Cause di parto prematuro più comuni

29 Ottobre 2020
Vi piacerebbe conoscere le possibili cause di parto prematuro? In questo articolo spieghiamo tutto quello che c'è da sapere al riguardo.

Ogni madre desidera che il proprio figlio nasca al momento giusto. Dare alla luce prima della data prevista è una delle principali preoccupazioni che affligge i futuri genitori. Ma quali sono le cause di parto prematuro?

In questo articolo vi spieghiamo quali fattori possono causare un parto prematuro e in che modo capire se il piccolo verrà al mondo prima del momento previsto.

Tutto quello che c’è da sapere sul parto prematuro

Bambino dentro l'incubatrice.
Alcuni fattori di rischio, come l’ipertensione, sono associati alla possibilità che si verifichi un parto prematuro.

Definiamo parto prematuro quello che si verifica prima del tempo previsto o, più specificamente, tra la 21a e la 37a settimana di gestazione. I bambini che invece vengono al mondo tra la 37a e la 40a settimana vengono considerati “a termine”.

Secondo i dati pubblicati sul quotidiano La repubblica nel 2019, ogni anno in Italia nascono circa 32.000 bambini prematuri.

Quelli nati prima della 28a settimana presentano il 65% di probabilità di sopravvivere, mentre quelli che superano questa soglia raggiungono un tasso di sopravvivenza del 95%. Ma cosa provoca un parto prematuro?

Le principali cause di parto prematuro

Le possibili cause di parto prematuro sono tante ed è difficile parlarne senza valutare ogni singolo caso. In generale, tuttavia, i principali fattori che possono anticipare la nascita di un bambino sono i seguenti.

1. Diabete gestazionale

Donna con diabete gestazionale.
Per evitare complicazioni durante la gravidanza è bene tenere sotto controllo il diabete gestazionale.

Il diabete gestazionale è considerato un fattore di rischio di parto prematuro. Ciononostante, non esistono dati esaustivi che garantiscano che questa condizione aumenti il rischio che il piccolo nasca prima del termine.

2. Patologie renali e cardiache

Le gravi condizioni di salute della donna possono influire sul corso della gestazione. Se la donna soffre di una patologia renale o cardiaca, potrebbe verificarsi un parto pretermine.

3. Malattie della tiroide tra le cause di parto prematuro

Gli ormoni tiroidei svolgono un ruolo molto importante nello sviluppo e nella crescita del feto, soprattutto all’inizio della gestazione, oltre a essere fondamentali per lo sviluppo della placenta.

Uno studio condotto dall’American Thyroid Association indica che le alterazioni a carico della tiroide nel corso della gravidanza rientrano tra le possibili cause di parto prematuro.

4. Eclampsia e preeclampsia

La preeclampsia consiste nella mancanza di ossigeno all’interno della placenta. Questa condizione può danneggiare seriamente il corso della gravidanza, provocando una nascita pretermine e perfino gravi danni al nascituro.

Questa complicazione in genere è accompagnata da eclampsia, per cui la donna soffre di convulsioni che possono condurre al coma.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Preeclampsia e complicazioni in gravidanza

5. Distacco della placenta e placenta previa

Il distacco della placenta è una rara condizione per cui la placenta si separa dalle pareti dell’utero; si parla invece di placenta previa quando questa si impianta nel collo dell’utero. Entrambe le condizioni rappresentano possibili cause di parto prematuro.

6. Infezioni delle vie urinarie

Le infezioni delle vie urinarie e quelle vaginali sono associate a un rischio maggiore di parto pretermine. Numerosi studi riportano che i processi infiammatori potrebbero indurre il travaglio o provocare la rottura prematura delle membrane.

7. Dipendenze (tabacco, alcol o droghe) tra le cause di parto prematuro

Donna che spezza una sigaretta perché tra le cause di parto prematuro.
Per ridurre al minimo i rischi di parto prematuro, bisogna evitare le dipendenze.

L’esposizione della madre a sostanze che creano dipendenza potrebbe mettere in pericolo la gravidanza. Questo perché in genere si tratta di condotte associate a scorretta alimentazione, scarso controllo prenatale e possibilità di contagio di patologie virali o a trasmissione sessuale.

Oltre a ciò, le ricerche hanno dimostrato che il consumo di determinate sostanze sono direttamente associate a basso peso alla nascita, malformazioni cardiache, distacco prematuro della placenta, placenta previa e parto pretermine.

