Catetere Foley: cos’è e a cosa serve

· 6 Aprile 2019
Avete mai sentito parlare del Catetere Foley? Questo strumento pratico viene usato ancora oggi in molte applicazioni mediche. Vediamo di che si tratta

Il catetere Foley è una sonda flessibile utilizzata per drenare l’urina dalla vescica verso l’esterno. Per questo motivo è anche comunemente noto come catetere urinario o anche vescicale.

Il materiale utilizzato per produrre il catetere Foley è solitamente il lattice, poiché grazie alle sue proprietà offre maggiore comfort e comodità al paziente. Tuttavia, se la persona è allergica a questa gomma, è possibile utilizzare un altro tipo di plastica per mantenere la sterilità della sonda e prevenire eventuali infezioni.

Come curiosità, è interessante sapere che queste sonde prendono il nome dal suo inventore, il chirurgo americano Frederic Foley (1891-1966). Inoltre, come spiegheremo in seguito, queste cannule per uso medico vengono usate in molte situazioni.

Come nasce il catetere Foley?

Il Catetere Foley serve contro la stirichezza

Il catetere Foley viene inserito nell’uretra in modo che possa raggiungere la vescica. Per questo motivo è un tubo che deve adattarsi a diverse dimensioni. Esistono vari modelli della sonda, col fine di adattarsi alle caratteristiche fisiche di bambini, donne e uomini. Esistono anche diversi spessimetri affinché si adatti meglio alle particolarità anatomiche di ogni paziente.

Rispetto all’unità di misura del catetere, viene comunemente utilizzata una scala di misura particolare. Si tratta della scala francese o scala di Charrière, in cui l’1 assoluto è uguale a 0,33 mm. Il numero di unità di Charrière è equivalente alla dimensione della circonferenza del catetere in millimetri. Con il numero di unità di Charrière (rappresentato dalla lettera maiuscola F) è possibile conoscere il diametro della sonda e, quindi, sceglierla in base allo stesso valore dell’uretra.

Nonostante esistano molte sonde, presentano tutte un palloncino gonfiabile, standard e sgonfio quando viene applicato al paziente. Il palloncino è un elemento cruciale per il corretto funzionamento del catetere Foley poiché è l’unico elemento del sistema che impedisce alla cannula di mantenersi nella posizione corretta.

Leggete anche: Eiaculazione retrograda: tutto quello che c’è da sapere

Qual è la tecnica di posizionamento del catetere Foley?

Prima di procedere con l’installazione, occorre verificare che la sonda non sia difettosa. Oggigiorno le case produttrici eseguono dei controlli di qualità molto seri, ma in ambito medico non bisogna mai sottovalutare eventuali problemi. Non è raro che il paziente mostri delle problematiche relative a un cattivo funzionamento dell’oggetto.

Per verificare che la sonda funzioni, è necessario introdurre acqua sterile nell’ugello alloggiato nel palloncino. Se il pallone si gonfia e non ci sono perdite d’acqua, allora gli infermieri potranno posizionare la cannula, senza ulteriori osservazioni.

Il paziente dovrà avere i genitali perfettamente puliti. Con l’aiuto di un po’ di lubrificante, la sonda viene accuratamente inserita nell’uretra. Per facilitare l’ingresso del tubo nella vescica, viene favorita la pressione addominale grazie alla respirazione, assieme a manovre particolari come quella di simulare l’atto di urinare.

Quando il catetere Foley è già alloggiato nella vescica, il palloncino dovrà essere riempito per evitare la fuoriuscita del tubo. Utilizzando una siringa, aria o acqua sterile vengono spinte dentro, attraverso l’ugello alloggiato al principio della cannula, dotata di un chiusura con una piccola valvola.

Infine, la valvola del catetere sarà collegata a una sacca in modo che l’urina venga immagazzinata. Di solito sono presenti dei segni di graduazione sul sacchetto che indicano la quantità in millilitri per facilitare la misurazione del volume.

Scoprite: Incontinenza urinaria: 5 erbe medicinali

Quando bisogna usare il catetere Foley?

Uomo stitico che ha bisogno del Catetere Foley

Questo tipo di sonda si rende necessaria in una serie di situazioni, come per esempio:

  • Incontinenza urinaria: è tipica negli anziani e nei pazienti che hanno subito un danno neurologico con conseguenze gravi sui nervi responsabili della minzione.
  • Qualsiasi situazione che impedisce il completo svuotamento della vescica: è il caso del cancro alla prostata.
  • Pazienti che hanno subito un intervento chirurgico: in tal modo è possibile controllare il volume di urina eliminata.

Quali sono gli svantaggi del catetere Foley?

Quando si utilizza il catetere Foley, il problema principale riguarda il rischio di infezione urinaria. Nonostante sia perfettamente sterilizzato e applicato con cautela dai professionisti, non smette di essere un corpo estraneo. Inoltre, viene alloggiato in un’area in cui i batteri possono essere trascinati dall’esterno dei genitali fin dentro la vescica. Per questo motivo i pazienti devono stare molto attenti all’igiene intima, prima dell’inserimento e durante l’uso della cannula.

È importante evitare che la sacca di drenaggio si giri e crei dei nodi, in modo che il flusso di urina non si interrompa e si accumuli all’interno. Un modo semplice per evitarlo consiste nel fissare il catetere con del nastro adesivo sulla coscia o, se il paziente è costretto a letto, appendere la borsa sotto il lettino in modo che l’urina scorra sfruttando semplicemente la gravità.

  • Catetere di Foley. (s.f.).  SuWikipedia. Pubblicato il 14 dicembre del 2018 da https://it.wikipedia.org/wiki/Catetere_Foley
  • Rueda S, Pérez FJ, P. M. (2013). Protocolo de Sondaje Vesical: Modificación de la técnica para cambio de catéter en portadores de larga duración. Nure Investigación.
  • Tailly T, Denstedt JD. Fundamentals of urinary tract drainage. In: Wein AJ, Kavoussi LR, Partin AW, Peters CA, eds. Campbell-Walsh Urology. 11th ed. Philadelphia, PA: Elsevier; 2016:chap 6.