suo impatto sul metabolismo trascende il glucosio nel sangue.

La curcuma può essere buona per il trattamento del prediabete

Questa spezia è sicuramente una buona opzione per curare il prediabete, purché venga consumata in dosi adeguate e accompagnata da un cambiamento delle abitudini. Sarà necessario monitorare la dieta nel suo insieme, evitando il consumo di zuccheri semplici e grassi trans.

Bisogna stare attenti con gli additivi alimentari. Questi potrebbero interagire negativamente con il microbiota e alterare lo stato di infiammazione nell’ambiente interno.

Infine, vale la pena sottolineare che il processo di inversione del prediabete non è sempre veloce. Di solito è condizionato dalla perdita di peso. La riduzione del grasso a livello sottocutaneo ridurrà i livelli di infiammazione, consentendo una maggiore efficienza fisiologica.

Potrebbe interessarti ...
Tè detox al pepe di Cayenna, zenzero e curcuma
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Tè detox al pepe di Cayenna, zenzero e curcuma

Un tè detox alla Caienna, zenzero, curcuma e limone, ideale per pulire il sistema linfatico e rafforzare il sistema immunitario.



  • Yoshida, Y., & Simoes, E. J. (2018). Sugar-Sweetened Beverage, Obesity, and Type 2 Diabetes in Children and Adolescents: Policies, Taxation, and Programs. Current diabetes reports18(6), 31. https://doi.org/10.1007/s11892-018-1004-6
  • Schwingshackl, L., Hoffmann, G., Lampousi, A. M., Knüppel, S., Iqbal, K., Schwedhelm, C., Bechthold, A., Schlesinger, S., & Boeing, H. (2017). Food groups and risk of type 2 diabetes mellitus: a systematic review and meta-analysis of prospective studies. European journal of epidemiology32(5), 363–375. https://doi.org/10.1007/s10654-017-0246-y
  • Pivari, F., Mingione, A., Brasacchio, C., & Soldati, L. (2019). Curcumin and Type 2 Diabetes Mellitus: Prevention and Treatment. Nutrients11(8), 1837. https://doi.org/10.3390/nu11081837