8. Stress

Gli autori di uno studio condotto nel Québec hanno riscontrato che le donne che avevano partorito prima del termine manifestano livelli di stress più alti tra la 10a e la 20a settimana.

Ciononostante, i dati a nostra disposizione non sono ancora esaustivi. I ricercatori sostengono che sembrerebbe esistere una relazione diretta, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

9. Depressione

Alcuni medici affermano che i casi di parto pretermine la cui spiegazione non è stata identificata possono essere associati a depressione durante la gravidanza.

In questi casi si verifica un’eccessiva produzione dell’ormone dello stress (cortisolo), così come di corticotropina, e questa combinazione potrebbe indurre il travaglio.

10. Gravidanza multipla

In caso di gravidanza multipla, la maggiore crescita dell’utero può provocare la rottura del sacco amniotico o generare contrazioni anticipate.

11. Ipertensione

Misurazione della pressione durante la gravidanza.
L’ipertensione è uno dei possibili indicatori della presenza di preeclampsia.

Soffrire di pressione alta può complicare la gestazione, aumentando il rischio di soffrire di preeclampsia e indurre un parto pretermine. Per questa ragione, di solito gli specialisti controllano con particolare attenzione le gestanti che presentano problemi di ipertensione.

Vi consigliamo di leggere anche: Ipertensione in gravidanza: sintomi e trattamento

12. Età

Le adolescenti incinte presentano un rischio maggiore di partorire prematuramente perché a causa dello sviluppo fisico incompleto.

Si assiste a un aumento del rischio anche nel caso delle gestanti con più di 35 anni, che presentano con maggiore frequenza altre condizioni come diabete o ipertensione.

13. Ridotto intervallo di tempo tra una gravidanza e l’altra

Due gravidanze molto ravvicinate potrebbero aumentare il rischio di parto prematuro. Ciononostante, non si tratta di una causa certa di nascita pretermine. 

Sintomi del parto prematuro

Visita medica per cause di parto prematuro.
Prendete nota dei sintomi del parto e, in caso di dubbi, consultate il medico.

Quando ha inizio il travaglio dovete recarvi all’ospedale il prima possibile. Si tratta di un’emergenza medica che richiede attenzione a breve termine. I sintomi che possono mettervi in allarme sono i seguenti:

  • Contrazioni forti e regolari che persistono nel tempo: il dolore si irradia alla pancia, il pube e perfino la schiena.
  • Dolore lombare.
  • Coliche simili ai dolori mestruali, ma più forti.
  • Pressione sul pube, che indica che il bebè sta esercitando pressione nel tentativo di uscire.
  • Aumento delle secrezioni vaginali ed espulsione del tappo mucoso.
  • Emorragia vaginale.
  • Rottura delle acque.

Avete preso nota delle possibili cause di parto prematuro? Se avete dei dubbi in merito, non esitate e consultate il medico. Nessuno meglio del professionista potrà rispondere alle vostre domande e tranquillizzarvi sulla base delle vostre condizioni fisiche.

  • NCBI. (2007). Spontaneous preterm delivery and gestational diabetes: the impact of glycemic control. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17429669
  • Ekwo, E. E., Gosselink, C. A., & Moawad, A. (1992). Unfavorable outcome in penultimate pregnancy and premature rupture of membranes in successive pregnancy. Obstetrics and Gynecology, 80, 166–172.
  • The American College of Obstetricians and Gynecologists. (2015). Multiple Pregnancy. Retrieved May 16, 2018, from https://www.acog.org/Patients/FAQs/Multiple-Pregnancy#most External Web Site Policy
  • March of Dimes. (2008, 2010). Preterm labor and birth: A serious pregnancy complication. Retrieved April 23, 2012, from http://www.marchofdimes.com/pregnancy/preterm_indepth.html External Web Site Policy
  • Centers for Disease Control and Prevention. (2018). Births: Final Data for 2016. Retrieved May 16, 2018, from https://www.cdc.gov/nchs/data/nvsr/nvsr67/nvsr67_01.pdf
  • Flores-Ramos, Mónica. Uso de sustancias adictivas durante el embarazo. http://www.scielo.org.mx/pdf/prh/v26n3/v26n3a1.pdf
  • Alirio Ortiz Martíneza,Roberth. Castillo, Alejandro. Relación entre estrés durante el embarazoy nacimiento pretérmino espontáneo. http://www.scielo.org.co/pdf/rcp/v45n2/v45n2a04.pdf